Traliccio Rai Nichelino, presentato il ricorso al Tar

nichelinoLa Giunta Comunale di Nichelino ha deliberato, nella seduta di ieri 9 novembre, l’autorizzazione per promuovere ricorso al Tar Piemonte contro la deliberazione dell’ultimo Consiglio Comunale di Moncalieri (del 30 ottobre 2015), riguardante la ricollocazione dell’impianto di radio telecomunicazioni Rai, in prossimità dell’abitato di Nichelino (zona Colombetto).

Il ricorso riguarderà la scelta dell’ubicazione del traliccio da parte della RAI a cui, però, la Città di Moncalieri non ha offerto valide alternative logistiche (se non quella incompatibile con le esigenze del network pubblico individuata nelle vicinanze della “Centrale AEM”). Moncalieri, inoltre, non ha preso in nessuna considerazione che, subito dopo il confine dell’area destinata al nuovo traliccio, sussiste una zona tutelata dal Piano Regolatore di Nichelino, anche sotto il profilo paesaggistico.

La zona Colombetto, la relativa cascina e la sua pertinenza, formano un complesso ambientale inserito tra i beni culturali della Città e per il quale il Regolamento Comunale prevede un’area di “installazione condizionata” per la tutela del bene stesso. Un percorso praticamente unilaterale “in contrasto – spiega la delibera di Nichelino – con i principi di leale collaborazione istituzionale fra gli Enti”. A conti fatti, Moncalieri, volendo perseguire i propri interessi, intende collocare il ripetitore ai margini del proprio territorio, senza considerare le esigenze del territorio limitrofo di Nichelino.

La delibera conferisce mandato immediato all’Avvocatura Comunale di procedere al ricorso presso il Tar Piemonte.

(m.ram.)

Foto: wikipedia.org