Petizione per non abbattere il Monumento alla Memoria delle vittime dell’Heysel, ecco come e dove aderire sul web

Il Comune di Bruxelles vuole abbattere lo stadio Heysel per costruire un nuovo impianto in vista degli Europei del 2020. Una notizia che ha scosso e non poco tutti gli sportivi poichè si tratta dell’ennesimo tentativo di cancellare la memoria di quanto accadde quella tragica notte del 1985. Di seguito pubblichiamo il testo della petizione indirizzato all’On. Tajani che sta girando sul web per chiedere il rispetto della memoria:

 

Abbiamo appreso da fonti giornalistiche della volontà del Comune di Bruxelles di abbattere lo stadio “Re Badouin”, ex “Heysel”, e della volontà di costruire nelle immediate vicinanze un nuovo impianto in vista della candidatura del Belgio all’organizzazione degli Europei di calcio nel 2020.

 

Siamo sinceramente molto preoccupati che nel progetto e nella realizzazione di questa opera vengano cancellati i luoghi di riferimento sacri alla memoria dei 39 cittadini della comunità europea, in maggioranza italiani e juventini, che versarono il loro sangue innocente in un martirio assurdo ed inconcepibile, del quale, a parte la Meridiana e le targhe in memoria, non è rimasta pietra.

 

Quella tragedia crudele è restata comunque impressa non soltanto nei documenti di repertorio, ma ancora di più nei nostri sentimenti.

 

A nome della tifoseria bianconera, che abbiamo l’onore di rappresentare, Le chiediamo, pertanto, in qualità di Borgomastro della capitale della comunità europea, la promessa e l’impegno affinché durante ed al termine dei lavori di cantiere vengano preservate o eventualmente ricollocate degnamente le aree attualmente dedicate dal Comune di Bruxelles alla memoria dei nostri cari.

 

Per questa nostra petizione auspichiamo, inoltre, il sostegno morale e la mediazione presso le autorità belghe e parlamentari competenti da parte del vicepresidente della Commissione Europea, On. Antonio Tajani, che nel 2005 s’impegnò in prima persona alla realizzazione della meridiana-monumento.

 

Questo monumento non deve essere abbattuto, quelle luci non vanno spente! Sarebbe l’ennesimo sfregio alla memoria dei nostri 39 Angeli ed al dolore ancora vivo dei loro familiari.

 

Certi della sua sensibilità e consueta disponibilità attendiamo fiduciosi cortese conferma che questa nostra richiesta possa essere civilmente esaudita.

 

In stima.

Andrea Lorentini (Giornalista e figlio di Roberto Lorentini, vittima Heysel)

Carla Gonnelli (figlia di Giancarlo Gonnelli, vittima Heysel)

Domenico Laudadio (Creatore e Custode www.saladellamemoriaheysel.it)

Annamaria Licata (Portavoce e Membro del “Comitato Per non dimenticare Heysel” Reggio Emilia)

Beppe Franzo – “Via Filadelfia 88”

Tuttojuve.com – testata giornalistica web ( www.tuttojuve.com )

Nicola de Bonis – speaker radio

RadioJuveweb.com – webradio

Calcioblog.it – Magazine

Vecchiasignora.com – forum 90.000 iscritti

 

Il link per firmare: http://www.change.org/it/petizioni/non-abbattete-il-monumento-alla-memoria-delle-vittime-dell-heysel?utm_campaign=share_button_action_box&utm_medium=facebook&utm_source=share_petition

 

Lo speciale di CronacaTorino sull’Heysel: Ricorrenza Heysel 29 maggio 1985, un sogno che si coprì di sangue

 

INVIATECI LE VOSTRE FOTO E SEGNALAZIONI – Per le vostre segnalazioni circa incidenti, emergenze, autovelox nascosti, strade dissestate e buchi sul manto stradale, disagi sociali, odissee burocratiche, truffe, rapine, aggressioni, zone carenti di sicurezza, aree preda di degrado o spaccio, problematiche sui mezzi pubblici, borseggi, maltrattamenti sugli animali o altro, scriveteci e mandateci le vostre foto a redazione@cronacatorino.it – Il nostro Staff riserverà la massima attenzione ad ogni caso, per dar voce direttamente ai cittadini, senza “filtri politici”.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ –  Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Di Redazione

Foto: wikipedia.org

2 COMMENTI

Comments are closed.