Tentato furto ai danni di anziana Fossano, la vittima ha 90 anni

Il figlio dell’anziana ha denunciato l’accaduto ai Carabinieri consegnando loro i filmati che riprendevano i due successivamente denunciati

carabinieriI Carabinieri hanno denunciato due giovani procacciatori di contratti di energia elettrica e gas di una agenzia milanese (risultata totalmente estranea ai fatti) i quali hanno tentato di rubare nell’abitazione di una anziana signora novantenne fossanese.
Secondo quanto spiegato, a finire nella rete dei militari sono stati un italiano, abitante in una cittadina dell’hinterland milanese di 36 anni, già noto alle Forze dell’Ordine per vari reati contro il patrimonio ed una giovane cittadina latinoamericana di 30 anni abitante a Torino, entrambi dipendenti di una società operante nel settore dei contratti di erogazione di servizi (luce, gas, etc.), col sistema del cosiddetto “porta a porta”.
In base a quanto appurato, nei giorni scorsi, un’anziana che vive sola si è vista suonare alla porta di casa la coppia dei venditori che, con modi affabili, le avrebbero chiesto di entrare per proporgli un eventuale cambio di gestore di luce e gas. I due hanno richiesto alla pensionata di visionare le bollette relative ai contratti in atto e, dopo avere fatto sedere la signora in cucina, mentre la ragazza la avrebbe tenuta occupata proponendole varie tipologie di contratti, il ragazzo avrebbe iniziato a girare per casa, con la scusa di dovere andare in bagno per un bisogno fisiologico, ma in realtà aprendo tutti i cassetti sia della sala che della camera da letto per cercare denaro o gioielli.
Il caso ha voluto che i ladri non riuscissero a rubare nulla in quanto, proprio per l’età avanzata della signora, il figlio aveva tolto dalla casa tutti i gioielli, i ricordi di una vita ed il denaro, depositandoli in banca. Oltre alla sfortuna di non avere trovato nulla i due malcelati procacciatori di contratti non si erano accorti che la casa era videosorvegliata in quanto il figlio dell’anziana, proprio per tenere sotto controllo la madre che abita da sola, aveva installato una serie di telecamere, una per ogni stanza, da cui ha potuto vedere tutti i movimenti dei due nell’abitazione, compreso il frugare nei cassetti e negli armadi. Il figlio dell’anziana ha quindi denunciato l’accaduto ai Carabinieri consegnando loro i filmati che riprendevano i due malfattori.
Le indagini si sono quindi concentrate attraverso la ricerca dei promotori di contratti e da qui si è poi riusciti ad individuare il giovane che risultava già segnalato per vari reati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here