Torino – Hellas Verona 2 a 2 Serie A 2013, non basta la doppietta di Cerci

Il Torino di super Cerci non basta per vincere con un Verona ben organizzato. E’ un pareggio che lascia l’amaro in bocca alla squadra granata e ai suoi tifosi, non perché il Verona non meritasse il pareggio, bensì per i due goal subiti, frutto della distrazione della squadra di casa.

 

Il Torino del primo tempo non annovera fra i titolari Glik (lasciato a riposo dal Mister Ventura in quanto diffidato e fondamentale nel derby che si giocherà domenica), Brighi, El Kaddaouri, Immobile e Vives, a riposare visti i tre incontri in 7 giorni che il Toro disputerà.

 

Nel primo quarto d’ora è il Verona ad affacciarsi due volte in area granata con Luca Toni che al 9′ calcia fra le braccia del portiere Padelli e al 12′ lo impensierisce con un tiro ravvicinato sul quale, Padelli, si fa trovare fuori dai pali (fortunatamente per la squadra granata il pallone era uscito dal campo durante l’azione)

 

Al 35Gonzalez colpisce il pallone con il braccio nella propria area, l’arbitro Rizzoli assegna il rigore al Torino: Cerci dal dischetto tira poco sotto la traversa e segna il primo gol.

 

Il pareggio del Verona arriva al 43′; Toni stacca in acrobazia e passa un invitante pallone a Gomez, che indisturbato calcia in rete.

 

L’inizio della ripresa è scoppiettante: il Torino si mangia un gol sotto porta al 46′ con Meggiorini, che da due passi colpisce l’esterno del palo; al 48′ paratona di Padelli su bel colpo di testa del veronese Gomez.

 

Raddoppio granata al 52′: Cerci ribadisce in porta su debole presa del portiere Rafael in seguito ad un tiro ravvicinato di Meggiorini.

 

Un minuto dopo Meggiorini sfiora il terzo gol per i granata, colpendo il palo con un destro da fuori campo.

 

Dopo questa azione personale di Basha, il Torino si spegne, la squadra accusa la stanchezza e il Verona si chiude bene, controllando gli spazi.

 

Il Verona crede nel recupero e non demorde, la squadra gioca tutti i palloni per Toni.

 

Al 65′ Toni subisce un fallo nell’area granata e guadagna il rigoreJorginho va sul dischetto: tiro e pareggio del Verona al 66′..

 

Notando la stanchezza di alcuni dei suoi, Ventura provvede con i tre cambi a disposizione per dare respiro alla squadra: El Kaddaouri subentra a un evanescente Farnerud, un volenteroso Meggorini cede il posto a Ciro Immobile e, a pochi minuti dal termine, Brighi rileva il goleador granata Cerci.

 

All’84’ ultima fiammata granata con un bel tiro da fuori, di Immobile.

 

La partita è stata equilibrata, il Verona di Mandorlini ben organizzato in campo e i giocatori hanno cercato molto Luca Toni in attacco, che si è fatto trovare sempre pronto.

 

Il Torino ha patito la mancanza di Brighi e Vives a metà campo, Bellomo ha risentito del compito affidatogli da Ventura, ricamando passaggi orizzontali a centrocampo, invece di cercare la profondità nelle azioni e dettare i tempi giusti.

 

Fortunatamente Alessio Cerci si è caricato la squadra sulle spalle, segnando due gol preziosi che lo portano, con 5 reti, a guidare la classifica dei cannonieri.

 

Domenica 29 settembre, alla mezza, si giocherà il derby all’Olimpico: i tifosi hanno salutato i granata esortandoli a combattere e, sicuramente, sarà una grande sfida.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Torino o Juventus, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Bologna – Torino 1 a 2, Toro sempre arrembante

Torino – Milan 2 a 2, il Toro convince, ma non vince

Barbara Boeris

Foto: wikipedia.org