Inter – Milan 1 a 1 Serie A ventiseiesima giornata, occasione sprecata dal Diavolo

Un punto guadagnato dall’Inter e due persi dal Milan; si può riassumere così il derby di questa sera. Rossoneri padroni del campo per gran parte della partita, ma incapaci di chiudere il match dopo aver trovato l’1 a 0 con El Shaarawi. La solita amnesia difensiva costa cara al Diavolo: Schelotto, di testa, pareggia. In classifica tutto invariato, con Lazio e Napoli che domani potrebbero allungare.

 

Ranocchia ce la fa, Constant noKovacic e Niang i piccoli grandi esclusi. Sono queste le informazioni principali che emergono leggendo i ventidue che Stramaccioni ed Allegri hanno deciso di schierare in campo.

 

Veniamo all’elenco; il tecnico romano mette in campo un 4-4-1-1 molto coperto con Palacio ad illuminare Cassano, unica punta come giovedì in Europa League. Dietro di loro spazio ad Alvarez e Guarin sulle fasce con Gargano e Cambiasso in mezzo. In difesa, davanti ad Handanovic, dentro Juan Jesus e Ranocchia in mezzo, con capitan Zanetti e Nagatomo sugli esterni.

 

Il tecnico rossonero, invece, si affida in gran parte alla formazione che ha sconfitto il Barcellona mercoledì sera. Davanti Balotelli prende il posto di Pazzini, con El Shaarawi e Boateng al suo fianco. Centrocampo con Montolivo in cabina di regia e Nocerino e Muntari come mezz’ala. In difesa, davanti ad Abbiati, spazio ad Abate, Zapata, Mexes e De Sciglio.

 

Nei primi minuti le due squadre giocano prevalentemente a centrocampo; per vedere la prima occasione pericolosa bisogna attendere il 4’: leggerezza di Guarin che si fa portar via palla da Muntari al limite dell’area; il tiro del ghanese, però, si spegne a lato.

 

Al 6’ bella incursione di De Sciglio che, dopo aver ottenuto l’uno-due con El Shaarawi, va al tiro di destro dal vertice dell’area di rigore: conclusione di poco fuori. I neroazzurri rispondono al 10’ con Palacio che, imbeccato da Cassano, non riesce ad andare al tiro; Mexes, in ripiegamento, manda in angolo.

 

All’11’ primo giallo del match: Mazzoleni lo sventola a Mexes che ferma Cassano a metà campo. Al 14’ clamorosa occasione da rete per il Milan: De Sciglio, dalla sinistra, salta bene Guarin e crossa in mezzo per Balotelli che, tutto solo davanti ad Handanovic, scivola.

 

Pochi secondi dopo è Abate a creare scompiglio con un cross dall’out di destra; Cassano si salva in corner.

 

Al 20’ i rossoneri concretizzano la supremazia di questi primi minuti con El Shaarawi che trasforma in rete l’assist di Boateng; decisivo, nell’azione del vantaggio, Zapata che ha rubato bene palla a metà campo. 1 a 0 per il Milan e 16esima rete in questo campionato per il Faraone.

 

La reazione dei neroazzurri, al 22’, è tutta in un tiro di Cassano che, dai venti metri, non trova la porta; Abbiati guarda la palla scorrere alla sua destra. La squadra di Stramaccioni appare un po’ spaesata ed entra molto in difficoltà nella propria fascia destra, dove Guarin lascia Nagatomo da solo.

 

Al 27’ ancora Balotelli protagonista: l’ex Inter colpisce bene di testa su calcio d’angolo, ma Handanovic si salva in extremis. Autentico miracolo dell’estremo difensore sloveno. Due minuti dopo ancora il portiere interista a salvare il risultato, anche in questo caso su Balotelli.

 

Al 31’ giallo anche per Muntari che a centrocampo entra in scivolata su Gargano. Giusta ammonizione per l’ex neroazzurro. Lo stesso ghanese protagonista al 33’: bella percussione centrale e colpo di testa su cross di Abate; Handanovic si trova la sfera tra le braccia.

 

Pochi secondi dopo giallo anche per Ranocchia che entra in ritardo su Balotelli; il difensore, diffidato, salterà la delicata trasferta di Catania. Al 39’ è ancora Balotelli-Handanovic: anche in questo caso è lo sloveno a vincere bloccando una bella punizione calciata da SuperMario.

