Risultati Cus Ad Maiora Torino Rugby, ragazze vincenti e convincenti

gianmarco-perrone-mischia-contro-il-leccoIl CUS Ad Maiora femminile batte la Benetton. La senior maschile sconfitta dal Lecco, mentre l’Under 16 va in Elite
Non avrebbe potuto aprirsi meglio il campionato di serie A per il CUS Ad Maiora Rugby 1951 femminile, che ha battuto in trasferta per 15-12 la blasonata Benetton Treviso. Nel primo tempo le ragazze guidate da Wady Garbet e Antonio Campagna sono andate in svantaggio per una meta trasformata (0-7) e hanno prima accorciato le distanze, con una meta di Monica Bruno (5-7), e poi operato il sorpasso, con un piazzato di Elisa Rochas (8-7). Nel secondo tempo le venete sono tornate a condurre (8-12) e a una manciata di minuti dal fischio conclusivo Camilla Sarasso ha messo a segno la meta del successo, trasformata da Rochas (15-12). Le cussine hanno giocato con Piovano, Pantaleoni, Sarasso, Monica Bruno, Giulia Bruno (st Sandra Guaia), Rochas, Francesca Guaia (st Salvati), Gai, Sparavier (st Ponzio), Scotto, Belloli (st Maietti), Masera, Salvatore, Hu, Zini (st Tombolato). Esordio in A per la 18enne Barbara Tombolato. In panchina Pagano, Di Guida e Bettio.
È invece cominciata con una sconfitta la stagione di serie B della prima squadra maschile, superata al centro sportivo Angelo Albonico dal Tutto Cialde Rugby Lecco per 23-16. I biancoblù di Lucas D’Angelo e Roberto Marchiori, che avevano nel XV titolare due ragazzi del 1998 e quattro del 1996, sono stati condannati dai troppi errori commessi, con una grande quantità di “in avanti”, e da avversari che li hanno sfruttati con grande efficacia e sono stati molto abili a difendere con precisione e tempestività. Assoluta la superiorità sulle touche, proprie e altrui, con capitan Andrea Merlino in evidenza, di cui però i biancoblù non hanno saputo approfittare.
Gli universitari hanno iniziato con convinzione, chiudendo i lombardi nella loto metà campo. Al 2′ hanno avuto la possibilità di firmare i primi punti, con un piazzato che Bombonati ha calciato a lato dei pali. Alla prima ripartenza gli ospiti hanno colpito, con una progressione di Alippi, che, prima di essere placcato, ha smistato su Brambilla, bravo a trovare il corridoio giusto per finire in meta (0-5). Al 13′ con il CUS in attacco, Alippi ha rubato palla, ha passato la metà campo e ha galoppato indisturbato verso la meta. Brambilla ha trasformato (0-12). Al 17′ da una palla fuori da una mischia ai 5 metri offensivi, è scattato Ursache, fermato, e di li a poco Mantelli, è stato contrato a pochi centimetri dalla meta. Al 18′ ancora una mischia e la palla di Ursache non è stata controllata da Merlino. Al 20′ è stato ammonito Mariani e l’Ad Maiora non è riuscito a capitalizzare più di tanto la superiorità numerica. Bombonati al 25′ ha rotto il ghiaccio su punizione (3-12) e al 27′ Brambilla ha ristabilito il margine (3-15). Al 37′ Sacco ha ricevuto il cartellino giallo e Alippi da metà campo ha fallito il calcio. Allo scadere Bombonati dalla piazzola ha fissato il parziale al riposo (6-15).
La seconda frazione ha riproposto il CUS in avanti e al 6’Perrone è finalmente andato in meta, trasformata da Bombonati (13-15). Il numero 10 al 10′ ha mancato il calcio del sorpasso, che gli è invece riuscito al 14′ (16-15). Il vantaggio è durato solo 2′, perché Brambilla al piede ha segnato il 16-18. Scoccata la mezz’ora il Lecco alla mano ha continuato ad avanzare, fase dopo fase, senza che i subalpini trovassero alcuna contromisura, e Rusconi ha realizzato la meta (16-23). Gli universitari non si sono tirati indietro e sull’occasione più ghiotta, una mischia a favore a 5 metri dalla linea, l’introduzione sbagliata ha vanificato tutto. Nel finale Brambilla non ha centrato i pali da grande distanza e Merlino e compagni hanno salvato almeno il punto del bonus difensivo. Il Tutto Cialde ha dunque fatto meritamente il corsaro, inaugurando positivamente il suo campionato. Il CUS dei molti giovani dovrà lavorare per ridurre gli errori. Solo in tal modo il suo rendimento potrà crescere.
TABELLINO:
CUS Torino v Tutto Cialde Rugby Lecco 16-23 (pt. 1-4)
Marcatori: p.t. 9’ m. Brambilla (0-5); 13′ m. Alippi, tr. Brambilla (0-12); 25′ cp. Bombonati (3-12); 27′ cp. Brambilla (3-15); 40′ cp. Bombonati (6-15); s.t. 6′ m. Perrone (13-15); 14′ cp. Bombonati (16-15); 16′ cp. Brambilla (16-18); 31′ m. Rusconi (16-23).
