Giaguari Torino, pronti per la trasferta contro i Red Jackets

I Giaguari avranno due settimane in più di preparazione rispetto alla prima partita contro i Pirates, e dovranno dimostrare di averle sfruttate nel migliore dei modi per mettere a punto quei meccanismi in attacco che due domeniche fa contro i Pirates hanno mostrato di essere ancora un po’ distanti dall’essere ottimali

Giaguari sono stati impegnati con le formazioni giovanili di flag, riprende il campionato di Seconda Divisione con una insidiosa trasferta a Sarzana per incontrare quei Red Jackets che, alla prima giornata, hanno messo in seria difficoltà l’altra formazione torinese, i Reapers, perdendo per un solo punto a causa di una trasformazione sbagliata. I Giaguari avranno due settimane in più di preparazione rispetto alla prima partita contro i Pirates, e dovranno dimostrare di averle sfruttate nel migliore dei modi per mettere a punto quei meccanismi in attacco che due domeniche fa contro i Pirates hanno mostrato di essere ancora un po’ distanti dall’essere ottimali. La difesa, dal canto suo, dopo avere sfoderato una prestazione fenomenale contro le corse, costringendo i Pirates a terminare l’incontro con un computo negativo nel gioco a terra (- 13 yd, il totale delle corse liguri), dovrà porre particolare attenzione al gioco aereo di Sarzana, che ha dimostrato con l’accoppiata Buchi/Ghelfi di poter fare molto male alle retroguardie avversarie con i lanci profondi.
Cinque le ricezioni messe a segno dal ricevitore Sarzanese per un quadagno di 120 yard e 2 TD a referto sui tre lanciati da Radu Buchi, un quarterback di esperienza che già negli anni passati si era messo in evidenza. La partita che Sarzana ha giocato contro i Reapers è stata analizzata attentamente dal coaching staff giallonero, sia per quanto riguarda l’attacco che per quanto concerne la difesa, ed i giocatori sono stati catechizzati ed istruiti a dovere sui propri assegnamenti e su cosa aspettarsi dagli avversari. I torinesi recupereranno Tamsir Seck, assente alla prima partita, che darà sicuramente quel pizzico di velocità sia agli special team che al gioco aereo, permettendo ai quarterback Dalmasso e Morelli di cercare con più insistenza le opzioni profonde che hanno già ben funzionato con Salsa e Serra nella prima partita di campionato. Un grattacapo in più, sicuramente, per la difesa ligure, che avrà il suo bel daffare per decidere su chi porre le maggiori attenzioni, ben sapendo che la coperta corta difensiva rischia di lasciare libera una delle punte di diamante offensive dei Giaguari. La chiave del gioco di Sarzana sarà ovviamente quella di mettere subito pressione sul quarterback torinese per non permettergli di ragionare ma anche per non permettere alle tracce profonde di svilupparsi perché, come abbiamo visto, è il punto in cui i Giaguari possono colpire e fare più male. Molto importante sarà anche il gioco di corsa, per i Giaguari, dove Ghio, Tenconi e Licari saranno chiamati a sostenere l’attacco portando palla per accorciare la difesa dei Red Jackets. Un occhio particolare anche all’altra partita del girone in programma domenica: Pirates—Reapers. Sarà certamente l’occasione per il coaching staff dei Giaguari per farsi un’idea più precisa di quello che li aspetterà a fine mese quando andrà in scena il derby torinese in casa Reapers. Un passo alla volta, però. Questa settimana massima concentrazione sull’impegno contro i Red Jackets che, come hanno dimostrato i Pirates quindici giorni fa, non debbono assolutamente essere sottovalutati. L’obiettivo dei torinesi sarà, oltre naturalmente alla vittoria, quello di vedere dei progressi e dei miglioramenti soprattutto in attacco che permettano di affrontare con più determinazione le sfide future.
Credito foto: Monica Audoglio e Massimo Foglio
Notizie: Ufficio Stampa Giaguari Torino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here