Salvaguardia beni comuni Torino, la Giunta approva regolamento per la partecipazione dei cittadini

Firma_02-300x200La proposta che Torino si doti di un Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura, la gestione condivisa e la rigenerazione dei beni comuni urbani” è stata approvata questa mattina dalla Giunta comunale su proposta dell’Assessore Ilda Curti. In altre parole si progetta una “gestione condivisa” tra cittadini attivi e amministrazione, tendenzialmente di medio-lungo periodo, attraverso la quale è possibile avviare un insieme di attività di presidio e di servizio rivolti alle comunità locali per preservare i beni urbani.

 

Il nucleo innovativo delle norme approvate risiede nella possibilità di stipulare, tra la città ed i “Cittadini attivi” patti di collaborazione che definiscono gli obiettivi, la durata, le modalità di azione, il ruolo ed i reciproci impegni, anche economici, dei soggetti coinvolti, i requisiti ed i limiti di intervento, le modalità di fruizione collettiva dei beni comuni urbani oggetto del patto, la eventuale definizione di strumenti di coordinamento e governo, le reciproche responsabilità, le forme di sostegno messe a disposizione dal Comune, le misure di pubblicità, l’affiancamento del personale comunale, il monitoraggio e la valutazione.

 

II progetto è rivolto anche al cosiddetto terzo settore (le imprese cooperative e sociali, i comitati, le associazioni, il volontariato; una tradizione che a Torino ha solide radici nella solidarietà che ha animato la città industriale): “In questo modo le politiche e gli interventi di rigenerazione urbana faranno un salto di qualità- ha commentato l’assessore Curti presentando il testo alla Giunta“ – valorizzando le esperienze di qualità che la Città ha fin qui condotto, accettando nel contempo la sfida di costruire un nuovo modello di welfare urbano, adeguato alle crescenti complessità territoriali e  fondato sulla collaborazione e sull’assunzione di responsabilità da parte di tutti. Per fare questo dobbiamo innanzitutto valorizzare la città, i suoi spazi e le relazioni tra persone che quegli spazi rendono possibili. Una Città che diventi “bene comune”  che diventi risorsa principale  e condivisa per  i suoi “cittadini attivi”, quei soggetti, singoli, associati o comunque riuniti in formazioni sociali, anche informali che si attivano per la cura, la gestione condivisa o la rigenerazione dei beni comuni urbani”.

 

Si prevede un periodo di sperimentazione della durata di un anno e l’istituzione di una Commissione consiliare per verificarne l’attuazione e valutare la necessità di adottare eventuali interventi correttivi.

 

INVIATECI LE VOSTRE SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni e foto circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci ainfo@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro

 

 

Leggi anche:

Elezioni Presidente della Repubblica, favoriti, modalità di scrutinio e maggioranza

Regole ISEE gennaio 2015, novità e modalità di calcolo

Legge di Stabilità approvata al Senato, sintesi di tutte le novità normative

Tasse nascoste finanziaria Renzi, dall’aumento dell’Iva, ai rincari della benzina

Massimiliano Rambaldi