Conseguenze cervello marijuana, risonanza mostra anomalie evidenti nei consumatori cronici

Marijuana_02-300x200I consumatori cronici di marijuana avrebbero anomalie in alcune aree del cervello, rispetto ai non consumatori. Questo secondo quanto descritto dai ricercatori del Center for Brain Health della University of Texas di Dallas (Stati Uniti).

 

LO STUDIO – Lo studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), riporta i dati raccolti in un numeroso gruppo di assuntori cronici di marijuana di età adulta, scelti in modo da poter valutare eventuali modifiche strutturali durante l’arco della vita, escludendo così possibili confondimenti dovuti alla maturazione cerebrale.

– Lo studio ha caratterizzato le alterazioni cerebrali associate all’uso cronico di marijuana, attraverso la misurazione del volume di materia grigia nell’intero cervello, la sincronia tra le regioni anomale di materia grigia a riposo e l’integrità della sostanza bianca (la connettività strutturale), usando per la prima volta, tre diverse tecniche di risonanza magnetica.

 

DETTAGLI – Lo studio è stato condotto su 48 consumatori cronici di marijuana (assunzione, in media, circa tre volte al giorno) e 62 soggetti di controllo (non consumatori della sostanza). I risultati hanno mostrato che rispetto ai controlli, i consumatori di marijuana avevano volume della corteccia orbitofrontale (OFC) significativamente inferiore ma anche una maggiore connettività cerebrale in quest’area.

– La maggiore connettività è risultata associata all’età di inizio del consumo regolare di sostanza, indicando processi neuroadattivi complessi proprio in risposta al consumo della sostanza.

– Test cognitivi hanno inoltre rilevato nei consumatori cronici di marijuana, un quoziente intellettivo inferiore rispetto al gruppo di controllo, anche se le differenze non risulterebbero correlate alle anomalie cerebrali osservate. Lo studio – come riportato anche in una nota stampa – offre una prima indicazione che la materia grigia nella OFC può essere più vulnerabile della sostanza bianca agli effetti del delta-9-tetraidrocannabinolo (THC), il principale componente psicoattivo della cannabis.

 

CONCLUSIONI – Secondo gli autori, lo studio fornisce la prova che l’uso cronico di marijuana avvia un processo complesso che permette ai neuroni di adattarsi portando ad un aumento della connettività strutturale e funzionale per compensare la diminuzione del volume di materia grigia.

 

PER INFO –  Staff Dronet
Indirizzo: www.dronet.org
Email: ifo@dronet.org

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Effetti marijuana, gli ultimi risultati in arrivo dagli States

Effetti cannabis, marijuana e hashish: fanno male? Fanno bene? E agli adolescenti? Ecco le risposte

Alternative legali alla cannabis, conseguenze, sintomi evidenti e info

Di Redazione

Foto: wikipedia.org

Fonte: dronet.org