Corso di public speaking: perché è utile

La capacità di saper tenere un discorso in pubblico , soprattutto in ambito lavorativo, rappresenta un aspetto importante del proprio capitale umano, perché consente di dare voce alle proprie competenze ed esprimere il proprio punto di vista personale

Avere un’ oratoria fluida e persuasiva in tanti contesti lavorativi è considerata una delle così dette soft skills molto importanti e in alcuni casi imprescindibili; basti pensare a mestieri come quello dell’ avvocato, del manager o del politico che si fondano proprio sulla capacità di influenzare l’ interlocutore attraverso l’esposizione orale e il contraddittorio.

Come gestire l’ansia di parlare in pubblico

Se per alcuni dover parlare in pubblico non rappresenta un problema, per moltissime persone invece lo rappresenta eccome. L ‘ ansia di parlare in pubblico è infatti un fenomeno molto più diffuso di quanto si possa pensare e si manifesta con i sintomi tipici degli attacchi di ansia: tachicardia, forte sudorazione, secchezza delle fauci e un profondo senso di disagio derivante dall’ idea di sentirsi al centro dell’attenzione . Molte persone sperimentano questo stato di ansia anche diversi giorni prima del proprio discorso in pubblico, passando notti insonni e terrorizzati dall’ idea di fare scena muta o avere dei comportamenti che possano farlo sentire ridicolo o inadeguato al compito.

Il che può addirittura indurre chi ne soffre a rinunciare ad opportunità di crescita professionale. Per porre una soluzione a questo increscioso problema conviene prendere in considerazione l’ opportunità di frequentare un corso di public speaking. Come sostiene il coach di public speaking Agostini Riccardo, l’ obiettivo principale di questo genere di corsi è quello di fornire degli strumenti che consentano di sostenere un discorso in pubblico tecnicamente ben strutturato, che risulti persuasivo e convincente a chi lo ascolta. Prima di arrivare a padroneggiare le tecniche dell’ arte oratoria e a fare un corretto uso del linguaggio del corpo, della prosodia e del tono di voce è fondamentale lavorare sulla propria emotività.

Ecco che attraverso un valido corso di public speaking si possono apprendere delle tecniche di rilassamento e concentrazione da utilizzare prima del proprio discorso e imparare a far sentire la propria voce senza lasciarsi intimidire dalla presenza del pubblico.

Corso di public speaking: a cosa serve

Naturalmente, non bisogna necessariamente soffrire di “ ansia da microfono” per avere una buona motivazione per frequentare un corso di public speaking. Questa tipologia di corsi è adatta a chiunque voglia migliorare la propria efficacia comunicativa . Questo implica saper articolare il proprio discorso in modo che risulti facilmente comprensibile e memorizzabili nei suoi punti chiave. Ma soprattutto imparare a gestire il pubblico e manterne viva l’ attenzione per tutta la durata del proprio intervento, possibilmente coinvolgendolo a livello emotivo.

In questo giocano un ruolo importantissimo la voce, che deve essere bene udibile e non risultare mai monotona, lo sguardo , che deve essere indirizzato ai vari componenti del pubblico senza risultare troppo insistente, e la postura, che deve restituire un atteggiamento di sicurezza. Ovviamente in un corso di public speaking la pratica vale molto più della teoria e, una volta presa consapevolezza degli elementi della propria comunicazione paraverbale che influenzano negativamente l’efficacia della propria orazione, è sicuramente utile mettere a frutto le nozioni teoriche con le esercitazioni pratiche.

Corso di public speaking: come scegliere il migliore

Numerose sono le formule di erogazione dei corsi di public speaking presenti sul mercato al punto tale che, essendo l’offerta molto vasta, può essere difficile scegliere quello che più si confà alle proprie necessità. Ci possono essere corsi intensivi che si sviluppano nell’arco di un weekend, oppure corsi con cadenza settimanale che generalmente includono anche un approfondimento sulla dizione o, ancora, corsi da frequentare online, sebbene quest’ultima tipologia può non essere molto utile ai fini pratici perché non consente di esercitarsi di fronte ad un pubblico.

Due aspetti da tenere fortemente in considerazione nell’ operare questa scelta sono le competenze del coach che conduce il corso e il numero dei partecipanti. Per quanto riguarda il primo aspetto, generalmente i coach di corsi di public speaking validi sono attori oppure esperti nella comunicazione con alle spalle una formazione umanistica e un’esperienza consolidata nell’insegnamento della materia.

Per quanto riguarda il secondo aspetto, un buon corso di public speaking non dovrebbe superare un massimo di cinque partecipanti, per poter dare ciascuno l’opportunità di lavorare sui propri limiti personali in maniera adeguatamente approfondita e , allo stesso tempo, trarre vantaggio dall’ascolto degli altri e dalla loro osservazione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here