Intervista a James LoMenzo e Kenny Aronoff, la musica della L.A. Rhythm Section

James LoMenzo e Kenny Aronoff raccontano la loro collaborazione e le loro straordinarie carriere con un occhio sempre attento all'Italia

“The L.A. Rhythm Section” è l’incredibile incontro tra due musicisti con carriere a dir poco straordinarie. Da una parte c’è James LoMenzo, bassista, che nella sua carriera ha collaborato con tantissimi musicisti tra cui: Megadeth, Black Label Society e Slash.
Dall’altra c’è Kenny Aronoff, batterista che ha lavorato con artisti di tutto il mondo tra cui anche Jon Bon Jovi, Bob Dylan e Vasco Rossi.
Oggi lavorano e insieme e il loro binomio è simbolo di qualità ed esperienza. Proprio loro ci raccontano questo 2020 tra musica e progetti per il futuro.
Ecco cosa ci hanno raccontato:
Ciao James, ciao Kenny. Come state? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come state attraversando questo periodo?

JAMES: È stata una vera prova di forza d’animo. La maggior parte delle cose che sapevamo fossero le nostre vite sono state letteralmente sconvolte. Tutti noi abbiamo costruito carriere che diventano parte del tessuto sociale: il dottore, il droghiere, i vigili del fuoco, i ristoratori, ecc.
È stato affascinante e francamente un po’ umiliante vedere ciò che è veramente essenziale per le nostre priorità socio-economiche. Dal mio punto di vista, ho sempre considerato la musica e tutte le arti essenziali, quasi quanto cibo, acqua, aria e famiglia. Non essere in grado di fornire/partecipare a della musica dal vivo è stato l’aspetto più impegnativo di tutto questo 2020. D’altra parte mi è piaciuto non correre negli aeroporti e stare lontano da casa per mesi di seguito. La maggior parte dei musicisti come me hanno trovato il modo per continuare a creare. Registrazione digitale e Internet sono ottime risorse per i creativi e permettono di collaborare e distribuire musica.
“The L.A. Rhythm Section” è qualcosa di incredibile. Come è nata la collaborazione tra voi?
JAMES:
Onestamente, “The L.A. Rhythm Section” è stato solo il risultato inevitabile dell’incontro di due musicisti. È stata una mia idea chiamarlo con l’abbreviazione di LoMenzo e Aronoff. Siamo entrambi musicisti esperti con molte canzoni di successo radiofoniche alle spalle, anche se ovviamente il mio catalogo impallidisce in confronto a Kenny.
Ho incontrato Kenny in una sessione sette o otto anni fa e sono rimasto colpito dalla sua dedizione al lavoro in studio. Era preparato non solo con idee musicali, ma con tutti i tipi di percussioni e con opzioni di batteria. Ho sempre pensato a me stesso come a quel tipo di ragazzo da studio: un musicista al servizio della musica. L’antitesi della maggior parte dei ragazzi con cui avevo lavorato fino a quella sessione con Kenny.
I “non Kenny” controllavano sempre i loro orologi e timbravano il cartellino. La passione di Kenny era così ovvia e così contagiosa per me che mi sono assicurato di rimanere in contatto, cosa che in un certo senso lo ha reso il mio mentore. Quando si è presentata l’opportunità di suonare una Jam Night settimanale che stavo ospitando, ho invitato timidamente Kenny a suonare con me. Con mia grande gioia ha accettato! È lì che è davvero iniziato. Suonando insieme ogni settimana, al volo, abbiamo iniziato a diventare molto vicini musicalmente, suonando tutti i tipi di musica con tutti i tipi di musicisti.
Un anno dopo, quando John Fogerty stava cercando un bassista, Kenny mi ha sostenuto per un’audizione, Kenny era sicuro che John mi sarebbe piaciuto e lo fece. Ora suoniamo insieme da anni.
Stavamo facendo sessioni insieme di tutti i tipi, era naturale chiamare e offrirci come una sezione ritmica completa. Persone da tutto il mondo ci assumono, principalmente per registrazioni su Internet. Quando ci usano, ottengono il vantaggio non solo di brani fantastici che hanno un suono fantastico, ma anche anni di esperienza combinata di successi. Kenny ha un grande studio per registrare la sua batteria e io ho un sacco di amplificatori, bassi e quindi quando prendi le nostre tracce, praticamente si mixano da sole.
KENNY: OK, beh, ho incontrato James per la prima volta durante una sessione di registrazione nel vecchio studio di Frank Zappa. Sono rimasto colpito dal suo modo di suonare, dalla sua personalità e dalle sue vibrazioni. E ci siamo trovati benissimo.
Quello che mi piace di un grande bassista è quando sembra che sia incollato a quello che sto facendo, alle mie sensazioni e al tempo della musica. È come se io stessi facendo entrambe le cose. James è quel tipo di musicista.
