Vincita gratta e vinci Nichelino, gioca 5 euro e ne vince 500 mila

559601_10205283017179996_8926143809559970204_n (1)Maxi vincita ieri sera alla tabaccheria di piazza Aldo Moro a Nichelino.

 

Un uomo di 35 anni ha giocato al gioco “Vinci casa” della Sisal, che prevede come vincita massima fino a 500mila euro, 400mila dei quali da investire in un immobile, una schedina minima da 5 euro, portandosi via la vincita massima.

 

Francesco Morabito, gestore della tabaccheria, spiega: “Erano le 17 circa quando la persona in questione ha fatto la giocata. L’estrazione era prevista alle 20.30. Poi questa mattina la sisal mi ha chiamato spiegandomi che qualcuno aveva vinto 500mila euro”. La vittoria è andata ad una persona che abita nel quartiere, zona piena di case popolari e situazioni difficili, il che lascia pensare che la dea bendata questa volta abbia baciato chi ne aveva davvero bisogno.

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Foto curiosa Torino, lo scatto su un tram zona Mirafiori

Rissa giardini ex GFT corso Vercelli Torino, le foto

Campo nomadi Lungo Stura Lazio Torino, le foto di un lettore: “E’ una discarica, basta!”

Scippi via Borgaro Torino, la rabbia di un residente “Fate qualcosa!”

Massimiliano Rambaldi