Dakar 2017, Botturi torna in Italia

Nella caduta a 120 km orari a 4 km dalla fine della speciale 4 San Salvador de Jujuy – Tupiza, il pilota Yamaha ha riportato un trauma cranico e una gran botta, ma nessuna frattura.

botturidakarDopo due giorni di ospedale a La Paz Alessandro Botturi è contento di ritrovare il team Yamaha e i compagni di squadra nel bivacco situato presso la base militare appena fuori della capitale boliviana per la giornata di riposo. Il “Bottu” cammina un po’ a fatica, ma il suo volto è sorridente.
Nella caduta a 120 km orari a 4 km dalla fine della speciale 4 San Salvador de Jujuy – Tupiza, il pilota Yamaha ha riportato un trauma cranico e una gran botta, ma nessuna frattura. Completamente ristabilito, domani prenderà il volo da La Paz per rientrare in Italia.
Alessandro Botturi: “Stavo percorrendo un letto di un fiume a 120 km/h. Avevo il sole negli occhi ed ho urtato una pietra molto grande. Sono volato dalla moto con la faccia in avanti e per una frazione di secondo me la sono vista brutta. Poi ho perso conoscenza e quando mi sono svegliato era già arrivato l’elicottero di soccorso. Mi hanno trasportato all’ospedale di La Paz per tutti gli accertamenti. In questi giorni ho riflettuto molto e posso dire di essere stato fortunato. Mi sembra di essere stato investito da un camion, ma non ho riportato nessuna frattura. Mi dispiace di essere costretto ad abbandonare la corsa per un mio errore. Non ho dimostrato il mio potenziale. Stavo andando forte per recuperare posizioni”.
Foto e Notizie: Maria Guidotti – Ufficio Stampa Dakar 2017

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here