Caso Mutu, Juventus e Livorno condannate a risarcire il Chelsea

Si torna a parlare dopo quasi dieci anni del passaggio di Adrian Mutu alla Juventus. Il tribunale per le controversie della FIFA ha sanzionato, infatti, i bianconeri ed il Livorno per il trasferimento del giocatore.

.

LA STORIA – Nel 2004 il giocatore rumeno viene trovato positivo alla cocaina e licenziato dal Chelsea il 29 ottobre.

– Il 12 gennaio 2005 firma un contratto con i bianconeri, ma viene tesserato dal Livorno e poi girato a Torino poichè la Juventus non può prendere altri extracomunitari. Mutu sconterà i 7 mesi di squalifica e debutterà con la maglia di Madama il 18 maggio del 2005.

.

IL CHELSEA NON CI STA – I londinesi non mandarono giù la vicenda e chiesero un risarcimento al giocatore, ma non avendo ottenuto la somma richiesta si passò alle due società coinvolte.

– I legali di Juventus e Livorno hanno tempo 21 giorni per presentare il ricorso al TAS di Losanna contro i 21 milioni di sanzione. I legali di corso Galileo Ferraris sono fiduciosi poichè, secondo loro, il contratto del giocatore sarebbe stato depositato dopo la rescissione definitiva tra Mutu e il Chelsea.

.

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Torino o Juventus, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

.

Leggi anche:

Juventus – Milan 3 a 2 Serie A, i bianconeri sanno ancora giocare a calcio

La Juventus verso il Milan, tanti dubbi e poche certezze

Juventus – Galatasaray 3 a 1 Youth Cup, la gioventù bianconera si riscatta in Europa

Alessandro Gazzera

Foto: wikipedia.org