Coppa Italia – Final Four, Valdifiemme contro Pergine ed Unterland contro Dobbiaco

Decise le quattro che si contenderanno il trofeo

coppa-italia-valdifiemme-pergine-unterland-dobbiacoSerata di emozioni in quasi tutte le sfide dei quarti di finale di Coppa Italia, torneo che andrà a occupare tutta la settimana con le Final Four di Egna che si giocheranno tra sabato e domenica per l’assegnazione della 26esima edizione della coccarda tricolore.

Il Valdifiemme supera il Varese per 4:1 

Il Fiemme ha ragione per 4 a 1 del Varese ma non certo dopo una passeggiata, anzi. Il rapido vantaggio del ceco Moucka, un primo tempo giocato a mille all’ora, e il bis trovato al 21:35 da Locatin sembrano indirizzare la gara in favore dei trentini, ma i Mastini salgono di ritmo dopo aver subito il 2-0. Peiti deve esibirsi in una serie di spettacolari salvataggi, si arrende solo a Marcello Borghi al 37:06 ma riesce a tenere avanti i suoi. Gli ospiti sprecano tanto in superiorità e un errore permette a Vinatzer di volare in 1vs0 contro Muraro freddandolo per il tris. Ancora Peiti a salvare nel terzo drittel, quindi Gamper chiude i giochi a gabbia vuota per il 4-1 finale.

Pokerissimo del Pergine ad Alleghe 

Fiemme che avanza in semifinale dove sfiderà il Pergine, autore di una prova perfetta ad Alleghe. Dopo un inizio equilibrato i trentini passano al 14,41 grazie a Foltin, abile in situazione di rebound. Gli agordini provano la reazione e mettono insieme almeno tre buone occasioni per il pareggio che non arriva, quindi al 25:50 è Gabri a firmare il bis per il Pergine. La squadra di Ambrosi sale in cattedra e macina tantissimo gioco, con Scola che si salva in un primo tempo ma al 36:26 incassa il tris di Valorz. Gara chiusa dopo 40 minuti, con gli ospiti che allungano ulteriormente grazie al solito Sanvido in apertura di terzo tempo, prima di siglare al 58,32 con Gabri l’empty net gol del definitivo 0 a 5.

L’Unterland, in rimonta, stronca nel finale un Como mai domo in un match da 11 reti. Cavaliers che quindi possono difendere il trofeo conquistato lo scorso anno

Dall’altra parte del tabellone l’Unterland ha dovuto soffrire per tutti e 60 i minuti della sfida col Como, riuscendo a strappare la vittoria solo nel finale. Lariani che si presentano in Alto Adige con soli 12 giocatori di movimento, ma giocano una gara quasi perfetta, concretizzando tutte le poche occasioni a disposizione. Formentini al 12:10 in pp e Privitera al 20:47 trovano il doppio vantaggio ospite, mentre dopo tanta pressione D’Agate si arrende solo al 24:14 a Brighenti per l’1-2. Il Como però torna avanti con Xamin due minuti dopo, ma una micidiale doppietta di Wieser (31:51 e 34:22) rimette tutto in parità sul 3-3. Il Como è stoico e con Formentini si riporta avanti prima dell’ultima sirena, quindi al 44,21 Steiner in inferiorità trova la volata del nuovo pareggio. Nello stesso power play però i lariani colpiscono ancora con Asinelli, ripassando in testa sul 4 a 5. Nonostante il roster cortissimo i lombardi lottano per lunghi minuti, arrendendosi solo al 52,40 alla stoccata di De Nardin. 5 a 5 e tutto da rifare, con l’Unterland che trova il primo vantaggio di serata al 53:13 con Brighenti e riesce a difenderlo sino al termine guadagnandosi la semifinale in casa.

La matricola Dobbiaco piazza il colpaccio in trasferta ed elimina all’overtime il Caldaro

Sabato l’avversario dei padroni di casa dell’Unterland non sarà il Caldaro, favorito sulla carta, ma il sempre più sorprendente Dobbiaco. I pusteresi ci mettono solo 33 secondi a sbloccare la gara con Alex De Lorenzo Meo, quindi al 6,26 il fratello Lukas fa 0-2. I lucci non riescono a trovare spiragli contro Burzacca, il Dobbiaco resiste alla grande e grazie a Profunser si porta sul +3 al 36;15. 40 minuti da incubo per il Caldaro che però riapre tutto nel terzo periodo. Oberrauch dopo 45 secondi avvia la riscossa, quindi a furia di spingere i lucci la riaggiustano: Fink al 51:55 e Vinatzer al 53:35 trovano i punti del 3-3. Si resta su questo punteggio fino al 60’, quindi dopo il rifacimento del ghiaccio scatta l’overtime da 20 minuti: ne bastano però 4 (e 21 secondi) al Dobbiaco per trovare con Lukas De Lorenzo Meo il gol del 4 a 3 che vale sorpasso e semifinale di Coppa Italia.

