Vuelta Espana 2016 terza tappa, buon lavoro degli uomini Lampre

Il gruppo ha accelerato decisamente il proprio passo nell'approccio alla salita finale, imboccandola con 2' di ritardo dal trio di fuggitivi che erano riusciti a mantenere la testa della corsa

160626-Italiani-Conti-660x338La Vuelta a Espana ha proposto le prime asperità, disegnando un finale interessante per la 3^frazione della corsa spagnola, la Marin-Dumbria Mirador de Ezaro di 176,4 km, con arrivo posto in cima a uno strappo di 1300 metri con pendenza media del 13,8%.
La strada in salita (prima dell’arrivo, il gruppo ha affrontato anche l’Alto de Lestaio, 3^categoria, al km 118 e l’Alto de Paxareiras, 2^categoria, al km 155,4) ha fornito alcuni segnali discreti relativi alla condizione dei corridori della LAMPRE-MERIDA, con Meintjes al traguardo in 13^posizione a 56″ dal vincitore Geniez e Conti (foto archivio Bettini) vivace nelle prime rampre del Mirador de Ezaro.
Gara condotta a lungo da sette attaccanti (Smukulis, Geniez, Serry, Pellaud, Cousin, Selig e Arroyo), scattati dal gruppo subito dopo 20 km di battaglia a inizio tappa e arrivati a toccare un vantaggio massimo di 7′.
Il gruppo ha accelerato decisamente il proprio passo nell’approccio alla salita finale, imboccandola con 2′ di ritardo dal trio di fuggitivi che erano riusciti a mantenere la testa della corsa, ovvero Pellaud, Serry e Geniez, con quest’ultimo capace di resistere sulle terribili pendenze e cogliere il successo davanti a Fernandez (21″), il migliore tra gli uomini del plotone e nuova maglia rossa.
“E’ un peccato non essere riusciti ad avere un nostro corridore nella fuga: andare in avanscoperta, in azioni ben assortite, è la nostra priorità e oggi abbiamo perso una bella occasione, considerando poi che Geniez ha conquistato il successo – ha spiegato il ds Pedrazzini – Nel finale Conti è stato lesto a prendere la salita nelle prime posizioni, Meintjes ha invece una discreta condizione recuperando terreno nel tratto finale dello strappo grazie al suo passo regolare, dopo che era rimasto attardato di qualche secondo sulle rampe iniziali”.
ORDINE D’ARRIVO
1- Geniez 4h28’36”
2- Fernandez 21″
3- Valverde 26″
4- Froome s.t.
5- Chavez s.t.
13- Meintjes 56″
46- Conti 1’46”, 67- Koshevoy 3’22”, 70- Arashiro 3’54”, 87- Grmay 5’34”, 88- Durasek 5’36”, 136- Mario Costa 14’12”, 142- Cattaneo 14’43”, Zurlo s.t.
CLASSIFICA GENERALE
1- Fernandez 9h16’07”
2- Valverde 7″
3- Froome 11″
4- Chaves 17″
5- Quintana s.t.
42- Meintjes 2’49”
Foto e Notizie: Ufficio Stampa Lampre