 

Al 41’ accenno di rissa in campo per un paio di calcetti che Cambiasso rifila a Montolivo; Mazzoleni, autoritario, spegne le proteste. La partita si innervosisce e subito dopo l’arbitro ammonisce Juan Jesus che entra in completo ritardo su Boateng. Neroazzurri con i due centrali difensivi già sanzionati.

 

Non c’è recupero. Il primo tempo finisce con il Milan in vantaggio 1 a 0 grazie alla rete di El Shaarawi al 20’. Inter in piena difficoltà con Ranocchia, Gargano e Guarin imbarazzanti per passaggi sbagliati e per forma fisica. Handanovic è l’unico a brillare: due salvataggi decisivi su Balotelli. Altrimenti il passivo sarebbe potuto essere più pesante.

 

La ripresa inizia senza cambi: in campo tutti i ventidue della prima frazione di gioco. Per l’Inter variazione solo in difesa con un cambio di fascia tra Zanetti, dirottato a destra per marcare De Sciglio, e Nagatomo inviato a sinistra.

 

Nel secondo tempo subito Milan protagonista: al 47’ bel colpo di testa di Boateng che, sulla punizione di Montolivo, prova a sorprendere Handanovic. La palla si spegne a lato. Un minuto dopo giallo per Montolivo che aggancia Palacio al limite dell’area: l’ex Viola era diffidato, salterà Milan – Lazio.

 

Al 53’ miracolo di Abbiati: Palacio va via sulla destra e mette in mezzo per Guarin che, di prima intenzione, cerca la rete. L’estremo difensore rossonero si distende e smanaccia. Cassano, dalla linea di fondo, tenta la ribattuta: palo esterno e fuori.

 

Nei minuti successivi ripetuti scambi di battute tra Balotelli da una parte e Cambiasso e Juan Jesus dall’altra. Mazzoleni avvisa la punta rossonera, apparsa un po’ nervosa. Gargano, al 64’, tenta la giocata: tiro da trenta metri per l’ex Napoli; sfera ampiamente alta.

 

Sul ribaltamento di fronte ci prova il Milan con Nocerino che, dalla destra, cerca Balotelli in mezzo. Handanovic si tuffa ed allarga la sfera. Al 68’ primo cambio del match: entra Schelotto al posto di Cambiasso: Stramaccioni tenta il tutto per tutto.

 

Al 70’, dal nulla, arriva la rete del pareggio dell’Inter: Cassano, dalla sinistra, mette in mezzo per Schelotto che, approfittando del buco di Mexes, deposita in rete di testa. 1 a 1 a San Siro. Stramaccioni cambia e decide di inserire Kuzmanovic per Alvarez, garantendosi maggiore geometrie in mezzo al campo.

 

Il Milan prova la risposta con Muntari che dai venticinque metri scarica il suo mancino: palla che sfila alla destra di Handanovic. Subito dopo problema per Nagatomo, l’Inter inserisce il rientrante Chivu.

 

All’80’ Allegri cerca la svolta: dentro Niang al posto di Boateng, autore di una buona prestazione soprattutto nel primo tempo. All’86’ fuori anche El Shaarawi: entra Bojan. All’88’ arriva il giallo anche per Zapata: il colombiano atterra Palacio sull’out di sinistra.

 

Nel finale Allegri si gioca la carta Ambrosini: il capitano rossonero subentra a Muntari. Al 90’ Inter vicinissima al clamoroso vantaggio: l’uscita di Abbiati, stilisticamente non perfetta, evita la marcatura.

 

Dopo quattro minuti di recupero Mazzoleni fischia la fine: 1 a 1 a San Siro. Il pareggio porta il Milan a quota 45 punti e l’Inter a 44. Domani Lazio e Napoli, rispettivamente impegnate in casa contro il Pescara ed in trasferta contro l’Udinese, potrebbero allungare.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Juventus o Toro, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a  redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Anteprima derby Inter – Milan 24 febbraio 2013: analisi, precedenti, statistiche, curiosità

Cluj – Inter 0 a 3 ritorno Sedicesimi di finale Europa League, doppio Guarin e Benassi firmano la vittoria

Milan – Barcellona 2 a 0 andata Ottavi di finale Champions League, ecco a voi la partita perfetta

Calciomercato 2013 Inter e Milan, diamo il voto alle due società milanesi

Milan – Inter 0 a 1 Serie A settima giornata, il derby lo decide Samuel

 

Matteo Torti