Droga in gravidanza, come evitare danni al cervello del bambino

FirmaIl test antidroga condotto su campioni di capello prelevati da 517 madri in ospedali di Londra, Bristol e Birmingham, ha indicato che quasi il 15% aveva assunto droghe durante la gravidanza e che le madri di bambini con difetti cerebrali alla nascita avevano significativamente maggiore probabilità di avere assunto droghe rispetto alle madri con bambini normali.

 

– Questo è quanto emerge da uno studio condotto da un team di ricercatori della University College London (UCL) e pubblicato sulla rivista PLoS ONE.

 

LO STUDIO – Lo studio ha incluso 213 donne il cui bambino presentava un disturbo alla nascita potenzialmente correlato al consumo materno di droga; 143 donne il cui bambino aveva un disturbo alla nascita ma non c’erano precedenti che facevano pensare a consumo di droga; infine 161 donne il cui bambino non presentava disturbi.

– Le donne partecipanti allo studio sono state sottoposte al test antidroga sul capello. I capelli crescono ad un tasso medio di un centimetro al mese, pertanto un campione di nove centimetri a partire dalla base del capello, consente il monitoraggio del consumo di droga durante tutti i nove mesi di gestazione, e la segmentazione in tre sezioni di tre centimetri ognuno, consente di valutare l’eventuale consumo di droga in ogni trimestre.

 

RISULTATI – Dai risultati tossicologici, 77 donne (14,9%), sono risultate positive per almeno un tipo di droga, nello specifico 68 alla cannabis, 18 alla cocaina, 1 alla ketamina e 1 all’MDMA; inoltre, dieci di loro, avevano assunto più di una sostanza.

– Il consumo di droga è risultato più elevato durante il periodo del concepimento, per diminuire con il progredire della gravidanza, anche se circa la metà delle donne consumatrici di cannabis, hanno continuato a fumarla per tutto il secondo trimestre.

 

DETTAGLI – Positività alle droghe è emersa in una percentuale significativamente maggiore di donne i cui bambini sono nati con difetti cerebrali alla nascita (35%), rispetto alle donne con bambini sani (13%).

– Tra i difetti considerati, cisti cerebrali e cervello sotto-sviluppato, anomalie che possono avere conseguenze gravi e portare a condizioni invalidanti per tutta la vita. I risultati dello studio evidenziano ancora una volta, la vulnerabilità del cervello in via di sviluppo, a qualsiasi insulto esterno e ribadiscono la raccomandazione di non consumare sostanze psicoattive alle donne che desiderano una gravidanza e durante tutto il periodo di gestazione per prevenire gravi conseguenze per la salute del nascituro.

 

PER INFO –  Staff Dronet
Indirizzo: www.dronet.org
Email: ifo@dronet.org

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Consumo di Metamfetamina, gli allarmanti dati provenienti dall’Iran

Droga sintetica: Spice drugs, cos’è, effetti e ricerca scientifica

Legge divieto fumo luoghi pubblici, risultati sulla salute dei bambini

Di Redazione

Fonte: dronet.org