Coppa Italia – Stagione 2021/22 – 26esima edizione
Qualificazione A: Valdifiemme HC (1°) – HC Varese 1977 (8°) 4:1 (1:0; 2:1; 2:0)
Qualificazione B: SV Kaltern Caldaro rothoblaas (2°) – AHC Toblach Dobbiaco Icebears (7°) 3:4 OT (0:2; 0:1; 3:0; 0:1)
Qualificazione C: Hockey Unterland Cavaliers (3°) – Hockey Como (6°) 6:5 (0:2; 3:2; 3:1)
Qualificazione D: Alleghe Hockey (4°) – Hockey Pergine Sapiens (5°) 0:5 (0:1; 0:2; 0:2)

FinalFour – Coppa Italia – 22/23 gennaio – Würth Arena Neumarkt/Egna

22 gennaio – Semifinali –
Vincenti A contro D : Valdifiemme HC (1°) – Hockey Pergine Sapiens (5°) (ore 19:00)
Vincenti B contro C: Hockey Unterland Cavaliers (3°) – AHC Toblach Dobbiaco Icebears (7°) (ore 15:00)

23 gennaio – Finale –
Vincenti le semifinali – ore 18:00

Foto Anton Oberhammer

I dettagli delle 4 gare di qualificazione alla Final – 4 di Egna 

Valdifiemme HC – HC Varese 1977 4-1 (1-0, 1-1, 2-0)

Gol: 2:08 J. Moucka (S. Peiti, D. Roupec) (1:0), 21:35 R. Locatin (P. Nicolao, L. Franza) (2:0, PP1), 37:06 M. Borghi (F. De Biasio, E. Caletti) (2:1), 48:52 G. Vinatzer (J. Moucka, D. Roupec) (3:1, SH1), 58:31 A. Gamper (G. Vinatzer, D. Roupec) (4:1)

Formazione Valdifiemme: Simone Peiti 60:00 (Laurin Foppa); David Roupec – Gabriele Misconel; Nicola Ghizzo – Luca Franza; Daniele Cataldi – Elia Bonelli; Paolo Nicolao – Enrico Chelodi – Gabriel Vinatzer; Alex Gamper – Rudi Locatin – Jaroslav Moucka; Andrea Defrancesco – Andrea Odorizzi – Loris Vanzetta; Loris Vicenzi – Gabriele Vieider – Cristiano Weber; Coach: Erwin Kostner;

Formazione Varese: Carlo Muraro 59:43 (Leonardo Mordenti); Erik Steve Mazzacane – Andrea Schina; Alex Bertin – Francesco De Biasio; Leonardo Della Torre; Marcello Borghi – Edoardo Maurizio Maria Caletti – Alessio Piroso; Gianluca Tilaro – Andrea Vanetti – Federico Cordin; Pietro Borghi – Michael Mazzacane – Sebastian Allevato; ;

Penalità: 16-8 (8-6, 4-2, 4-0); Tiri: 41-34 (22-10, 10-15, 9-9); Arbitri: T. Egger, S. Ricco (F. Fecchio, J. Pace); Spettatori: 350

SV Kaltern Caldaro rothoblaas – AHC Toblach Dobbiaco Icebears OT 3-4 (0-2, 0-1, 3-0, 0-1)

Gol: 0:33 A. De Lorenzo Meo (P. Rizzo, D. Elliscasis) (0:1), 6:26 L. De Lorenzo Meo (V. Schweitzer, L. Crepaz) (0:2), 36:15 M. Profunser (L. De Lorenzo Meo, L. Crepaz) (0:3, PP1), 40:45 J. Oberrauch (F. Erschbamer, L. Crepaz) (1:3), 51:55 L. Fink (R. Felderer, T. Virtala) (2:3), 53:35 S. Vinatzer (R. Felderer, T. Virtala) (3:3), 64:21 L. De Lorenzo Meo (V. Schweitzer, T. Virtala) (3:4)

Formazione Caldaro: Daniel Morandell 64:21 (Alex Andergassen); Lorenz Gruber – Martin Mazanec; Simon Vinatzer – Jonas Schoepfer; Fabian Stefanelli – Tobias Winkler; Lois Fink – Teemu Sakari Virtala – Raphael Felderer; Riccardo Bortolotti – Bastian Andergassen – Benjamin Anderlan; Jonas Oberrauch – Franz Erschbamer – Michael Felderer; Coach: Jonathan Troy Barnes;

