Opzioni binarie: cosa sono e come funzionano

Cosa sono, da quali elementi sono costituite, come utilizzarle per fare trading; di seguito spiegazioni e consigli

Grafico_01Vi siete mai chiesti cosa sono e come funzionano le opzioni binarie? Probabilmente, ammesso che siate almeno superficialmente interessati al mondo del trading binario, la risposta sarà positiva. D’altronde, le opzioni binarie rappresentano da diversi anni un interessante strumento di investimento nei mercati finanziari, in grado di conferire ampie opportunità di guadagno con semplicità di utilizzo e facilità di comprensione. Ma è davvero così facile investire con le opzioni binarie? E quante possibilità abbiamo di ottenere un vero guadagno?

Cosa sono le opzioni binarie
Cominciamo con il ricordare che le opzioni binarie rappresentano una forma di investimento effettivamente molto semplice: per poter cercare di arrivare all’ambito guadagno sarà infatti sufficiente scegliere un asset sul quale vogliamo investire (ad esempio, il cambio EUR/USD), scegliere l’importo che vogliamo investire, e prevedere la direzione del movimento dell’opzione. Se la nostra previsione risulterà essere vincente,  otterremo come ricompensare un payout pari a una percentuale del capitale investito (oltre alla restituzione dello stesso); se invece la nostra previsione risulterà essere perdente, vedremo andare in fumo l’intero capitale investito. Di qui, l’aggettivo “binario”: gli esiti della nostra scommessa finanziaria sono solamente due, positivo o negativo.

Quali sono gli elementi di un’opzione binaria
Da quanto sopra dovrebbe già risultare chiaro che gli elementi sempre ricorrenti all’interno di una opzione binaria sono cinque:

  • l’asset sottostante, cioè il titolo sul quale desideriamo compiere la nostra previsione;
  • il valore dell’asset dell’opzione binaria, sul quale effettuare la nostra previsione;
  • la scadenza dell’opzione binaria, ovvero il termine nel quale verrà verificata se la previsione sarà corretta o errata;
  • la previsione che andremo a formulare (tipicamente, ma non solo, se il prezzo dell’asset, alla scadenza dell’opzione binaria, sarà maggiore o inferiore di quello di partenza);
  • il rendimento, calcolato come percentuale (es. il 70%) del capitale investito, da accreditare in caso di previsione corretta.

A questo punto, dovrebbe altresì essere chiaro che comprare un’opzione binaria significa individuare l’asset sottostante (cioè, il titolo sul quale vogliamo scommettere), indicare l’importo che intendiamo investire, selezionarel a scadenza dell’opzione (da 60 secondi in su) e comunicare la nostra previsione.

Cosa succede alla scadenza dell’opzione binaria
Se abbiamo seguito le linee guida di cui sopra, alla scadenza dell’opzione binaria non dovremo far altro che verificare in che modo si sia comportato il mercato. Se il mercato, infatti, si è comportato secondo le nostre previsioni, riusciremo a incassare il rendimento atteso. Di contro, se il mercato si è mosso in direzione inversa alle nostre previsioni, perderemo l’intero capitale investito.

Come fare trading con le opzioni binarie
Fare trading con le opzioni binarie è oggi davvero molto semplice. Sarà infatti sufficiente aprire un conto di trading presso un broker abilitato, scaricare la piattaforma di trading (o utilizzare quella web-based), effettuare il deposito sul conto di trading e iniziare a aprire la posizione desiderata. Naturalmente, la facilità tecnica con la quale è possibile effettuare del trading in opzioni binarie non corrisponde alla facilità con la quale è possibile vincere. Per quella, occorre molta esperienza, capacità, competenza e… un pizzico di fortuna!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here