Intervista a Elisa Cerini, la goalie piemontese si racconta a CronacaTorino

L’hockey inline è uno di quegli sport meno conosciuti in Italia, ma che appassiona diversi ragazzi e ragazze in varie regioni. Ne parliamo con Elisa Cerini portiere dei Valpellice Old Style che ci racconta la sua esperienza:

 

1. Ciao Elisa, cominciamo parlando dell’hockey inline. Spiega un po’ questa disciplina a chi ancora non la conosce

– Ciao Ale, l’hockey per me è innanzitutto Passione. L’in line é uno sport di squadra bello ed appassionante, si pratica come dice il nome con dei pattini in linea, quelli oramai entrati nel linguaggio corrente come “rollerblade”: 4 o 5 ruote allineate sotto il piede a mo’ di lama. Per praticarlo è sufficiente una stecca, una pallina o un disco, qualche protezione, uno spiazzo in asfalto o cemento e il gioco, nel vero senso del termine, è fatto. è uno sport più “popolare” che non l’hockey ghiaccio perché è più facile da poter praticare non richiedendo appunto condizioni particolari. Nell’agonismo assorbe tecnica, materiali e, in parte regole, dall’hockey ghiaccio.

 

2. Andando nello specifico, parlaci del tuo ruolo: quanto è difficile essere un portiere?

– Io sono “nata” portiere (non proprio di primo pelo  a 23 anni) dapprima sul ghiaccio e poi su pista, non saprei rivestire un altro ruolo. Per cui per me è un ruolo “naturale”, anche se essere “l’ultimo uomo” non è così semplice soprattutto dal punto di vista psicologico.
L’hockey è uno sport di squadra, ma anche se è tutta la squadra a subire una rete, a prendere gol alla fine è sempre il portiere. Io sono abbastanza sensibile quindi devo cercare di stare sempre al top della concentrazione, in ogni caso.

 

3. Il campionato in cui gioca la tua squadra vede diverse ragazze giocare assieme ai maschi

– L’avventura con L’Old style è iniziata 3 anni fa, con alcun ragazzi con cui si giochicchiava d’estate nei campetti, loro volevano iscriversi ad un campionato ed avevano bisogno di un portiere. e io, beh, avevo bisogno di giocare credendo di nuovo in un progetto che mi emozionasse. Di ragazze nel campionato misto in cui ci siamo iscritti ce ne sono pochine, forse 5 in tutto in 8 squadre, e nella nostra squadra c’è la più alta concentrazione, io, il nostro coach Enrica Battaglia (già coach della A Femminile dei Draghi Torino) e Sissi Carignano (già mia compagna di squadra nell’All stars Piemonte, nel Real Torino e nei Draghi Torino Inline)

 

4. Parliamo della stagione appena passata, siete soddisfatti di quanto fatto?

– La stagione passata è iniziata molto bene, eravamo tutti carichi di aspettative, purtroppo però dal girone di ritorno abbiamo come “avuto paura di vincere”, col nuovo anno non siamo più riusciti a finalizzare e il risultato non è stato sicuramente all’altezza della nostra squadra.

 

5. Un voto a questa stagione?

– Darei soltanto la sufficienza perché avremmo dovuto fare di più e noi quest’anno non abbiamo dato il massimo, bisogna sempre dare il 110%

 

6. E ad Elisa Cerini?

– Non sono brava a giudicarmi, posso solo dire che non risparmio mai le forze, ma che di certo bisogna sempre lavorare duro per ottenere dei buoni risultati.

 

7. Domande per conoscerti meglio: piatto preferito?

– Ehm… devo dire che mi piace molto mangiare… La pizza e il Sushi sono però i miei due alimenti preferiti.

 

8. Hai un rituale scaramantico pre-partita?

– Uno? 1000!! Ad iniziare dalle calze che indosso, passando per l’urlo in spogliatoio con la squadra, all’urlo in campo e… poi durante la partita canto un motivo ripetitivo nella testa per aiutare a concentrarmi e a non pensare ad altro.

 

9. Un’altra passione oltre all’hockey?

– Adoro un sacco di altri sport, lo snowboard, lo skate, il nuoto e la bici, quest’ultima come mio mezzo di trasporto preferito per recarmi al lavoro. Ad ogni colpo di pedale è come se i problemi “scivolassero” via…

 

10. Ultima domanda: convinci i nostri lettori a venire a vedere una vostra partita

– Ciao a tutti, venite a vedere l’impegno, la grinta e soprattutto il “cuore” che mettiamo in questo sport. Non ve ne pentirete! oltretutto è gratis!!!

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.


VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Intervista a Luca Ciampini, un pizzico di Italia che sogna la NHL

Intervista a Filip Novak, il difensore ceko ci racconta la sua esperienza in Kontinental Hockey League

Intervista Marcello Chirico, mercato e stagione appena trascorsa con un sogno “vincere tante Champions”

 

Alessandro Gazzera

Foto:Roberto Filliol