Cus Torino: Amadasi, Alessandrini, Spaliviero, Cisi, Sacco, Bombonati, Mantelli (27′ st Jaluf), Ursache, Merlino, Perrone, Fatica, Toresi (6′ st Spinelli, 31′ st Saluta), Modonutto, Nevio Racca, Novello (21′ st Martina). A disposizione: Messina, Bianco Dezzani. All.: Lucas D’Angelo
Lecco: Brambilla, Alippi, Zappa (21′ st Malzanni), Rusconi, Nicolò Colombo (34′ st D’Antuono). Milani, Rossi, Locatelli, Mariani, Thomas Colombo, Valentini, Frigerio (29′ st Pozzi), Butskhrikidze (24′ st Enslin), Turati (12′ st Rigonelli), Ziliotto (24′ st Mastrogiorgio). A disposizione: Sebastian Damiani. All.: Sebastian Damiani.
Arbitro: Carlo Pastore (Genova)
Assistenti: Simone Arsene e Gabriele Fasano (Torino)
Cartellini: giallo 20′ pt Mariani, 37′ pt Sacco.
Domenica di festa per l’Under 16, che, aggiudicandosi all’Albonico il quarto barrage, per 31-7 ai danni del Monferrato, ha conquistato l’accesso all’Elite. Il duo tecnico composto da Nicola Compagnone e Roberto Modonutto ha schierato Tarchiani estremo, Forneris (1′ st Cravero) e Ponzone (17′ st Genovese) ali, Toniolo (23′ st Iula) e Piunno centri, Vernero apertura, Morea (19′ st Denunzio) mediano di mischia, Riccardi, Fiandanese e Saracco (13′ st Medda) terze linee, Marchiori e Piacenza seconde linee, Roberto (25′ st Giusti) e Speranza (17′ st Bava) piloni e Parlanti Garbero tallonatore. Il Monferrato, allenato da Luca Gubinelli e Guillermo Lovotrico, ha mandato in campo Balteanu estremo, Griffo (22′ st Voglino) e Lovotrico (20′ st Valorzi) alle ali, Marcandetti e Da Pavo (30′ st Pronzato) ai centri, Pizzolato e Chiesa in mediana, Valentini, Volucello e Maraventano in terza linea, Finello (23′ st Pesce) e Verdino in seconda ed Esposito, Truisi (33′ st Sekoum) e Chinelli (1′ st Shelqeti) in prima. A disposizione Lava. Ha diretto Andrea Origlia della sezione di Ivrea.
I padroni di casa sono passati in vantaggio al 3′ con un assist di Forneris per la meta di Fiandanese, trasformata da Piunno (7-0). Al 12′, su intesa fra Piunno e Morea, la palla è pervenuta a Toniolo, che con una bella corsa ha siglato il 12-0. I biancorossi, su azione iniziata da mischia hanno sviluppato un ottimo gioco alla mano, che al 16′ ha imbeccato all’ala Lovotrico, bravo a sprintare in meta. Pizzolato ha trasformato (12-7). La terza segnatura cussina è arrivata al 23′, su una touche ai 5 metri finalizzata da Speranza (17-7). Si è andati all’intervallo così e alla ripresa il Monferrato ha messo sotto pressione la linea difensiva locale. Al 3′ Valentini e Speranza sono stati ammoniti e Compagnone ha effettuato una sostituzione temporanea, inserendo in prima linea Bava, al posto Saracco. Al 7′ Ponzone ha annullato, con una pronta chiusura, una meta ospite. Truisi all’11 si è preso il cartellino giallo e al quarto d’ora, dopo una trama condotta prima da Vernero e Riccardi e poi da Morea e Piacenza,Speranza ha sfondato in meta. Ottima la trasformazione di Piunno (24-7) da posizione impegnativa. Il Monferrato ha dovuto fronteggiare le ammonizioni a Shelqeti e Balteanu e il CUS ha concluso in bellezza al 26′: Medda ha smarcato sulla destra Piacenza, che era lanciato a bersaglio ed è stato fermato. L’arbitro ha assegnato la meta tecnica, trasformata da Piunno (31-7). Biancoblù dunque meritatamente in Elite, al termine di un percorso di barrage altamente positivo.
Successo per i Bulls di serie C, che si sono imposti a Volvera per 27-21. Il team allenato da Dragos Bavinschi ha conquistato anche il punto bonus, segnando quattro mete con Fortunato Bertola, Miotti e Notario, che ha anche realizzato due trasformazioni e un piazzato. Parecchi gli aspetti tecnici ancora da sistemare, ma la voglia e il cuore hanno fatto la differenza. Ha svolto fino in fondo il suo compito l’Under 14, che ha battuto l’Asti per 59-0.
Foto e Notizie: Ufficio Stampa Cus Ad Maiora Torino