James più tardi mi ha chiamato per chiedermi se volevo fare questa jam night in un posto chiamato Lucie’s nel lago Toluca, dove ci saremmo riuniti. Abbiamo suonato musica incredibile: dagli Zeppelin a Ozzy Osborne e i Sabbath, da James Brown a Fogerty, a Hendrix, ai Doors e ai Queen. Un’enorme varietà di musica, pensavo fosse davvero incredibile.
Lo abbiamo fatto per quasi un anno e mezzo, se non due anni. Quando è stato il momento per John Fogerty di trovare un nuovo bassista, gli ho detto che James era la scelta perfetta. E lo era, in due minuti John Fogerty sapeva che lui era il musicista giusto ed era l’ultimo a fare il provino.
Come crei una canzone? Da dove viene l’ispirazione?
JAMES:
A volte una canzone semplicemente compare. Potresti essere seduto al pianoforte, esercitarti con il basso, strimpellare una chitarra e qualcosa ti prende. Questo è uno dei modi che funziona per me.
Ho sempre un dispositivo come un telefono cellulare per registrare rapidamente ogni volta che accade. Se rimane nella mia testa abbastanza a lungo, mi siederò al computer e delineerò l’idea per costruire la canzone. Ovviamente, non puoi battere il vecchio modo di comporre musica con due o più musicisti in una stanza che contribuiscono con idee e ispirazione… Con le persone creative giuste, è il meglio!
Trovo anche idee di canzoni, melodie, ritmi che mi vengono in mente quando vado in moto o faccio una passeggiata. Penso che se apri la mente e quasi mediti, la musica è lì per essere presa.
KENNY: Beh, non sono un vero cantautore, ma compongo le mie parti di batteria. Ad esempio, quando sono stato con la band di John Mellencamp per 17 anni, John suonava due volte una canzone con la chitarra acustica, poi mi guardava e diceva: “Cosa hai”?
E spettava a me trovare il ritmo, la sensazione, il groove e fondamentalmente la direzione in cui sarebbe andata quella canzone. Quindi creo suoni di batteria per le canzoni di John e di altri artisti che prendono forma in canzoni e flussi di energia. Oppure parti diverse come, ad esempio, strofa introduttiva, ritornelli pre-ritornello, ponti, assoli e così via. E l’ispirazione che ricevo, da cui traggo tutte le mie idee, è tutto ciò che ho vissuto nella mia vita.
James, abbiamo adorato la musica degli “Echobats”. Possiamo sperare di vedere questo progetto nel prossimo futuro magari con un album?
EchoBats è stato un progetto divertente con alcuni miei cari amici, Tony Harnell, Joel Hoekstra e Matt Starr. Inizialmente abbiamo creato sei o sette o canzoni, un anno e mezzo fa. A quel tempo stavamo tutti esaurendo i vari tour. Matt e io abbiamo registrato la sua batteria letteralmente la sera prima che partisse per il tour con Mr. Big e io stavo finendo il giorno dopo con John Fogerty, quindi ho dovuto modificare le tracce e portarle a Tony e Joel.
Tony si era trasferito a Londra, quindi immagino che la musica sia rimasta in giro per un anno o giù di lì. Di punto in bianco Tony ha inviato testi e melodia di “Save Me From Loving You”, che era uno stile molto diverso rispetto a tutte le altre canzoni. Siamo rimasti stupefatti dalla sua atmosfera “Queen” e  quindi abbiamo messo tutto insieme e poi abbiamo pubblicato il pezzo. È una grande canzone contagiosa e sono così orgoglioso del lavoro che tutti hanno fatto su di essa. Tony e Joel sono dei veri protagonisti. Ad ogni modo, in risposta a più canzoni? Tony ha le altre canzoni, se le arriva allora posso immaginare l’uscita di una canzone dopo l’altra in futuro. Tutto ruota intorno a quelle melodie…
Kenny hai lavorato con Kiefer Sutherland…
Non l’ho mai incontrato. Questo è ciò che di solito accade, soprattutto ora, con il Covid.
Ho il mio studio di registrazione e il produttore mi invia tutte le canzoni, io aggiungo la batteria e le rimando tramite Internet. Questo accade, a meno che l’artista o il produttore non vengano nel mio studio portando un disco rigido. Ma in questo caso mi inviano dei file. Chris Lord-Alge mi ha inviato dei file tramite posta, ho registrato la batteria e ho rimandato tutto… La vicenda è andata così. È stato anche incredibile.
James, hai suonato con i Black Label Society nel 2004. Cosa ti rimane di quell’esperienza?
