Curling: vittoria azzurra contro gli Stati Uniti

Si chiude con una bella vittoria per la Nazionale maschile di curling questo 15 febbraio

curling-vittoria-azzurra-stati-uniti
Foto: fisg.it

Si chiude con una bella vittoria per la Nazionale maschile di curling questo 15 febbraio olimpico sul ghiaccio di Pechino. La squadra azzurra allenata da Claudio Pescia e scesa in pista con Joel Retornaz (Fiamme Oro), Sebastiano Arman (Aeronautica Militare), Mattia Giovanella (C.C. Cembra 88) ed Amos Mosaner (Aeronautica Militare) ha superato gli Stati Uniti con il risultato di 10-4 conquistando la seconda vittoria di questa rassegna a cinque cerchi quando mancano ancora due incontri per terminare la fase di round robin del torneo. Con possibilità ormai remotissime di poter accedere alle semifinali, per l’Italia l’obiettivo più concreto e ancora possibile è fare meglio di quattro anni fa a Pyeongchang quando il bilancio fu di tre vittorie e sei sconfitte.

Gli azzurri, opposti nella partita odierna al team dello skip Shuster, marcano un solo punto nel primo end concedendone invece due agli avversari nella seconda ripresa. Alla terza mano arriva una bella risposta per l’Italia che marca due punti, ne lascia poi uno solo agli americani nel quarto ed è regolare nel firmarne altri due prima dell’intervallo. Nel sesto e settimo end la partita resta in equilibrio con un solo punto per parte, poi all’ottavo gli Stati Uniti commettono un errore fatale che consegna 4 punti alla squadra tricolore fissando così il risultato sul 10-4 conclusivo.

Qui la classifica e il programma della competizione.

Ad aprire invece la giornata olimpica del ghiaccio ci ha pensato il Team Pursuit maschile di pista lunga. Nella finale D dell’inseguimento a squadre il terzetto tricolore formato da Davide Ghiotto (Fiamme Gialle), Andrea Giovannini (Fiamme Gialle) e Michele Malfatti (Fiamme Gialle) ha superato la Cina chiudendo la propria prova con il tempo di 3’44″20 e assicurandosi così il 7° posto finale. Qui i tempi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here