Analisi prima parte Ritiro Torino FC, verso il Campionato con più sorrisi che incertezze

Ottimismo e fatica. Sono queste le parole che sintetizzano al meglio la prima parte del ritiro estivo del Torino FC, che si sta svolgendo presso Bormio, in provincia di Sondrio.

.

NUOVA ARIA – Dopo un finale di stagione con più mugugni che sorrisi, sui Granata aleggiava la solita aura di pessimismo: l’incertezza era ampia, visto che anche le poche sicurezze erano destinate a svanire, Bianchi e Ogbonna in primis.

– Tuttavia, già a partire da fine giugno, intorno alla società torinese l’aria sembrava muoversi in maniera differente. I primi acquisti, tra cui i fondamentali riscatti di Cerci e Glik, hanno rasserenato un ambiente che rischiava di piombare nella depressione profonda.

– Mano mano che la squadra prendeva forma, aumentava la curiosità e la fiducia dei tifosi, attratti dai nomi promettenti e dalle certezze che il Toro può ora vantare di avere, tra cui i giovanissimi Aramu (18) e Parigini (17), gli esperti Bovo, Moretti e Farnerud e le promesse Bellomo, Immobile ed El Kaddouri.

.

ARIA DI MONTAGNA – Perciò, affinché l’ottimismo granata prenda forma, è necessario faticare e tanto. La località scelta per il ritiro è stata quest’anno Bormio, rinomata città valtellinese sede in passato di alcuni ritiri della Fiorentina.

– Fin dai primi giorni, la parola d’ordine è stata preparazione, sopratutto atletica. I test sono stati incredibilmente selettivi, tanto che, per migliorare la specificità degli esercizi, si è scelto per dividere il gruppo in due, a seconda della condizione fisica.

– Tuttavia, a differenza di altre squadra, fin da subito si è lavorato intensamente anche sull’altra preparazione, ovvero quella tattica. Questa decisione è scaturita sopratutto dal possibile cambio radicale di schema di gioco, che dal 4-2-4 classico “venturiano” diverrà probabilmente 3-5-2 o 4-3-3, a seconda delle esigenze.

.

MONTAGNA GRANATA – L’ottimismo e la fatica non passano mai inosservati. Malgrado la distanza quasi proibitiva da Torino, sono numerosi i tifosi al seguito della squadra. Intorno al centro sportivo è così sorta una vera e propria cittadella granata, in cui squadra e tifo si uniscono in nome della fede calcistica.

.

GRANATA ALL’OPERA – Se bastassero le parole, avremo a che fare con una squadra in grado di fare bene fin da suvbito. Tuttavia, ciò che manca al Toro è la “prova generale”, che arriverà tra due giorni contro la Bormiese, compagine di seconda categoria. A questo impegno seguiranno quelli contro Lecco (Serie D) e Virtus Entella (Lega Pro Prima Divisione). Solo allora si potranno capire realmente con che Toro avremo a che fare.

.

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.


VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Calciomercato Torino FC, arriva Alexander Farnerud dallo Young Boys

Matteo Maero