Campo nomadi Lungo Stura Lazio Torino, le foto di un lettore: “E’ una discarica, basta!”

RifiutiDi seguito la segnalazione inviata da un cittadino alla nostra Redazione (redazione@cronacatorino.it), riguardante il campo nomadi di Lungo Stura Lazio a Torino. Nel dettaglio:

 

BARACCHE E RIFIUTI – ”Buongiorno, visto che si parla tanto delle comunità integrate a Torino  – scrive il lettore, – vi faccio vedere la situazione che ci troviamo a vivere noi.

 

CONDIZIONI IGIENICHE PIETOSE – ”Questo è Lungo Stura – spiega il cittadino, – baracche e deposito di rifiuti incontrollato.

– Questa è la scena che ci tocca vedere quando passiamo nella zona – dice il lettore, – senza dimenticare gli ubriachi che gettano tranquillamente le loro bottiglie a terra senza curarsi di niente e di nessuno.

 

MA DAVVERO VA BENE? – “Non è l’unica zona in queste condizioni – conclude il nostro lettore. – Mi domando a cosa serva lo spostare il problema in altre zone e tentarle tutte pur di non risolvere nulla…”

 

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Pista ciclabile Torino, la rabbia di un lettore: “Così si sprecano i soldi!”

Scippi via Borgaro Torino, la rabbia di un residente “Fate qualcosa!”

Sosta selvaggia via Po Torino, la rabbia di un residente

 Di Redazione