Vandali Nichelino, danneggiato il monumento ai partigiani

20140702_141918Irrispettoso atto vandalico al monumento dei partigiani sito nel giardino della resistenza in via Vittorio Veneto,a pochi passi dal Municipio.

 

Ignoti, molto probabilmente dei ragazzini, hanno pasticciato con dei pennarelli le fotografie dei partigiani caduti a cui è dedicato il monumento. Una scoperta fatta qualche giorno fa da alcuni passanti, che hanno visto le facce dei nichelinesi morti per la libertà, scarabocchiate senza pietà.

 

Non è la prima volta che il monumento è al centro di atti offensivi. Due anni e mezzo fa le foto dei partigiani furono addirittura staccate e buttate perchè i vandali e ladri di turno miravano alle cornici, forse da poter rivendere per ricavarci qualche spicciolo.

 

Il fatto degli ultimi giorni assomiglia molto più a una ragazzata, che però ha dimostrato il poco rispetto verso la memoria di chi ha combattuto per l’unità italiana.

 

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Gommista Val Susa buca gommeper avere nuovi clienti, nuovo dramma della crisi

Non regge la crisi e diventarapinatore

Lite e pugni piazza Cavour Torino, all’origine di tutto una bicicletta

Lite tra automobilisti, dagli insulti si passa alle mani

(m.ram.)