Galà Go Eleven Ducati 2018, le parole di Laverty e Sacchetti

Tanta allegria ed entusiasmo al Galà di presentazione del Team Go Eleven Ducati Corse. Nella cornice dell’Evita di Cavallermaggiore la squadra piemontese ha presentato la nuova moto e il pilota Eugene Laverty sotto gli occhi del Direttore Sportivo di Ducati Corse Paolo Ciabatti.
VINCERE – Il team di Cherasco è passato da Kawasaki alla nuova Ducati e le intenzioni di fare una bella stagione sono tutte nelle parole del proprietario Gianni Ramello che proprio non vuole saperne di recitare il ruolo della semplice comparsa.
La Sala ribolle di entusiasmo e la voglia di cominciare questa nuova stagione è davvero tanta per tutti.
LAVERTY – Durante la serata abbiamo avvicinato Eugene Laverty. Ecco cosa ci ha raccontato:
Eugene, cosa ti ha convinto a sposare il progetto Go Eleven?
Onestamente devo dire che Denis Sacchetti mi ha convinto dopo una chiamata. Non avevo ancora un lavoro per il 2019, ho cercato ovunque una sella competitiva, ma quando ho parlato con Denis ho sentito la passione di un ex pilota. In due giorni abbiamo fatto tutto quanto ed eccoci qui… Dopo l’annuncio tanti miei amici si sono stupiti di dover leggere su Twitter la cosa, ma davvero è successo tutto così in fretta!
Quali sono gli obiettivi per questa nuova stagione? Tu arrivi da una stagione non semplicissima con Aprilia…
Mah… Nella seconda parte di questa stagione con Aprilia abbiamo fatto due bellissimi podi e siamo stati competitivi anche in Qatar. Questa moto sembra però davvero completa, il problema di Aprilia è che in staccata non era forte come le altre.
Questa Ducati è incredibile e sono convinto che potremo davvero fare una bella stagione.
Chi sono i piloti da battere?
Rea sicuramente, lui ha dominato in questi anni e ha vinto praticamente la metà delle gare da quando è sulla Kawasaki. Noi dobbiamo migliorare per batterlo, ma gli altri comunque sono sempre un po’ sul podio e un po’ no… Credo che se saremo costanti potremo essere lì con loro, sarà molto complicato battere Kawasaki sempre, ma su certe piste diremo la nostra.
Dove si vede Eugene Laverty a fine stagione?
Spero di essere nelle prime tre posizioni… Magari dopo aver vinto anche qualche gara!
SACCHETTI – Una delle persone che non vede l’ora di cominciare è il Team Manager Denis Sacchetti che commenta così la serata:
Denis, una serata con tanto entusiasmo…
I presupposti sono alti e tutti si aspettano molto da questo progetto. Noi siamo i primi ad aspettarci molto, è inutile negarlo… Questa moto è una delle più tecnologicamente avanzate e Eugene è uno dei piloti più forti.
Ci presentiamo con un pacchetto invidiabile e noi come Team vogliamo fare bene dimostrando di meritarci quei risultati a cui ambiamo. Dovremo conoscere la moto e vedremo quale sarà il lavoro che dovremo fare con essa… Purtroppo non sappiamo il livello a cui saremo la prima gara, ma speriamo di poterci divertire fin da subito. Ducati è una azienda molto presente con i suoi team e crede davvero molto nel nostro progetto. Ha fatto un vero miracolo per assicurarci una moto e permetterci di partecipare.
C’è solo voglia di cominciare
Sì, adesso c’è solo voglia di mettere la moto in pista, conoscerla e divertirsi!
Parliamo di regolamenti, ennesimi cambi, ma non sarebbe meglio cercare una maggiore stabilità anche per riportare l’interesse dei media?
Io sono convinto che ultimamente il Mondiale abbia avuto i media troppo contro sebbene pubblico ci sia sempre sia in pista che in TV. I regolamenti sì, se fossero un po’ più stabili sarebbe un grosso aiuto, ma credo che stiano provando varie soluzioni per arrivare ad avere una quadra… Certo, noi in tutto questo forse ne abbiamo fatto un po’ le spese, ma si spera per un giusto obiettivo finale.
Cosa ci si porta via da questa Festa?
Beh da questa Festa ci portiamo via una grande euforia e tutto l’entusiasmo per questo nuovo progetto. L’auspicio è quello di arrivare, nel giro di qualche anno, a diventare un Team in grado di giocarsi il Campionato del Mondo. (A.G. Scatti: Antonella Mastria)

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here