Intervista a Guthrie Govan, il chitarrista degli Aristocrats presenta l’album con la Primuz Chamber Orchestra

Un nuovo affascinante lavoro per il trio

Un gradito ritorno oggi su CronacaTorino con i The Aristocrats. L’eclettico trio formato da Guthrie Govan (chitarra), Bryan Beller (basso) e Marco Minnemann (batteria) è di casa sul nostro giornale e oggi è Guthrie a presentarci l’ultimo album della band con la Primuz Chamber Orchestra.

L’ultima fatica del gruppo è un viaggio in sonorità diverse che si mischiano e creano atmosfere uniche per l’ascoltatore. Proprio Govan riesce a farci immergere in questo mondo raccontandoci anche l’amore per l’Italia e l’esperienza al fianco del Maestro Hans Zimmer. Ecco cosa ci ha raccontato:

Ciao Guthrie, come stai? Come è nata l’idea di questo album con la Primuz Chamber Orchestra?
Suppongo sia stato il risultato di un felice incidente. Abbiamo scoperto casualmente un video su YouTube della Primuz Chamber Orchestra dove eseguiva “Culture Clash” e siamo rimasti tutti davvero colpiti dall’esibizione. L’invettiva e la disposizione degli archi era spaziale.
Sembrava che in qualche modo questi estranei, provenienti da un campo musicale completamente diverso, capissero veramente lo spirito della nostra musica e abbiamo adorato il fatto che avessero scelto di incorporare una delle nostre canzoni nel loro repertorio. Come diavolo facevano a sapere di noi? Ovviamente poi ci siamo rivolti a loro per proporgli una collaborazione!

Cosa ti ha affascinato di più di questa esperienza?
Penso che qualcosa di veramente insolito sia emerso durante il processo di creazione di questo album. Abbiamo deciso di costruire gli arrangiamenti attorno alle registrazioni in studio di brani dal nostro catalogo e, naturalmente, ci sono molti momenti durante quelle esibizioni in cui stavamo semplicemente interagendo spontaneamente. Wojtek, l’arrangiatore, è stato in grado di abbellire e migliorare quei dettagli orchestralmente. L’album è ricco di momenti che originariamente erano intesi come “conversazioni” improvvisate che potevano avvenire solo una volta, ma che sono emerse dalla trasformazione orchestrale di Wojtek come parti integranti delle composizioni.

C’è una canzone a cui sei particolarmente legato?
Sembra in qualche modo sbagliato scegliere un “bambino preferito” in un contesto come questo, ma devo confessare che ho una predilezione speciale per il modo in cui “Jack’s Back” si è rivelata!
Quando ho scritto quella canzone, ero appena tornato a casa dopo un grande tour con Hans Zimmer, quindi ho sentito un sacco di sontuose trame orchestrali sul palco ogni sera. Suppongo che quelle idee abbiano continuato a risuonare in me dopo la fine del tour.
Stavo immaginando molta strumentazione extra per “Jack’s Back” e ho trovato difficile condensare tutte quelle idee in un crudo arrangiamento di trio.
Quando ho sentito la reinvenzione di Wojtek, mi è sembrato che avesse magicamente portato molte di quelle idee semplicemente ascoltando le esibizioni di chitarra/basso/batteria dalla registrazione originale. E poi ovviamente ha portato le cose molto oltre con la sua interpretazione creativa!

Com’è stato lavorare con Wojtek Lemanski?
Quando siamo entrati in contatto per la prima volta con Wojtek, non sapevamo nulla del suo background, ma abbiamo subito scoperto due cose interessanti: è un compositore di musica per TV e film molto apprezzato nel suo paese d’origine, la Polonia, e ha anche seguito la nostra band per molto tempo. (In effetti, molti anni fa è venuto a uno dei nostri concerti, accompagnato dai suoi figli – uno dei quali ora suona il violoncello nella Primuz Chamber Orchestra!)
Ovviamente il mondo intero è stato praticamente “bloccato” durante la creazione di questo progetto, quindi abbiamo potuto lavorare insieme solo da remoto. Fortunatamente, la tecnologia moderna ci ha permesso di condividere tutti i tipi di file, quindi abbiamo stabilito rapidamente un processo efficace per la discussione delle idee di arrangiamento. Dovrei aggiungere che il contributo creativo di Wojtek all’album è stato enorme: ha introdotto molte grandi idee che non ci sarebbero mai venute in mente. Ancora una volta, penso che il fattore che ha aiutato di più durante l’intero processo è stato il fatto che Wojtek ha davvero capito le intenzioni dietro la nostra musica.

