Marathon Expo Torino 16 – 17 novembre 2013, le specialità della Sicilia alla maratona

La 27ª Maratona di Torino non è solo corsa, ma anche cultura, turismo, voglia di stare insieme e fare nuove esperienze… Anche a tavola!

.

Agli atleti che in questi giorni frequentano il centro cittadino, ma anche a chi interpreta la corsa solo come noiosa attività di riscaldamento indoor, o come mezzo per acchiappare in extremis l’autobus che sta partendo, non sarà sfuggito il piccolo villaggio di tende rosse e gialle che colora un lato di Piazza Castello.

.

Sicuramente i podisti che si sono recati oggi alla Marathon Expo per il ritiro del pettorale non possono non essersi imbattuti in questa struttura, che è praticamente l’anticamera del villaggio dedicato alla quarantadue chilometri.

.

Questa specie di tenda circense allestita nel centro cittadino invece è dedicata a tutt’altro, e chi si aspetta il trionfo del merchandising podistico non può che rimanere sorpreso nel venire catapultato in un circo culinario.

.

Ebbene sì, perché tutti gli stand mostrano orgogliosamente montagne di cibo che sfidano ogni legge di gravità ed ogni indicazione del dietologo.

.

Fritti, olive, salumi e formaggi provenienti da una terra che, in fatto di tradizione culinaria, ha molto da dire: la Sicilia.

.

E quale miglior occasione per un tour virtuale dei più interessanti “manicaretti di strada” che questa grande regione offre? Quantomeno per non arrivare impreparati al ritiro del pettorale…

.
L’arancino è la star indiscussa della produzione sicula di finger food: due etti di riso aromatizzato allo zafferano, cui vengono aggiunti i piselli e che presenta al suo interno la graditissima sorpresa di un cuore di ragù. La sua nascita si deve ai Saraceni; in origine era un piatto, fu reso da asporto dandole la forma di un’arancia per facilitarne il trasporto ed il consumo.

.

Lo sfincione è invece molto meno conosciuto della sua più celebre collega, ma altrettanto interessante al palato. Deve il suo buffo nome al fatto che il suo impasto ricorda per aspetto una spugna (in latino “spongia”) ed è una pasta cotta in forno arricchita con pezzetti di caciocavallo e poi ricoperta di salsa di pomodoro, cipolla, sarde salate ed ancora caciocavallo grattugiato. Dobbiamo la sua invenzione alle suore del convento di San Vito, a Palermo, che per prime lo cucinarono a metà del XVIII secolo.

.

Il panino con la milza, veracemente palermitano, è un’esperienza per veri curiosi della cultura culinaria: trattandosi infatti di un pane ripieno di fettine di milza, polmone, pezzetti di cartilagine e trachea di pecora ben si capisce che non possa essere un piatto per ogni stomaco. La carne viene soffritta nello strutto ed il panino, una volta imbottito, viene insaporito con scaglie di caciocavallo e ricotta salata. Questo esempio di street food ante-litteram risale niente meno che all’anno mille (mese più, mese meno…), quando gli ebrei palermitani, non potendo pagare ai macellai cristiani la macellazione delle bestie per ragioni religiose (non si poteva pagare per uccidere), li ricompensavano del servizio svolto con le interiora degli animali macellati.

.

Termina qui questo excursus gastronomico a sud dello stretto.

.

Da quanto sopra si evince che la domenica della gara i partecipanti faranno cosa saggia a tenersi a debita distanza dagli stand descritti ed a continuare a solleticare il loro palato con gel ed integratori, almeno fino all’arrivo, dove parenti, amici ed allenatori li aspetteranno in un tripudio di fritto e strutto in grado di risuscitare un morto…o un maratoneta!

.

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

.

Leggi anche:

Itinerari vicino Torino, passeggiate da non perdere al lago Maggiore e d’Orta, tra borghi, giardini e colori

Luci d’artista Torino 1 novembre – 12 gennaio 2013, le opere che illumineranno il capoluogo sabaudo

Eventi weekend Torino 16 – 17 novembre 2013, due giorni tra antiquariato e sagre

Giorgia Murdolo

Foto: wikipedia.org