Intervista ad Adam Wakeman: “Ozzy è una delle persone più genuine che conosco”

800px-Adam_Wakeman_pic_1Musicista di talento e creativo, ma soprattutto tastierista e chitarrista nei Black Sabbath e nella band di Ozzy Osbourne. Questo è quanto si porta nel curriculum Adam Wakeman, ma non mancano esperienze soliste e con gli Headscape. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente e ci ha raccontato la sua storia.

 

Buongiorno mr. Wakeman e grazie per questa intervista. Comincio chiedendole: che novità ci sono sul pianeta Adam Wakeman?

E’ un vero piacere… Beh, il tour dei Black Sabbath è terminato alla fine dell’estate. Siamo andati in Corea con la band Ozzy e poi sono andato a Tenerife per esibirmi in un festival con mio padre e Brian May. Inutile dire che è stato davvero bello!

Ho suonato anche in Inghilterra con un cantautore chiamato Callaghan che ora vive a Nashville. Inoltre ho la mia società di produzione musicale che mi tiene sempre occupato (www.theperfectmusiclibrary.com) Ah e ho anche cambiato casa….

 

Il concerto dei Black Sabbath a Melbourne è davvero bellissimo. Come descriveresti quella esperienza?

E’ accaduto nella prima parte del tour e sembra una vita fa! L’intero tour australiano è stato davvero grande! Mi piace lì e la gente sembrava divertirsi davvero. Il DVD è stato registrato a Melbourne  e quindi sarà sempre un po’ speciale per questo.

 

Lei ha lavorato con la band di Ozzy Osbourne. Come nasce questa vostra collaborazione?

Ho lavorato con Ozzy dal vivo per 11 anni e quando ha iniziato l’album “Black Rain” con Kevin Churko, ho avuto la fortuna di essere coinvolto nel lavoro in studio. Tuttavia, non ho suonato in quell’album, ma sono stati inclusi alcuni brani live dove c’ero anche io.

Quando è iniziato il lavoro per l’album Scream, mi è stato chiesto di lavorare con Ozzy e Kevin Churko (produttore) e scrivere alcune canzoni… Ed è stata una esperienza straordinaria.

 

E’ difficile lavorare con uno come Ozzy?

No non lo è. Lui è un vero gentiluomo e una vera leggenda. Penso anche a lui come una delle persone più genuine che abbia mai incontrato. E’ pazzo, sì, ma meravigliosamente autentico e vero. Non c’è mai un momento di noia con lui in giro.

 

Vedremo presto un suo nuovo album?

I miei album solisti sono su un sedile posteriore dal 2000…. Più precisamente da quando ho pubblicato il mio quarto album “Neurasthenia”.

Ho scritto e registrato alcuni brani nel corso degli ultimi anni e sto pianificando un album per il 2015.

 

Qual’è, secondo lei, il miglior album su cui ha lavorato?

Questa è una domanda difficile…. Tutti gli album hanno un momento speciale, ma nel complesso direi l’album Scream di Ozzy. E’ stato il migliore da un punto di scrittura, produzione e esperienza.

 

C’è un artista con cui le piacerebbe collaborare?

Sono un grande fan del Dr. John e mi piacerebbe molto suonare un Hammond con lui. Chissà magari un giorno… Sono sicuro che lui non ha mai sentito parlare di me!

Adoro anche David Gilmour e mi piacerebbe suonare con lui.

 

C’è stato un modello per lei? Chi l’ha influenzata maggiormente?

Mio padre è stato il mio modello… Ed ha ancora una grande influenza su di me e sulla mia musica. Adoravo il modo di suonare un Hammond di Jon Lord… Ovviamente adoro Dr. John… Mentre crescevo ho cominciato ad ascoltare i grandi chitarristi e posso dire che Jimmy Page, Van Halen e David Gilmour hanno lasciato una traccia evidente nella mia musica e molto di più di qualunque tastierista io abbia sentito.

 

Cosa ne pensa dell’Italia?

Le persone, il cibo e i drink sono fantastici. Le vostre tecniche di parcheggio lasciano però decisamente a desiderare… (ride)

Sono stato a Napoli per un concerto con mio padre e Mario Fasciano non troppo tempo fa ed è stato davvero bello… Mi sono sentito sempre molto rilassato e penso che potrei tranquillamente vivere nel vostro paese.

 

Gene Simmons dei Kiss ha dichiarato in una intervista che il rock è morto. Lei cosa ne pensa?

Penso che lui si riferisse al periodo in cui i Kiss erano i re delle vendite di album. Quei giorni sono passati… Il rock però è ancora vivo e vitale. Ci sono band come Artic Monkeys, Royal Blood, Coheed and Cambria, Foo Fighters…. E la lista potrebbe tranquillamente andare avanti. Queste band sono la nuova vena del rock e stanno colmando il gap tra il passato ed il presente.

 

Un messaggio per i nostri lettori Adam?

Grazie a tutti per il continuo interesse nella musica e nei suoi interpreti. Spero di venire in Italia con la mia band gli “Headspace” nel 2015 appena uscirà il nuovo album! Visitate il nostro sito headspaceonline.com 

 

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Intervista a Richie Ramone: “Essere un Ramone è qualcosa che ti porti dentro per tutta la vita”

Intervista a Vinnie Moore, il chitarrista degli UFO si racconta tra musica e Italia

Intervista a Vinny Appice, l’ex batterista dei Black Sabbath si racconta a CronacaTorino

Intervista a Marco Giovino, l’anima italiana della musica di Robert Plant

 

Alessandro Gazzera

 Foto: wikipedia.org