Ascot Labormet, esordio in chiaroscuro nei playoff

Esordio nei playoff in chiaroscuro per le ragazze dell'Ascot Labormet che, opposte al Pala Lingotto alle liguri della Serteco Volley School, cedono al tiebreak dopo essere state avanti 2 set a 1

Esordio nei playoff in chiaroscuro per le ragazze dell’Ascot Labormet che, opposte al Pala Lingotto alle liguri della Serteco Volley School, cedono al tiebreak dopo essere state avanti 2 set a 1. A penalizzare Bertolotto e compagne, oltre che le assenze – fuori Capano e la capitana Pilotti – i tanti errori commessi nell’arco del match, frutto forse di una tensione palpabile nelle fila rossoblù per tutta la gara. Nervosismo che le padrone di casa pagavano carissimo nel primo set quando il TO Play alternava buoni momenti – soprattutto quando era costretto a inseguire – ad altri che lo erano assai meno in cui, anche penalizzato da una ricezione traballante, finiva per sbagliare troppo in attacco. Dopo un avvio equilibrato le ospiti fuggivano via a metà set portandosi sul 17 a 13. La squadra di coach Emanuele Alpignano tornava sotto pareggiando il punteggio ai 21 e poi ai 23, ma la poca lucidità nel finale finiva per costare carissima e la Serteco andava sull’ 1 a 0. Tutt’altra storia nel secondo e nel terzo set nei quali le rossoblù alzavano il ritmo e tenevano costantemente indietro le avversarie. Gli errori erano al minimo e l’Ascot Labormet conquistava le azioni prolungate a cui la difesa avversaria la costringeva. Chiave di volta del match era la quarta frazione nella quale una pessima partenza costringeva le padrone di casa a sprecare risorse mentali e fisiche per tentare una rimonta che purtroppo non si concretizzava e finendo per pagare le fatiche in un pessimo quinto set dominato dalle avversarie. “Paghiamo i tanti errori commessi frutto anche dell’ottima prestazione in difesa delle nostre avversarie, il cui alto numero vanifica i tanti punti realizzati – spiega coach Alpignano, che non dispera -. Il ritorno è ancora aperto a ogni risultato e la qualificazione è ancora possibile: bisognerà però ridurre il numero degli errori mantenendo sempre alte aggressività e concentrazione.”
Foto e Notizie: Ufficio Stampa Ascot Labormet

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here