Igor Volley Novara – Busto Arsizio 3 a 2 Serie A, spettacolare vittoria delle novaresi

Maratona vincente per la Igor Volley, che la spunta al quinto set nell’esordio casalingo al Pala Igor (gremito da 3500 tifosi) contro Busto Arsizio

Maratona vincente per la Igor Volley, che la spunta al quinto set nell’esordio casalingo al Pala Igor (gremito da 3500 tifosi) contro Busto Arsizio al termine di un match combattutissimo. Spettacolare il duello tra Paola Egonu (30 punti) e Michelle Bartsch (27), decisive le prestazioni di Stefania Sansonna e Francesca Piccinini (premiata Mvp Igor Gorgonzola del match) ma anche la grinta sotto rete di Lauren Gibbemeyer (scelta per il “premio zanzara” Auto Magenta e artefice di 14 punti).
Entrambe le formazioni partono con i sestetti annunciati: Novara, ancora priva di Enright, schiera Egonu opposta a Skorupa, Chirichella e Gibbemeyer al centro, Plak e Piccinini in banda e Sansonna libero; Busto replica con Diouf opposta a Orro, Stufi e Berti al centro, Gennari e Bartsch in banda e Spirito libero.
Il primo punto del campionato è un errore in attacco di Diouf (1-0), Piccinini fa il break (7-5) prontamente ricucito da Diouf (9-8) ma due punti in successione di Chirichella riportano le azzurre avanti 12-8 con Busto che insegue e si riavvicina con Bartsch sul 13-12; Gibbemeyer fa 16-13 a rete, Egonu addirittura 21-17 in diagonale ma dopo il timeout di Mencarelli Busto rientra con la fast di Stufi (22-20) e con un ace della neoentrata Chausheva (22-21). Novara arriva al set point con Gibbemeyer (fast, 24-22) e Diouf ne annulla due, sorpassando 24-25; le azzurre annullano a loro volta quattro set ball e tornano avanti con Piccinini (29-28) dopo una gran difesa di Sansonna: alla fine chiude Plak, dal 30-30, con un attacco e un muro su Bartsch (32-30).
Si riparte punto a punto, con Egonu che firma il primo break con due punti in successione (10-7) e Chirichella che amplia il gap dopo il timeout di Mencarelli, firmando l’11-7; Piccinini mura Stufi (13-9), due “stampate” di Chirichella valgono il 16-10 ma Busto si affida al servizio di Bartsch e l’americana colpisce anche in attacco, riportando sotto le sue sul 20-19. Chirichella chiude uno scambio infinito (22-19), Skorupa mura Bartsch e fa 24-21 ma Busto replica con Stufi (24-22) prima della diagonale decisiva di Egonu (25-22).
Il primo break è di Novara (5-3), che poi pasticcia e propizia il 5-6 con Bartsch e Diouf che scappano 7-11 nonostante il timeout di Barbolini. Ancora Bartsch per il +6 (12-18) e Barbolini ferma nuovamente il gioco ma dopo l’ace di Egonu (14-18) e il cambio di diagonale, l’unico acuto è una diagonale di Vasilantonaki (15-20). Busto controlla nonostante l’errore di Berti e il muro di Gibbemeyer (19-22) e Diouf conquista il set point in diagonale, con Chausheva che entra e chiude 20-25 sorprendendo con il servizio Zannoni.
Novara scappa subito 6-1 con Plak ma dopo il timeout di Mencarelli le ospiti ricuciono lo strappo sul turno in battuta di Bartsch (7-7) complici quattro errori consecutivi delle azzurre. Egonu e Gennari duellano, Stufi scappa 11-13 e Novara insegue, rientrando con Egonu e sorpassando 19-18 con l’errore in attacco di Diouf; Egonu sbaglia (19-20), Bartsch no e trova il break del 20-22, prolungato da due punti di Berti (fast e poi muro su Piccinini) per il 20-24. Chiude, al secondo tentativo, ancora Berti: 21-25.
Busto riparte di slancio nel tie-break e si porta 2-5 con Gennari, mentre Barbolini chiama timeout; Diouf manda le squadre al cambio campo sul 5-8, Egonu con due muri su Bartsch impatta e costringe Mencarelli a fermare il gioco ma ancora l’opposto azzurro, dopo il muro di Piccinini su Orro, concretizza una gran difesa con la parallela dell’11-9. Ancora Egonu per il match ball (14-11) e al secondo tentativo è un attacco out di Bartsch, dopo una gran difesa azzurra, a chiudere i conti sul 15-12.
Massimo Barbolini (allenatore Igor Volley): “Abbiamo vinto la partita affidandoci ai fondamentali “umili”, ovvero nel momento decisivo abbiamo trovato una copertura in più, una difesa, una rigiocata… e siamo riusciti a staccare Busto Arsizio che ha disputato una grandissima partita fin dal primo pallone e cui faccio assolutamente i complimenti. Spero che la partita ci serva da lezione per continuare il nostro percorso di crescita, che è appena iniziato, e credo sia stato importantissimo essere riusciti a vincere”.
Stefania Sansonna (libero Igor Volley): “Siamo felici per la vittoria, non era né facile né scontato e credo che la squadra abbia fatto davvero una gran cosa nel tie-break, quando siamo riuscite a rimontare e a ribaltare una situazione che sembrava compromessa. La cosa assolutamente positiva è il carattere che abbiamo dimostrato: ci sta faticare all’inizio, ma quando si ha carattere si ha un valore aggiunto e noi, evidentemente, lo abbiamo”.
Igor Volley Novara – Busto Arsizio 3-2 (32-30, 25-22, 20-25, 21-25, 15-12)
Igor Volley Novara
: Vasilantonaki 1, Camera, Plak 14, Gibbemeyer 14, Skorupa 1, Bonifacio ne, Chirichella 14, Sansonna (L), Piccinini 12, Populini ne, Zannoni, Egonu 30. All. Barbolini.
Busto Arsizio: Piani, Stufi 11, Spirito (L), Gennari 9, Dall’Igna ne, Orro 2, Wilhite 2, Diouf 21, Bartsch 27, Berti 14, Negretti, Chausheva 2, Botezat. All. Mencarelli.
Mvp Igor Gorgonzola: Francesca Piccinini
Premio “zanzara” AutoMagenta: Lauren Gibbemeyer
Foto e Notizie: Ufficio Stampa Igor Volley

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here