Non sono sicuro di essermi mai veramente unito ai Black Label Society. (ride)
Un giorno Zakk si è presentato alla mia porta e ha detto: “Dai, stiamo facendo un disco”. Quella era “Hangover Music”, che è una descrizione tecnica di ciò che doveva venir fuori. Quell’esperienza inizialmente è stata un vero spasso. Mi è piaciuto fare musica con Zakk, l’ho sempre fatto, ma in questa fase è diventato piuttosto duro. L’esperienza è diventata molto complessa e presto è diventato molto più che solo musica. Ad ogni modo, per me, quel tipo di vita avrebbe avuto molto più senso con una moto e una pistola piuttosto che con il suonare una chitarra. (ride)
Kenny, hai lavorato con Jon Bon Jovi su entrambi i suoi dischi da solista, che esperienza è stata?
Sai, è una lunga storia, ma lavorando con lui in studio ho avuto modo di vedere quanto sia un grande lavoratore.
Lui era davvero “dentro” a entrambi i suoi dischi da solista e, naturalmente, “Blaze of Glory” ha fatto davvero molto bene per il film “Young Guns II”.
È una storia divertente perché fondamentalmente mi ha chiamato all’improvviso, dicendo: “Ehi, Kenny, Jon Bon Jovi”. Io sono tipo: “whoa, dude”. Jon continua: “Sto facendo questo disco. Farò due canzoni. Tutto questo lavoro è per un film”. E poi ha detto: “Ti chiamo tra due settimane”.
E poi le canzoni sono diventate quattro, poi sei e alla fine è venuto fuori un intero album. Un giorno mi chiama e dice: “Ho una buona notizia e una cattiva”. Ho risposto: “Qual è la buona notizia?”.
E lui “Jeff Beck sta suonando nel disco”. Ho detto “Oh mio Dio, il chitarrista dei miei sogni. Qual è la cattiva notizia?” Jon mi disse che Jeff Beck voleva usare il suo batterista, Terry Bozzio. Quindi non ero nel disco. Ero davvero molto deluso.
Cinque ore dopo, però, ricevo una chiamata dal coproduttore che mi chiede di avere la mia batteria in studio martedì alle nove e ho detto: “Amico, non sono nel disco”. Lui era Danny Kortchmar e mi disse: “Sì, lo sei”. Gli risposi: “Bene, hai parlato con Jon? Lui ha detto, Terry Bozzio è nel disco”.
Lui mi disse: “No, non è la persona giusta e inoltre Jeff Beck non sarà in studio. Verrà più tardi e farà le sovraincisioni. Tu ci sei e suoni. Sei il batterista giusto.” E questo ha dato inizio alla nostra collaborazione. E da allora è stata fantastica.
James, eri un membro della band di David Lee Roth. Puoi raccontare un aneddoto relativo a David?
Di gran lunga il mio preferito per cui suonare il basso. È un tale appassionato di musica, amavo parlare e ascoltare musica con lui sull’autobus. Sai, in piedi sul palco con lui, non lo so, il palco sembrava semplicemente più grande! È sempre stato un fan per la band, ci ha fatto sentire davvero i benvenuti e rispettati, i migliori!
Kenny hai lavorato con Joe Satriani per il suo disco “Shapeshifting”, c’è una canzone a cui sei più legato?
Beh, ci sono molte canzoni. Oh, certo adoro la canzone “Shapeshifting”. Inizia con un rullante assassino e ha da subito un groove pesante che non si ferma mai all’intera canzone. La adoro.
Mi piace anche “Nineteen Eighty”. La cosa delle canzoni di Joe è che, anche se non ci sono voci, sembra che tu abbia un’introduzione, una strofa, un ritornello e un assolo. Rende tutto così musicale. Un’altra canzone che abbiamo fatto e che amo davvero è “Teardrops”, è così lenta che puoi sentire ogni singolo pensiero nella tua testa mentre la stai suonando. Devi essere perfetto per quanto riguarda le sensazioni, il tempo e il ritmo. Quindi parliamo di qualcosa che è davvero molto, molto speciale. Non ho mai registrato una canzone come “Teardrops”.
Progetti per il futuro?
JAMES: Durante questa pandemia, ho fondato una band con Chris Adler chiamata “Firstborne”. Ho suonato con lui in un tour lo scorso anno nella band “HAIL!”. È così fantastico! Quando ha detto che voleva fondare una band e divertirsi con essa ho detto: “Avrai bisogno di un bassista”. Mi ha immediatamente suonato un po’ di musica dal nostro chitarrista Myrone e un mese dopo mi ha presentato (a titolo di registrazione) al nostro cantante Girish Pradham. Da allora abbiamo registrato un EP e abbiamo aggiunto qualcosa ogni mese. Non appena il mondo sarà di nuovo aperto, daremo il via a questo spettacolo! Non ero così entusiasta di una nuova band da molto tempo. Libbra per libbra questa band è una forza della natura. Dateci un occhio su www.thefirstborne.com
KENNY: Sì, amico, farò un altro disco di Satriani e farò molte sessioni nel mio studio. Le persone mi mandano file dove ci sono parti di percussioni sull’album di Edgar Winter, che in realtà è un disco tributo che stava facendo per il fratello Johnny.
