Intervista ad Andrey Smirnoff, il chitarrista russo si racconta a CronacaTorino

Il chitarrista Andrey Smirnoff ha presentato a CronacaTorino il disco "Electric Gravity" che uscirà in questo 2021

Ospite dalla Russia su CronacaTorino. Il chitarrista Andrey Smirnoff ha presentato a CronacaTorino il disco “Electric Gravity” che uscirà in questo 2021.
Una chiacchierata tra la sua musica e l’esperienza con gli U.D.O, la band di Udo Dirkschneider, ma in cui esce anche l’amore verso l’Italia e i fan italiani.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Andrey, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come stai attraversando questo periodo?

Ciao Alessandro! Bello sentirti! Hai ragione, ma allo stesso tempo è un lusso essere a casa per così tanto tempo. Normalmente siamo sempre in giro a fare circa 100 spettacoli all’anno. Da un lato, sono un ragazzo fortunato perché ho la possibilità di assistere alla crescita del mio neonato. Ma il rovescio della medaglia di questo blocco è una depressione perché ogni essere umano ha bisogno di “respirare” e sentire la libertà. Siamo come animali nello zoo in questo momento. Ma ovviamente dobbiamo prendere le precauzioni e mostrare semplice rispetto reciproco indossando maschere ed evitando contatti non necessari in questi giorni.
Cosa devono aspettarsi i fan dal tuo prossimo album “Electric Gravity”?
“Electric Gravity” è stato creato come una quintessenza di tutti i migliori generi musicali orientati alla chitarra. L’atmosfera delle canzoni si sposta dal classico riff di chitarra pesante al jazz e al twist, dall’aggressività metal moderna alle ballate morbide e melodiche.
C’è una canzone a cui sei particolarmente legato?
È una bella domanda. Ogni canzone per me è unica e importante. Ogni canzone è nata in un certo periodo della mia vita e riflette tutte le mie gioie e i miei dolori. Mi piace molto lo spirito guerriero di “Samurai”, le melodie luminose di “Dream it out loud”, l’atmosfera progressiva di “Where the rivers flow” e così via. Le mie canzoni sono come i bambini, ma ora hanno bisogno di uscire dalla “casa dei genitori” e vedere il mondo.
Come crei solitamente una canzone?
A dire il vero, non ho bisogno di molto tempo per creare un’idea di base per una canzone. Ho solo bisogno di una chitarra ed è quasi arrivata, la musica mi scorre nelle vene. Normalmente ho bisogno di alcuni giorni per una traccia, ma quando si tratta di alcune canzoni personali possono volerci anni, alcune stanno ancora aspettando il loro tempo. Ovviamente ho sempre un paio di GB pieni della mia creatività sul mio disco rigido.
La pandemia ti ha ispirato in modo diverso?
La pandemia mi ha dato il tempo di lavorare su del nuovo materiale come videoclip, nuovi progetti e dischi da solista. Ma spero davvero che si possa tornare alla normalità il prima possibile! Sto ricevendo più ispirazione vivendo una vita con gli occhi spalancati come una volta.
Lavori con gli U.D.O. da molti anni ormai. Come è nata la possibilità di entrare a far parte della band?
Ho sempre sognato di suonare su grandi palchi con una vera band metal. Non smettete di crederci. Tenete duro il vostro sogno e un giorno diventerà realtà. Ad essere onesti, è stata una lunga strada per arrivarci. Ho iniziato a suonare la chitarra quando avevo 12 anni. Ho formato la mia band “Everlost” e poi ho lavorato con molti altri. Intorno al mio trentesimo compleanno sono diventato un musicista professionista come membro degli U.D.O. Ne sono davvero orgoglioso!
Come descriveresti la chimica tra te e gli U.D.O.?
La chimica è una cosa naturale che accade tra persone creative in uno “spazio creativo”. Non puoi forzarla e non puoi tenerla sotto controllo. Nel nostro caso questa collaborazione sta funzionando bene. Per quasi 10 anni nella band ho suonato circa 1000 spettacoli in tutto il mondo e ho scritto molte canzoni interessanti per gli U.D.O.
L’amicizia e il rispetto reciproco sono una cosa molto rara in questo settore, ma sono davvero importanti.
Progetti per questo 2021?
Non vedo l’ora che arrivi il mio album solista “Electric Gravity” all’inizio di settembre. Abbiamo anche in programma di pubblicare un nuovo album degli U.D.O.
C’è un artista con cui vorresti lavorare?
Vorrei continuare a suonare con le mie band attuali U.D.O., EVERLOST, NEBESA, il mio progetto solista… Ma se mi chiedi dei miei eroi di tutti i tempi, beh mi piacerebbe condividere il palco con i Metallica e gli Iron Maiden.
Siamo italiani. Hai ricordi legati al nostro Paese?
Io amo l’Italia! Ci sono stato un paio di volte. Mia moglie sogna di visitare il tuo bel paese. Avevamo intenzione di andarci, ma poi è scoppiata una pandemia. Vorrei noleggiare un’auto e guidare di nuovo attraverso l’Italia. Adoro la cucina italiana, il tuo fantastico caffè, la pizza e il gelato. Ma la cosa che più mi ispira è la bellezza dell’architettura italiana. Mi manca davvero!
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani
Rimanete forti e prendetevi cura l’uno dell’altro. Spero di rivedervi presto!
(Alessandro Gazzera)

PER INFO – Per maggiori informazioni sulla musica di Andrey Smirnoff:
https://www.facebook.com/andrey.smirnoff.guitarist
https://vk.com/asmirnovclub
https://www.youtube.com/c/AndreySmirnoff
https://www.instagram.com/andrey.smirnoff.official
https://asmirnoff.ga/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here