Juventus 1 novembre 1987 – 1 novembre 2013, 116 anni di storia e di vittorie

Un gruppo di studenti del liceo Massimo D’Azeglio mai si sarebbero immaginati che quella squadra fondata nel novembre del 1897 sarebbe diventata la società più titolata d’Italia.

.

DA UNA PANCHINA ALLE STELLE – La storia comincia con una panchina in corso Re Umberto e con il primo scudetto del 1905.

– Dal 1923 la storia della Juventus si lega alla famiglia Agnelli. Edoardo, vicepresidente Fiat, prese le redini della società e cominciò a tutti gli effetti la leggenda bianconera.

.

EDOARDO AGNELLI – Il primo allenatore professionista di Madama fu l’ungherese Jenő Károly che raggiunse il secondo storico scudetto, ma indimenticabili resteranno i ragazzi di Carcano che a cavallo tra il 1930 ed il 1935 conquistarono ben 5 titoli consecutivi.

– Artefici di quelle vittorie furono Ferrari, Orsi e Monti. Un leggendario trio che rimase nella memoria del calcio italiano.

.

ARRIVA L’AVVOCATO – Il dopoguerra portò alla presidenza Giovanni Agnelli ed arrivò un ciclo di vittorie con Giampiero Boniperti, il gigante del Galles John Chalers e il numero 10 argentino Omar Sivori.

– L’Avvocato è un personaggio che accompagna stile e battute sagaci alla grande capacità di scegliere gli uomini migliori per il suo calcio.

– Proprio da una sua scelta arriva come presidente nel 1971 la bandiera Boniperti: è l’inizio di un’epoca che segnerà profondamente la storia di Madama.

.

BONIPERTI E TRAPATTONI – Il ciclo bonipertiano è legato alla scelta di Giovanni Trapattoni, allenatore che costruirà una delle migliori Juventus di sempre con campioni del calibro di Scirea, Zoff, Platini e tanti altri.

– Nove scudetti, di cui l’ultimo nel 1986, lo zampino nel Mundial del 1982 e la triste pagina dell’Heysel chiudono un ciclo di campioni e vittorie.

.

BUONGIORNO MR. LIPPI – La presidenza Boniperti dura fino al 1990 e nonostante le fatiche arrivano a cavallo tra il 1990 ed il 1993 una Coppa Italia e due Coppe Uefa.

– Nel 1994 iniziò il periodo della Triade e arrivò sulla panchina Marcello Lippi, il tecnico ex Napoli riportò subito Madama a vincere con una squadra fatta di campioni del calibro di Baggio, Vialli, Ravanelli e del giovane Alessandro Del Piero.

– Con lui arriva l’ultimo successo europeo nel 1996 contro l’Ajax a Roma. Dopo ci saranno altre finali, ma tutte culmineranno con delle sconfitte.

.

CAPELLO E CALCIOPOLI – L’era Lippi finisce nel 2004 dopo aver praticamente vinto tutto quello che c’era da vincere.

– Al suo posto arriva l’ex tecnico della Roma Fabio Capello che abbina alla classe di uomini come Nedved, Thuram, Buffon, Trezeguet e Del Piero un fuoriclasse come Zlatan Ibrahimovic.

– Il ciclo durerà solo due anni a causa dello scandalo del 2006 che fece finire la Juventus in Serie B.

.

CONTE E IL RITROVATO ORGOGLIO – Dopo anni di malgestione e scarsi risultati arriva nel 2010 Andrea Agnelli che getta le basi per la ricostruzione.

– Nel 2011 arriva però la svolta definitiva con l’arrivo in panchina dell’ex capitano bianconero Antonio Conte che conquista subito due scudetti.

– La nuova sfida si chiama terzo scudetto per eguagliare i ragazzi del 1930 e scrivere nuove pagine di storia.

.

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Torino o Juventus, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a redazione@cronacatorino.it

Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

.

Leggi anche:

Real Madrid – Juventus Champions League, le ultime dalla Spagna

Juventus – Galatasaray 3 a 1Youth Cup, la gioventù bianconera si riscatta in Europa

Juventus – Empoli 2 a 1 Campionato Primavera 2013, nel segno di Donis!

Alessandro Gazzera

Foto: wikipedia.org