Gara Moto GP Malesia 2016, Petrucci nella top ten

Con la pista estremamente bagnata sia Petrucci che Redding hanno fatto molta fatica nei primi giri anche a causa delle limitate condizioni di visibilità.

ReddingLa lunga “tripla” MotoGp di Octo Pramac Yakhnich si chiude con la Top 10 conquistata in rimonta da Danilo Petrucci. Scott Redding si è invece dovuto accontentare di un punto avendo chiuso in 15° posizione.
Anche la domenica dello Shell Malaysia Motorcycle Grand Prix è stata caratterizzata dalla forte pioggia che è caduta poco prima del via costringendo la direzione gara a ritardare di 15 minuti la partenza. Ed è stato un peccato visto che nel warm up in condizioni di asciutto le indicazioni erano state molto positive, soprattutto per Petrux che ha girato con grande fiducia facendo registrare il settimo tempo.
Con la pista estremamente bagnata sia Petrux che Scott hanno fatto molta fatica nei primi giri anche a causa delle limitate condizioni di visibilità. Da metà gara il pilota italiano, partito dalla quindicesima posizione, ha trovato un buon ritmo girando con costanza in 2’14 per dare la caccia alla Top 10. A cinque giri dalla fine Petrux è riuscito a conquistare la decima posizione superando Aleix Espargarò. Nell’ultimo giro è riuscito anche a prendere il fratello Pol portandosi a soli tre decimi, preferendo poi non rischiare per portare a casa la terza Top 10 consecutiva della “tripla”.
Scott invece non è riuscito ad essere incisivo, dovendo fare i conti con lo scarso grip sul posteriore. Per il pilota inglese la quindicesima posizione sotto la bandiera a scacchi.
PETRUCCI – E’ stata durissima soprattutto nei primi giri. La dietro si soffriva tantissimo perché sui rettilinei c’erano grande nuvole d’acqua ed era praticamente impossibile riuscire a vedere qualcosa. Avevo poca fiducia nell’anteriore e non riuscivo a frenare bene. E’ stata difficile ma alla fine ce l’ho fatta a prendere la Top 10 anche se sono stato aiutato un po’ dalle cadute. Ho portato a casa punti importanti perché era difficile anche rimanere in piedi. Sono contento di non essere caduto ma avrei voluto fare molto meglio.
Foto e Notizie: Ufficio Stampa Octo Pramac Yakhnich