Intervista a Eva Gardner: Darkmatter e altre storie

La bassista americana racconta il suo ultimo album, il legame con Pink e con l'Italia

intervista-eva-gardner-darkmatter-altre-storie
Foto: Denise Nicolay

Continuiamo a esplorare la musica e sempre con un pizzico di grunge. L’ospite di oggi è la bassista americana Eva Gardner che presenta il disco “Darkmatter” e ci racconta una carriera che parte dal grunge e arriva ai giorni nostri. Ecco cosa ci ha raccontato:

Ciao Eva, raccontaci qualcosa sul tuo ultimo disco “Darkmatter”. Penso sia davvero un bellissimo lavoro… Tu come lo descriveresti?
Grazie mille! Descriverei Darkmatter come un’esplorazione degli effetti del subconscio umano.
Spesso non vediamo o non ci rendiamo conto delle cose che hanno un’enorme influenza su di noi. Questo è un qualcosa affascinante per me perché, proprio come il concetto di materia oscura nello spazio, non può essere visto direttamente. Sappiamo però che è lì dall’effetto che ha sugli oggetti nell’universo.

Come crei una canzone? Da dove arriva l’ispirazione?
L’ispirazione può venire da molti luoghi: dalle esperienze personali, dai libri che leggo, persino dai cartelloni pubblicitari e dagli adesivi per paraurti! Tengo una lista continua di idee per i testi e spesso estraggo da queste quando mi siedo per scrivere una canzone.

Ho apprezzato molto la vena grunge nella tua musica. Quali sono state le band che hanno contribuito a formare la tua identità musicale?
Quando ero al liceo ascoltavo molte band degli anni ’90 come Nirvana, Alice in Chains, Smashing Pumpkins, Hole, Pearl Jam e Stone Temple Pilots. Alcune delle prime linee di basso che ho imparato provenivano dai primi album di questi gruppi.

La canzone “Is Love Enough” è molto bella e profonda. Ci racconti come è nata?
Nelle relazioni ci sono alti e bassi, prove, tribolazioni, dubbi e confusione. Ci così tanti tira e molla che a volte l’amore stesso non è abbastanza per tenere insieme le cose. Puoi prenderti cura di qualcuno profondamente, ma alla fine le cose vanno in pezzi. Penso che sia un’esperienza che molte persone hanno, me compresa.

Possiamo sperare di vederti in tour con il tuo nuovo disco?
Mi piacerebbe davvero molto. Dita incrociate! (sorride)

Nella tua carriera hai lavorato con tantissimi musicisti. Ci sveli il segreto del tuo successo?
Penso che la persistenza, l’etica del lavoro e la forza di volontà abbiano molto a che fare con questo. Molte delle persone con cui lavoro non si sono licenziate la prima volta che sono state abbattute. Continuavano ad alzarsi, ancora e ancora. È facile scoraggiarsi, ma se mantieni la concentrazione e hai un atteggiamento positivo… Ti aiuterai!

Tu e Pink sembrate avere una chimica davvero speciale sul palco. Quando vi rivedremo insieme?
Ha alcuni festival in programma per il 2022 e sarà fantastico tornare sul palco.

Progetti per il futuro?
Ho alcune collaborazioni musicali in programma. Tornerò anche nel mondo degli spettacoli dal vivo. Il futuro sembra molto divertente.

C’è un musicista con cui ti piacerebbe collaborare?
Ci sono così tanti artisti di talento là fuori. Cerco sempre di espandere la mia rete creativa e superare i miei limiti. Sono aperta ai suggerimenti.

Come sai siamo italiani. C’è un ricordo particolare legato all’Italia?
Ho così tanti ricordi meravigliosi del tuo Paese. Ci sono stata per la prima volta durante un viaggio con lo zaino in spalla quando ero un’adolescente. I miei compagni di viaggio e io abbiamo incontrato delle persone meravigliose a Firenze che ci hanno mostrato la città. Stare con la gente del posto ha ovviamente reso il nostro viaggio ancora migliore.
Nel 2002 ho suonato al Forte Prenestino di Roma con i Mars Volta. Un’avventura fantastica! Ho anche suonato a Roma nel 2007 con Pink e da allora ho visitato molte altre città del tuo fantastico Paese. Spero di tornarci prima o poi!

Ultima domanda: il tuo messaggio ai fans italiani.
Grazie a tutti voi per il vostro incredibile supporto. Lo apprezzo immensamente.
(A.G.)

Foto in evidenza: Bianca Buder

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here