C.Ar.Pe, il Coordinamento delle Arti Performative di Torino raddoppia e parte con le nuove attività

Prosegue e si rafforza la rete dello spettacolo dal vivo a Torino. Ventinove nuove realtà – fra associazioni, compagnie e singoli professionisti – hanno deciso di unirsi a C.Ar.Pe. entrando a far parte del Coordinamento torinese

Prosegue e si rafforza la rete dello spettacolo dal vivo a Torino. Ventinove nuove realtà – fra associazioni, compagnie e singoli professionisti – hanno deciso di unirsi a C.Ar.Pe. entrando a far parte del Coordinamento torinese che mette in sinergia la galassia delle realtà che promuovono le Arti Performative sul territorio, un solido gruppo informale nato spontaneamente nella primavera del 2020, composto da soggetti professionali, eterogeni tra di loro, tutti operanti nello spettacolo dal vivo: spazi teatrali, compagnie di produzione, associazioni di danza e formazione, festival, stagioni, singoli professionisti e presidi culturali di prossimità.
Raddoppia e sale a 55 il numero totale dei membri che, nell’ultimo mese, si sono incontrati online regolarmente per progettare e realizzare le nuove attività in calendario. Dal confronto è emersa l’urgenza di dedicare le energie, in questa prima fase, alla formazione interna per dare a tutti i membri le informazioni e gli strumenti necessari per affrontare i prossimi mesi, decisivi per chi opera nello spettacolo dal vivo. Ne è nato quindi un ciclo di webinar formativi, gratuiti per coloro che hanno aderito al Coordinamento, in collaborazione con i professionisti del settore, per favorire il trasferimento delle competenze e agevolare l’aggiornamento in vista delle nuove erogazioni del Fondo Unico per lo Spettacolo, della riforma del Terzo Settore e dei continui aggiornamenti normativi dovuti al perdurare dell’emergenza sanitaria.
Si parte venerdì 26 febbraio con un incontro sulle Nuove Istanze al FUS, il Fondo Unico per lo Spettacolo erogato dal Ministero a sostegno del settore, in scadenza il prossimo 25 marzo. Il webinar, organizzato in collaborazione con T.A.P. – Torino Arti Performative – ha lo scopo di affrontare criticità e dubbi sul bando ministeriale, fornendo alle compagnie validi strumenti per orientarsi nella compilazione delle pratiche e per capire in che modo soddisfare al meglio i criteri di accesso a questo importante finanziamento.
Il secondo appuntamento, previsto per martedì 9 marzo dalle 10 alle 13 e condotto da Carlo Mazzini, consulente sulla legislazione e sulla fiscalità degli enti non profit (Quinonprofit.it), sarà dedicato a una formazione puntuale sulla riforma del Terzo settore e alle nuove ottemperanze amministrative che riguarderanno, a partire dal 31 marzo prossimo, tutte le imprese culturali.
Il terzo appuntamento è in programma giovedì 11 marzo: nel corso della mattinata Alberto Cuttica, esperto di fundraising, racconterà come rendere efficaci le attività di pianificazione e raccolta fondi, illustrando strategie, obiettivi e metodi per raggiungere al meglio gli obiettivi. Sempre Alberto Cuttica, nel quarto incontro in programma il 1° aprile, farà chiarezza sui tipi di attività possibili per mettere in atto campagne di crowdfunding produttive.
Continuano inoltre per C.Ar.Pe i momenti di dialogo e confronto con l’Amministrazione cittadina, e i progetti per sviluppare e valorizzare l’eterogeneità, l’ampiezza e le competenze che sempre di più stanno emergendo come identità del coordinamento: in cantiere la mappa degli spazi e dei professionisti dello spettacolo presenti a Torino, destinata ai cittadini e alle istituzioni, e una Banca del tempo e dei servizi per mettere in rete risorse e competenze degli aderenti.
Con l’obiettivo di continuare ad allargare e rafforzare il movimento, il coordinamento invita alla libera partecipazione tutte le realtà del territorio operanti professionalmente nell’ambito delle arti performative e, sottolineando che l’adesione è aperta anche ai liberi professionisti e ai gruppi di lavoro informali. Con la consapevolezza del ruolo di aggregatore sociale, del ruolo civile e culturale che il comparto ricopre all’interno della Città, e con la convinzione che solo attraverso l’unione delle competenze e l’apertura di un dialogo condiviso si possa arrivare a risultati concreti e al rafforzamento del settore con maggiori investimenti, C.AR.PE invita chiunque sia interessato a partecipare alle attività, o anche alla sola mappatura, a visitare il sito e compilare il form presente a questo link: www.carpetorino.org/partecipa
Gli aderenti:
Accademia dei Folli
A.C.G. Anna Cuculo Group
Anomalia Teatro
Antonio Careddu
Ars in Corde – Lo Scatolino
Asterlizze
Atelier Teatro Fisico
Baretti
Bloom Teatro
Brut ma bun – Jam Teatrale
Choros
Chiara Cardea
Compagni di Viaggio
Contrasto Teatro
Crack24
Cuochilab / Play with Food festival
Didee – arti e comunicazione
Diego Garzino
Doppeltraum Teatro
Dramelot
E20inscena Associazione Culturale
Elena Serra
Espace Production
Federica Barbaglia
Fools
Francesca Tamagno Impresa Lirica
Giorgio Alloatti
Giulia Berto
Il Cerchio di Gesso / Cubo Teatro
Il Mulino di Amleto
Il Teatro delle Dieci
Klepsydra Teatro
Lab Perm- laboratorio permanente di ricerca sull’arte dell’attore
Laura Massari
Le Sillabe
LiberamenteUnico
Liberipensatori Paul Valéry
Il Menu della Poesia
Mulino ad Arte
Onda Larsen
Ofm Company
Operazione MIRO
Piccola Compagnia della Magnolia
Pindarica E.T.S.
Progetto Zoran
Proprietà Commutativa
Quinta Tinta
Rita Laforgia
Sabrina Scolari
Téhkné / Earthink festival
Terra D’Ombra
Virginia Ruth Cerqua
Wanderlust – Teatro affido
Foto e Notizie: Ufficio Stampa C.Ar.Pe.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here