Intervista Ramon Prodige, si può diventare wrestler anche nel Bel Paese

Il wrestling è uno sport/spettacolo che da sempre affascina le platee italiane e non solo. Ne parliamo con Giuseppe Marotta aka Ramon Prodige wrestler e talento emergente italiano:

 

Ciao Giuseppe cominciamo parlando di te. Come comincia la tua carriera nel wrestling?
– Ciao a tutti e prima di tutto voglio ringraziarvi per questa intervista. Ho iniziato un paio di anni fa quando decisi di iniziare gli allenamenti in un polo di wrestling a circa una cinquantina di km da casa mia. Era il 2010 precisamente e iniziai ad allenarmi sotto la guida di Red Scorpion, lottatore italiano con diverse esperienze con lottatori europei di fama internazionale, e tutt’oggi continuo ad allenarmi con lui presso l’accademia del Bologna Wrestling Team a Toscanella di Dozza (BO).

 

Quando hai deciso di fare il wrestler?

– Diventare un pro wrestler è ed è sempre stato l’obiettivo della mia vita, quindi non appena su internet scovai una palestra dedita all’allenamento e lo studio della disciplina mi fiondai subito.

 

Che tipo di lottatore sei?

– Io sono un accanito autocritico, anche se la prestazione può sembrar buona, trovo sempre da ridire su quello che faccio, però posso dire che questa è una dote che mi fa crescere e migliorare. Sono del parere che ho tantissimo da imparare e la strada che ho da fare è tutta in salita.

– Tutto questo non mi spaventa perchè questo è quello che voglio fare e dedicherò tutto me stesso per migliorare e diventare il meglio che posso essere onorando la disciplina e tutti quelli che ci mettono il cuore in questa, dal punto di vista tecnico sono un lottatore molto ruvido, alto e grande ma allo stesso tempo agile e imprevedibile che da un momento all’altro può chiudere il match in un istante.

 

Un modello che ti ha ispirato nella sua carriera?

– Onestamente non riesco a dirne uno perchè cerco di prendere spunto da più lottatori possibili e render il tutto più simile a me stesso e al mio modo di essere, quindi fare, un solo nome è riduttivo.

 

Parliamo del wrestling in Italia, come vedi la diffusione di questo sport?

– Il wrestling in Italia non è sempre visto nella giusta ottica e coloro che lo giudicano e lo criticano sono i primi che si accoltellano per il risultato di una partita o hanno una mentalità limitata per capire e apprezzare questo fantastico sport spettacolo. Ritornando alla diffusione del wrestling made in USA in Italia è possibile guardarlo sulle tv a pagamento dove ha un bacino d’utenza abbastanza ampio, ma sono del parere che se fosse ritrasmesso sui canali principali della televisione italiana rivivrebbe i fasti di un tempo come il periodo 2004-2007 giovando anche al wrestling italiano stesso.
– Per quanto riguarda il wrestling italiano sicuramente sta avendo un buon miglioramento sia di spettatori sia di preparazione dei lottatori stessi, il livello si sta alzando, però è ancora molto indietro in confronto alle vicine realtà europee come Inghilterra, Germania o la stessa Svizzera secondo il mio punto di vista.

 

Quanta fatica ci vuole per diventare un wrestler?

– Sicuramente questo è uno sport duro, molto complicato e complesso, richiede grande preparazione atletica ma anche tanta disciplina, bisogna pensare con la testa di un lottatore e non del fan appassionato. Ho visto tante persone alla prima caduta andarsene a casa con la coda tra le gambe, quindi per migliorarsi c’è bisogno di tanto allenamento fisico e nelle tecniche che il wrestling richiede.
– Questo è uno sport spettacolo quindi la componente dell’intrattenimento non va sottovalutata in quanto lo spettatore essendo parte dello show va sempre tenuto attivo senza farlo addormentare nei meandri di un match.

 

Parlando di America: WWE o TNA?

– Sono due grandissime compagnie che fanno soldi nel campo dell’entertainment ed hanno al loro interno grandissimi lottatori che deliziano con le loro battaglie sul ring platee di tutto il mondo 365 giorni l’anno.

– Com’è mia consuetudine dire, nel wrestling non ho un preferito o uno sfavorito, sicuramente la WWE è un colosso mondiale nel campo dello sport spettacolo molto di più in confronto alla TNA quindi tirate un po’ voi le somme.

 

Proviamo a conoscerti meglio: cosa fai nel tempo libero?

– Posso dire che il wrestling e l’allenamento fisico risucchia quasi tutto il tempo della mia giornata e dei miei pensieri, però nel tempo libero sono un ragazzo semplice e tranquillissimo che esce a divertirsi con gli amici o che guarda qualche partita in tv, sono un ragazzo molto metodico e dedito all’allenamento fisico.

 

Che sport segui?

– Wrestling escluso sono solito guardare qualche partita di calcio in tv, ho giocato tanti anni da ragazzino quindi mi piace sdraiarmi sul divano e gustarmi una bella partita mentre sgranocchio qualcosa.

 

Convinci i nostri lettori a venire a vedere uno show di wrestling

– Il wrestling è una disciplina che ha bisogno di fiducia, sono sicuro che se tutti i detrattori del wrestling si togliessero quei loro stupidi paraocchi per un secondo si divertirebbero ed innamorerebbero di questo fantastico sport spettacolo, quindi vi invito a partecipare agli show del Bologna Wrestling Team federazione dell’Emilia Romagna che fa spettacoli nella zona di Bologna e dintorni, quindi vi consiglio di visitare la pagina Facebook: https://www.facebook.com/BolognaWrestlingTeam?fref=ts, e a visitare il sito web:    http://www.bolognawrestlingteam.com/

 

Un saluto ai nostri lettori

– Saluto tutti i lettori e ringrazio la redazione per l’opportunità concessami, seguite il wrestling italiano e Ramon The Prodige tramite la sua pagina Facebook: https://www.facebook.com/Ramonwrestling?fref=ts

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.


VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Intervista a Luca Ciampini, un pizzico di Italia che sogna la NHL

Intervista a Filip Novak, il difensore ceko ci racconta la sua esperienza in Kontinental Hockey League

Intervista a Elisa Cerini, la goalie piemontese si racconta a CronacaTorino

 

Alessandro Gazzera

Foto: bolognawrestlingteam.com