Terapie Epatite C per tossicodipendenti, i primi risultati oltre il 90%

FirmaAlla ventesima conferenza internazionale sull’AIDS di Melbourne (Australia) è stato presentato un nuovo studio sui risultati positivi ottenuti attraverso un regime farmacologico in grado di curare l’epatite C in pazienti eroinomani.

 

LO STUDIO – L’infezione è trasmessa attraverso la condivisione di siringhe, e una ridotta percentuale di pazienti viene curata sulla base di presunti problemi di tollerabilità, aderenza ed efficacia del trattamento.

– Tuttavia, nuovi studi hanno dimostrato che combinando due o più agenti antivirali ad azione diretta (DAAS) specifici per le diverse fasi dell’infezione, è possibile ottenere un tasso di guarigione del 90% per l’epatite C con genotipo 1.

 

SPERIMENTAZIONE – La sperimentazione in fase 2, ha coinvolto 38 persone in terapia sostitutiva (metadone o buprenorfina), di cui il 68% con epatite C sottotipo 1a e il restante 1b.

–  La maggior parte dei partecipanti non soffriva di fibrosi al fegato, ma il 5% era ad uno stadio avanzato. Sono comunque stati esclusi i pazienti con cirrosi epatica, epatite B o HIV. Tutti i pazienti sono stati trattati con una terapia combinata con ribarivin per 12 settimane, e monitorati per verificare una risposta virologica sostenuta, ovvero la negatività dell’HCV-RNA a 24 settimane dalla conclusione del trattamento.

 

I RISULTATI – La terapia si è rilevata efficace con un tasso pari al 97,4%, poiché solo su un paziente il trattamento non ha avuto esito positivo. Non si sono verificati casi di ricaduta post trattamento e nessun paziente ha necessitato di un aggiustamento dei dosaggi della terapia sostitutiva.

– L’aderenza dei pazienti al trattamento è stata alta dimostrando, secondo i ricercatori, che regimi terapeutici senza interferone sono conciliabili con la terapia sostitutiva.

 

INFORMAZIONI – per ulteriori informazioni:

Dipartimento Politiche Antidroga, Presidenza del Consiglio dei Ministri
Via della Vite, 13 – 00187 Roma (RO)
Tel. 06-67.79.36.66
E-mail: dipartimentoantidroga@governo.it

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Nuove sostanze psicoattive, lo studio italiano che ne valuta i rischi

Nuovi test anti droga per sostanze psicoattive, dall’Italia il metodo innovativo

Guida sotto effetti di stupefacenti, i dati dell’OEDT

Di Redazione

Fonte: droganews.it