Tentata rapina bancomat Castell’Alfero Asti, ladri in fuga dopo lancio di vasi

Dopo il caso della cassaforte fatta rotolare in una scarpata nel tentativo di aprirla, parliamo di un curioso episodio avvenuto a Castell’Alfero, paese della provincia di Asti.  Anche questa volta, tuttavia, la scelta approntata dai nuovi rapinatori di turno al fine di scassinare un bancomat: non è un caso, del resto, se a volte si parla di “genio” del crimine.

.

Secondo quanto spiegato, tre rapinatori hanno scelto di utilizzare un escavatore per rubare i soldi del bancomat della banca.

.

La curiosa scelta si è rivelata parecchio rumorosa e ha svegliato i residenti del palazzo che hanno parafrasato al meglio il “Mettete dei fiori dei vostri cannoni“.

.

Dopo la scoperta della ruspa è partito un lancio di vasi di fiori per fermare i malviventi che hanno dovuto così darsi alla fuga.

.

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Tentata rapina banca Nichelino, impiegato mette in fuga i malviventi

Uomo aggredito Barriera di Milano Torino, la compagna gli getta addosso dell’acido muriatico

Ubriachi via Bossolasco Torino, i residenti esasperati: “Quando qualcuno si deciderà ad intervenire?”

Furti via Cardinal Fossati Torino, un residente: “Siamo all’assurdo e nessuno fa nulla”, foto

Di Redazione