Uruguay – Italia 4 a 5 Confederations Cup 2013, Azzurri da bronzo

Gianluigi_BuffonLa doppietta di Cavani rende vane le reti di Astori e Diamanti. L’Italia è costretta a giocarsi la sfida agli extra-time. Questa volta, però, la sorte è differente: gli errori di Forlan, Caceres e Gargano sono decisivi. Gli Azzurri terminano la Confederations Cup 2013 al terzo posto.

 

La Confederations Cup 2013 dell’Italia finisce questa sera. Prandelli, per la gara valida per il 3° posto, decide di dare spazio a chi ha giocato di meno. Davanti a Buffon linea difensiva con De Sciglio e Maggio sulle fasce e Chiellini ed Astori in mezzo. A centrocampo dentro Montolivo, Candreva e De Rossi. In attacco spazio per Diamanti ed El Shaarawi a supporto di Gilardino.

 

Tabarez, invece, si affida a Muslera tra i pali. Davanti a lui spazio per Diego Lugano, Godin e Maxi Pereira. Centrocampo folto con Caceres, Rios, Gargano e Rodriguez. Davanti il trio delle ‘meraviglie’: Suarez, Cavani e Forlan.

 

Inizia su ritmi piuttosto bassi il match. All’8’ la prima segnalazione degna di nota: ammonito Pereira per un fallo su De Sciglio. Al 9’ la prima occasione da rete per gli Azzurri: punizione di Diamanti e colpo di testa per Chiellini. Palla che lambisce il palo alla sinistra di Muslera.

 

Al 12’ arriva la risposta dell’Uruguay: Forlan ci prova da calcio di punizione, ma Buffon blocca senza problemi. Dopo questo inizio, il match si spegne e non accade nient’altro fino al 24’ quando arriva la rete degli Azzurri: la punizione di Diamanti si spegne sul palo, ma Astori ribatte prontamente in rete. 1 a 0 per l’Italia.

 

Al 32’ rete annullata agli uomini di Tabarez: Cavani, che aveva colpito di testa su cross di Forlan, si vede invalidare il gol. Un minuto dopo l’Italia tenta il bis con El Shaarawi, ma Muslera con i pugni riesce ad allontanare.

 

Al 37’ ci provano gli avversari: in area ci prova Pereira, ma Buffon respinge distendendosi sulla sinistra. Nei minuti finali del primo tempo non accade altro. All’intervallo l’Italia conduce il match per 1 a 0 grazie alla rete di Astori.

 

La ripresa si apre senza sostituzioni. Al 54’ è ancora Pereira a cercare di sorprendere Buffon, ma l’estremo difensore italiano blocca senza problemi. Al 55’ ammonito Chiellini per un fallo su Suarez.

 

Al 58’ arriva la rete del pareggio firmata da Cavani: la punta del Napoli è abile a superare Buffon con un piattone sfruttando al meglio un filtrante di Gargano. 1 a 1.

 

Al 61’ ammonito anche Suarez. Al 68’ l’Uruguay tenta di ribaltare il match con un bel contropiede orchestrato da Pereira e concluso da Forlan. Buffon, in due circostanze, si supera e salva la porta italiana.

 

Al 73’ è ancora l’Italia a passare in vantaggio: punizione conquistata da El Shaarawi e trasformata molto bene da Diamanti. 2 a 1 e rete del trequartista del Bologna.

 

Al 76’ ci prova anche Candreva, ma la sua conclusione dalla distanza viene respinta da Muslera. Gilardino tenta di ribattere in rete, ma l’arbitro ferma tutto. L’ex Milan era in fuorigioco.

 

Al 78’ è ancora Cavani a castigare gli Azzurri ed a fissare nuovamente il risultato sul pareggio. La personale doppietta arriva su calcio di punizione: Buffon non più nulla.

 

All’82’ giallo anche per Montolivo. Le due squadre sono visibilmente affaticate e faticano ad organizzare azioni offensive nell’ultima decade di match. Dopo tre minuti di recupero arriva il triplice fischio.

 

A soli tre giorni di distanza gli Azzurri sono costretti a giocare nuovamente i supplementari. Al 99’ episodio dubbio nell’area Azzurra: Aquilani trattiene Godin e l’uruguaiano va a terra. L’arbitro sembra voler dare rigore, ma alla finsce lascia proseguire. Nulla di fatto.

 

Al 100’ ci prova anche Suarez: azione personale per l’attaccante del Liverpool che, sulla linea di fondo campo, tocca male e spreca una buona occasione. Al 110’ secondo giallo per Montolivo ed Italia che resta in dieci uomini.

 

Al 119’ occasionissima per gli avversari: conclusione potente e precisa di Gargano e Buffon che, in tuffo, respinge il pallone. Cavani tenta la ribattuta, ma la terna arbitrale ferma tutto per fuorigioco. Niente da fare, anche la finalina per il 3° posto sarà decisa ai calci di rigore.

 

Forlan (Uruguay): parato

AQUILANI (ITALIA): GOL

Cavani (Uruguay): GOL

EL SHAARAWI (ITALIA): GOL

Luis Suarez (Uruguay): GOL

DE SCIGLIO (ITALIA): PARATO

Caceres (Uruguay): parato

GIACCHERINI (ITALIA): GOL

Gargano (Uruguay): parato

 

Dopo i tempi supplementari, il tabellino è di 5 a 4 per l’Italia. Gli uomini di Prandelli chiudono la competizione al terzo posto. Stasera, alle 24.00 ore italiane, andrà in scena la finalissima della Confederations Cup tra Brasile e Spagna.

 

SCRIVETECI – Se desiderate venga approfondito un particolare argomento di Milan o Inter, o volete dettagli sul calciomercato, scriveteci a redazione@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà lieto di valutare ogni richiesta e approfondire le vostre tematiche preferite, i dubbi “storici”, le proiezioni, le analogie o qualsiasi vostra curiosità.

 

VISIBILITA’ ALLA VOSTRA ATTIVITA’ – Se siete interessati a dare visibilità alla vostra attività commerciale, scriveteci a info@cronacatorino.it

– Il nostro Staff sarà a vostra disposizione per proporvi, senza alcun impegno, le migliori soluzioni pubblicitarie a partire da pochi euro.

 

Leggi anche:

Spagna – Italia 7 a 6 Confederations Cup 2013, comunque grande la prova degli Azzurri

Analisi Spagna – ItaliaConfederations Cup 27 giugno 2013, infortunati, precedenti, formazioni e curiosità

Carlitos Tevez e la dieci, una scelta coraggiosa

Calciomercato Juventus estate 2013, è fatta per Tevez

Calcio malato, Guardia di Finanza nelle sedi di Juventus, Inter, Milan e altre 38 società di calcioitaliane. Tutti i dettagli

 

Matteo Torti

Foto:wikipedia.org