Riciclaggio di denaro sporco nei Casinò, arrestati due malviventi. Nel gioco online le regole sono più restrittive

L’operazione di arresto è stata condotta dalla Guardia di Finanza; i due indagati avrebbero cercato di “ripulire” ben 500mila euro

EuroArrestati questa mattina due uomini napoletani e indagati i membri di una grande società del Casertano: il reato contestato dalle Fiamme Gialle è quello di riciclaggio di denaro sporco. I due uomini infatti avevano trovato il modo più facile per ripulire il denaro: giocarli al casinò. La truffa si sarebbe prolungata per diversi giorni fino a quando, uno degli operatori della sala da gioco, ha denunciato i suoi sospetti alla Guardia di Finanza.
Secondo fresche indiscrezioni, i due uomini avrebbero cercato di ripulire una somma di 500.000 euro. Per farlo avrebbero iniziato la loro “operazione” recandosi nel Casinò di Saint Vincent, dove cambiavano gli assegni in fiches, che poi venivano riconvertite in denaro a fine giornata. Per non destare sospetti, dopo aver preso le fiches, i due si separavano all’interno delle sale: uno era solito frequentare tavoli da roulette facendo raramente infime puntate; l’altro invece era solito recarsi nella sala delle slot machine.
Come detto, i due malviventi hanno mantenuto questo comportamento per tre giorni consecutivi. A fine giornata, le fiches rimaste venivano cambiate in denaro. Il quarto giorno invece qualcosa è andato storto: uno degli operatori di sala ha infatti iniziato a insospettirsi, notando proprio lo strano comportamento dell’uomo alle slot che, mentre nei primi giorni era riuscito a camuffare i propri comportamenti, successivamente avrebbe tenuto tempi di sosta sempre più lunghi, passati girovagando tra una slot e l’altra oppure giocando dal suo tablet alle slot online … cosa questa troppo insolita e che ha fatto scattare il campanello d’allarme.
Le indagini della Guardia di Finanza sono partite così dai due uomini e hanno portato ad un loro collegamento con un imponente grossista informatico nel Casertano. I soldi da ripulire sembrano proprio provenire da frode fiscale. I membri della società sono stati iscritti nell’albo degli indagati, i due uomini invece sono già stati arrestati.
I rischi di riciclaggio nel settore del gioco e dei casinò sono sempre dietro l’angolo ed è anche per questo che negli ultimi anni i grandi operatori del settore stanno spingendo sul fronte dell’online.
Con i nuovi casino online, infatti, sussistono regole ben più restrittive, che non danno vita facile ai truffatori. I giochi dei casino online permettono ad esempio solo alcune forme di pagamento (da cui sono escluse modalità quali assegni e altri titoli di credito) e impongo tempi e modalità di prelievo più limitanti rispetto a un qualsiasi casinò terrestre.