Cosa possono aspettarsi i fan da questo album?
Immagino che possano aspettarsi di ascoltare alcuni “vecchi brani preferiti” immaginati in un modo completamente nuovo. Si spera che sperimenteranno una miscela di familiare e piacevolmente inaspettato. Eravamo tutti d’accordo sul fatto che avremmo dovuto dare la priorità alla “reinvenzione” del materiale, piuttosto che semplicemente renderlo più “costoso”.

I The Aristrocrats hanno sempre avuto una chimica incredible sul palco. Puoi dirci il vostro segreto?
Non credo che ci sia un metodo segreto per sintetizzare la chimica della band. Alcune combinazioni di musicisti naturalmente funzionano particolarmente bene (presumibilmente come risultato di un background musicale condiviso e così via), quindi il “trucco” è semplicemente riconoscere quel tipo di compatibilità quando lo incontri.
Bryan, Marco e io abbiamo sentito subito una sorta di “connessione” telepatica quando abbiamo suonato insieme per la prima volta (era un concerto “una tantum” di 30 minuti per una fiera musicale ad Anaheim, in California), quindi abbiamo deciso di non sprecare quel potenziale ma invece di esplorarlo ulteriormente.

Progetti per questo 2022? Possiamo sperare di vedervi presto in Italia?
L’Italia è stata ovviamente uno degli ultimi posti in cui siamo riusciti ad esibirci dal vivo, poco prima che la pandemia chiudesse tutto un paio di anni fa. Ora che la civiltà sembra finalmente emergere lentamente dal letargo, immagino che il nostro obiettivo sia continuare il nostro ciclo di tournée mondiali da dove ci eravamo interrotti, quindi intendiamo trascorrere l’estate in tournée negli Stati Uniti e poi forse visitare l’Asia verso la fine di quest’anno. Abbiamo in programma di trovare un modo per tornare in Europa ad un certo punto l’anno prossimo, ma tutto ciò che posso davvero dire per ora è di tenerci d’occhio.

Quanto è arricchente per te lavorare con Hans Zimmer?
È ottimo! Lavorare in quell’ambiente mi permette di esplorare un lato molto diverso della mia personalità musicale e spesso mi ritrovo a pensare più in termini di suoni e trame piuttosto che concentrarmi sul trasmettere un messaggio specifico di “chitarra”.
Durante il periodo di lockdown, ad esempio, ho registrato molte registrazioni a distanza per la colonna sonora di Dune e la maggior parte del mio contributo non suonava affatto come una chitarra. Alcune suonavano come cornamuse, altre come il tempo in un deserto e così via.
Detto questo, Hans ama anche il suono più convenzionale di una chitarra elettrica, quindi ci sono sicuramente alcuni punti durante lo spettacolo dal vivo in cui sono in grado di “fare le mie cose”.
Penso sia molto divertente come concerto e trovo affascinante suonare in una band così eclettica, dove ogni musicista proviene da generi molto diversi.

C’è un artista con cui ti piacerebbe lavorare?
Non ho una “lista dei desideri”. In genere sono più entusiasta dell’idea di lavorare con chiunque vorrebbe davvero lavorare con me, quindi suppongo che tendo a pensare a queste cose al contrario.

Siamo italiani. Hai qualche ricordo speciale riguardo al nostro Paese?
Troppi da menzionare! Ho suonato in Italia molte volte nel corso degli anni e ho sempre avuto esperienze positive e memorabili.

Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani.
L’ultima volta che i The Aristocrats sono stati in tournée in Italia, il COVID ci ha letteralmente cacciato fuori dal vostro paese e siamo stati costretti a cancellare diversi spettacoli. Anche se questo era inevitabile, ci siamo comunque sentiti molto male. Ovviamente non vediamo l’ora di riprendere tutte le nostre attività di tournée globali, non vediamo l’ora in particolare di tornare in Italia, in circostanze migliori. Un enorme “grazie” aristocratico ai nostri fan italiani, per tutto il vostro supporto nel corso degli anni e speriamo di rivedervi tutti il ​​prima possibile!
(Alessandro Gazzera)

Foto in evidenza: Guthrie Govan Live 2020 – photo by Cian O’Sullivan

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here