Formazione Tobalch: Luca Burzacca 64:21 (Manuel Oberkanins); Denis Soravia – Danny Elliscasis; Peter Wieser – Matthias Profunser; Marcel Lanzinger – Stefan Wagger; Thomas Pichler – Lukas Plankensteiner; Raphael Egarter – Patrick Rizzo – Alex De Lorenzo Meo; Lukas De Lorenzo Meo – Viktor Emanuel Schweitzer – Lukas Crepaz; Fabio Alverà – Klaus Volgger – Giulio Zandegiacomo Mistrotione; Rene Purdeller – Claudio Vecellio Taiarezze – Matthias Mazzarini; Coach: Guido Karl Lamberti Charles;

Penalità: 8-8 (2-2, 6-4, 0-2, 0-0); Tiri: 34-30 (10-7, 8-10, 14-11, 2-2); Arbitri: M. Bagozza, F. Tirelli (M. Mair, A. Plancher); Spettatori: 110

Hockey Unterland Cavaliers – Hockey Como 6-5 (0-1, 3-3, 3-1)

Gol: 12:10 L. Formentini (R. Ambrosoli) (0:1, PP1), 20:47 R. Privitera (L. Vola) (0:2), 24:14 T. Brighenti Moretti (F. Wieser, D. Girardi) (1:2, PP1), 26:38 D. Xamin (H. Majul Villasenor, D. Girardi) (1:3, PP1), 31:51 F. Wieser (E. De Nardin, M. Cont) (2:3), 34:22 F. Wieser (M. Selva, V. Dobias) (3:3), 37:14 L. Formentini (D. Xamin, V. Dobias) (3:4), 44:21 T. Steiner (F. Wieser, V. Dobias) (4:4, SH1), 45:03 S. Asinelli (L. Formentini, R. Codebò) (4:5, PP1), 52:40 E. De Nardin (M. Santer, R. Codebò) (5:5), 53:13 T. Brighenti Moretti (V. Dobias, M. Graf) (6:5)

Formazione Unterland: Tizian Giovanelli 60:00 (Moritz Steiner); Mirko Cont – Tobias Brighenti Moretti; Erwin De Nardin – Lukas Goldner; Tobias Steiner – Manuel Santer; Alexander Peter Sullmann Pilser – Patrick Cont; Martin Graf – Florian Wieser – Vojtech Dobias; Gabriel Galassiti – Moritz Kaufmann – Davide Girardi; Ruben Zerbetto – Gabriel Zerbetto – Manuel Pichler; Moritz Selva – Marian Pallabazzer – Dorian Giovannini; Coach: Olli-eerikki Hallfors;

Formazione Como: Daniel Mattia D’agate 60:00 (Matteo Bianchi); Riccardo Codebò – Francesco Taufer; Simone Asinelli – Riccardo Ambrosoli – Luca Formentini; Hector Tufik Majul Villasenor – Riccardo Privitera – Alessandro Paramidani; Davide Spiriti – Lorenzo Vola – Davide Xamin; Luca Jodi Zordan; Coach: Massimo Da Rin De Lorenzo;

Penalità: 14-6 (4-2, 4-4, 6-0); Tiri: 49-16 (13-3, 20-7, 16-6); Arbitri: F. Rivis, S. Soraperra (P. Brondi, A. Rivis); Spettatori: 165

Alleghe Hockey – Hockey Pergine Sapiens 0-5 (0-1, 0-2, 0-2)

Gol: 14:41 J. Foltin (A. Meneghini, A. Stablum) (0:1), 25:50 R. Gabri (M. Mocellin, C. Sanvido) (0:2), 36:26 F. Valorz (R. Gabri, A. Meneghini) (0:3), 42:48 C. Sanvido (D. Conci, F. Rigoni) (0:4), 58:32 R. Gabri (D. Conci, F. Rigoni) (0:5)

Formazione Alleghe: Gianni Scola 58:17 (Tommaso Zanardi); Milos Ganz – Andrea Damin; Carlo Sisto Lorenzi – Nicola Soppelsa; Lorenzo Riva; Davide Testori – Mirko Giolai – Joshua Johannes Martin Berger; Loris De Val – Lorenzo Dall’agnol – Edgar De Toni; Erwin Martini – Marwin Martini – Francesco Soppelsa; Thomas Angoletta – Riccardo Dell’Osbel; Coach: Alessandro Fontana;

Formazione Pergine: Rudy Rigoni 60:00 (Matteo Giovannini); Andrea Chizzola – Radovan Gabri; Alessandro Ambrosi – Fabio Rigoni; Alessio Stablum; Davide Conci – Connor Roy Sanvido – Mattia Mocellin; Andrea Meneghini – Dino Andreotti – Jozef Foltin; Giuseppe Viliotti – Francesco Valorz – Stefano Piva; Enrico Bitetto; Coach: Andrea Ambrosi;

Penalità: 4-6 (0-0, 2-2, 2-4); Tiri: 24-27 (6-9, 8-12, 10-6); Arbitri: L. Cassol, L. Zatta (C. Biacoli, F. De Toni); Spettatori: 195

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here