Prossimamente farò una versione audio del mio libro “Sex, Drums, Rock and Roll”. Ho anche convertito il mio studio in un luogo dove posso fare il mio discorso aziendale virtuale. Quindi, invece di volare in grandi luoghi o hotel dove parlo di fronte a 600 persone, per argomenti motivazionali, posso farlo dal vivo dal mio studio. E si spera che ci saranno alcuni concerti dal vivo l’anno prossimo, 2021, ma nessuno sa esattamente quando accadrà. Dobbiamo ancora inventare un vaccino e le persone devono sentirsi al sicuro.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
JAMES: Purtroppo, molti dei grandi con cui avrei desiderato musicalmente lavorare o sono troppo vecchi o non ci sono più. Ma puoi intuire certamente con chi sarebbe bello. Persone come Elton John, Paul McCartney e Jeff Beck sarebbero il massimo. Ovviamente hanno tutti dei bassisti stellari, ma dal momento che stiamo sognando…
KENNY: Beh, voglio dire, lavoro con così tanti artisti incredibili che non penso davvero a qualcuno con cui muoio dalla voglia di lavorare perché continuo a lavorare con grandi artisti. Ma voglio dire, ho sempre pensato che sarebbe stato bello essere in un super trio con Sting che suonava il basso e cantava. Non è un brutto inizio. no? Poi, avere Jeff Beck come chitarrista sarebbe tosto. E se volessi aggiungere un sapore in più a quello diverso, forse aggiungerei Josh Homme come aiuto. Può fare quello che vuole. Tutto ok.
Siamo italiani. Avete ricordi particolari del nostro Paese?
JAMES: So che l’Italia è sempre nel mio sangue, ogni volta che ho l’opportunità di fare un giro in Italia, mi sento come a casa. Sono la seconda generazione qui in America. I miei genitori parlavano sia italiano che inglese. I loro genitori, i miei nonni parlavano solo italiano. Da parte di mia madre, Napoli. Da parte di mio padre, la Sicilia.
Ho attraversato la maggior parte del nord Italia probabilmente cinque o sei volte. Ricordo momenti meravigliosi con la band di Slash che usciva nei bar e incontrava le persone. Tutte le altre volte, ho adorato l’uscire e il fermarmi nei bar e nei ristoranti. Non so perché, mi sento sempre nostalgico, suppongo che l’area di Brooklyn (NY), dove sono cresciuto, abbia l’aria come l’Italia perché così tanti immigrati italiani si erano stabiliti lì e lì ci sono state le loro vite e il loro lavoro.
KENNY: Ma stai scherzando? Prima di tutto, ho fatto un tour con il vostro fantastico Vasco Rossi nel 2001 e, beh, l’Italia mi ha abbracciato e io ho abbracciato l’Italia. Una esperienza incredibilmente fenomenale e che tempo fantastico, per non parlare del cibo, del caffè, del vino, delle persone e del paesaggio. Siamo andati su e giù per l’Italia e come sai avete tantissimi paesaggi diversi. C’è il mare, la montagna e tutto.
Fai parte di una band così iconica che farà sicuramente registrare il tutto esaurito negli stadi e vedrai la passione del popolo italiano. Vi adoro. L’Italia è sicuramente il mio paese preferito e sono stato in tour lì con altre band: Smashing Pumpkins, John Fogerty e credo anche Mellencamp molto tempo fa. Love Italy… LOVE IT!
Ultima domanda: un messaggio per i vostri fan italiani
JAMES: Miei cari amici in Italia, abbiamo assistito in America mentre la pandemia ha invaso il vostro paese. Era un amaro presagio di ciò che stava per accadere. Guardare come vi siete uniti e avete seguito le linee guida per fare attenzione e provare a gestire il virus è stato incredibilmente stimolante, soprattutto perché essendo un italiano, so quanto sia importante l’interazione familiare e sociale per la vostra società. Molti di noi qui negli Stati Uniti hanno sentito che c’era speranza per il mondo! So che c’è ancora, e con questo lasciatemi dire che non vedo l’ora che arrivi la prossima volta che posso venire, suonare musica e uscire con i miei amici e amiche!
KENNY: Non vedo l’ora di tornare nel tuo bel paese con le vostre persone appassionate e belle. Non sappiamo quando accadrà, ma alla fine ci sarò e sarò davvero entusiasta di esserci. Divertitevi in modo incredibile, ovunque voi siate, qualunque cosa voi stiate facendo. Ciao! (Alessandro Gazzera)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here