Il Cinema Massimo propone l’omaggio a Louis Garrel

Dal 2 al 16 febbraio un omaggio all’attore, regista e sceneggiatore francese Louis Garrel

cinema-massimo-propone-omaggio-louis-garrelTORINO – Dal 2 al 16 febbraio un omaggio all’attore, regista e sceneggiatore francese Louis Garrel con 10 titoli in programma al Cinema Massimo.

Garrel nasce a Parigi il 14 giugno del 1983 in una famiglia profondamente radicata nel cinema francese. Il nonno infatti Maurice Garrel è stato un famoso attore, il padre è il celebre regista Philippe Garrel e la madre è l’attrice e regista Brigitte Sy.

Diventato famoso dapprima come attore (Bertolucci gli offre il primo ruolo importante in The Dreamers, cui seguono film come Les Amants réguliers di Philippe Garrel, Les Amours imaginaires di Xavier Dolan) e diventa l’attore feticcio di Christophe Honoré. Successivamente passa alla regia dirigendo tre commedie delicate e intense, ariose eppure debitrici di una indimenticabile stagione del cinema francese d’autore.

L’omaggio inaugura mercoledì 2 febbraio alle ore 20.30 con il film La crociata di Louis Garrel.

Ingresso 6.00/4.00

Louis Garrel

La crociata (La Croisade)

(Francia 2021, 67’, DCP, col., v.o. sott. it.)

Abel e Marianne scoprono che il figlio tredicenne Joseph ha rubato i loro oggetti di valore – orologi costosi, abiti di alta moda, gioielli, vini pregiati – per rivenderli e finanziare così un progetto misterioso in Africa, mirato a salvare il pianeta dalla crisi ecologica. In verità Joseph non è l’unico ad aver commesso un simile gesto. Ci sono, infatti, centinaia di altri suoi coetanei sparsi nel mondo che si sono uniti per raccogliere fondi e portare alla luce il loro progetto comune.

Mer 2, h. 20.30/Mar 8, h. 16.00

Christophe Honoré

Les Chansons d’amour

(Francia 2007, 95’, HD, col., v.o. sott. it.)

Ismael ama Julie che, per amor suo, è disposta a condividerlo con l’amica Alice. Ismael sta troppo bene in questa condizione per decidersi a fare le scelte che Julie vorrebbe, di avere figli e una famiglia. Un giorno la ragazza muore all’improvviso e Ismael dovrà fare scelte ancora più radicali.

Ven 4, h. 16.00/Dom 13, h. 18.45

 

Jacques Doillon

Le Marriage à trois

(Francia 2010, 104’, DCP, col., v.o. sott. it.)

Un drammaturgo riceve i protagonisti della sua nuova opera teatrale. Ma la presenza della sua ex moglie, insieme a quella della sua nuova amante e di una giovane assistente, renderà la giornata particolarmente movimentata, intrecciando creazione e sfide sentimentali.

Ven 4, h. 18.00/Sab 12, h. 18.15

 

Philippe Garrel

Les Amants réguliers

(Francia 2005, 178’, DCP, b/n, v.o. sott. it.)

François è un giovane poeta e contestatore di appena vent’anni che vive nella Parigi del ’68, durante i moti di maggio. Il ragazzo frequenta la casa di Antoine, ricco rampollo che ospita amici e intellettuali per discutere di arte e consumare oppio. Qui François incontra Lilie, affascinante operaia, attivista politica e scultrice di talento. Tra i due scatta subito l’amore.
Ven 4, h. 20.00/Mer 9, h. 15.45 – La proiezione è preceduta dal cortometraggio Actua 1 di P. Garrel (F 1968, 6’)

 

Louis Garrel

Due amici (Les deux amis)

(Francia 2015, 100’, DCP, col., v.o. sott. it.)

Clément, fragile e ossessivo, lavora come comparsa al cinema e ama platealmente Mona, che lavora in un chiosco della Gare du Nord. Clément vorrebbe trattenerla a Parigi ma Mona ha un treno da prendere ogni sera. Detenuta in semilibertà, Mona nasconde il suo segreto e rifiuta l’amore di Clément. Una sera, con l’aiuto dell’amico Abel Clément, le farà perdere il treno, trasportandola in una notte parigina inaspettata.

Sab 5, h. 20.30/Mer 9, h. 19.00

 

Christophe Honoré

Non ma fille, tu n’iras pas danser

(Francia 2009, 105’, HD, col., v.o. sott. it.)

Tra Parigi e la Bretagna, le inquietudini, le insofferenze, le malinconie di Lena, due figli piccoli, un matrimonio interrotto e una famiglia che vuole il suo bene, ma riesce solo a opprimerla e infastidirla. Un personaggio spigoloso per la brava Chiara Mastroianni in uno scomodo ritratto di famiglia.

Dom 6, h. 17.00/Lun 14, h. 16.00

Valeria Bruni Tedeschi

Un castello in Italia (Un château en Italie)

(Francia 2013, 104’, DCP, col., v.o. sott. it.)

Louise, donna indolente sulla quarantina che ha speso la propria esistenza barcamenandosi tra Parigi e il paesino piemontese di Castagneto Po, deve tornare in Italia da Parigi e fare i conti con la famiglia. Bisogna decidere il destino del castello, la storica dimora famigliare, ormai troppo grande e costosa per le ristrettezze economiche in cui si trovano tutti i componenti.

Dom 6, h. 19.00/Ven 11, h. 18.45

 

Bertand Bonello

Saint Laurent

(Francia/Belgio 2014, 150’, HD, col., v.o. sott. it.)

Nato in Algeria da una famiglia benestante, Yves Saint-Laurent è una stella luminosa che Dior assolda a soli diciassette anni, che a ventidue gli succede e che a venticinque crea con Pierre Bergé il marchio YSL. Colto, dotato e appassionato di cinema, arte e letteratura, il giovane stilista è ritratto da Bonello negli anni compresi tra due storiche collezioni: “Libération” del 1971 e “Ballets Russes” del 1976.

Lun 7, h. 15.30/Mar 15, h. 15.45

 

Michel Hazanavicius

Il mio Godard (Le Redoutable)

(Francia 2017, 107’, HD, col., v.o. sott. it.)

Il ritratto di una delle figure più importanti del cinema francese e mondiale, quella di Jean-Luc Godard, vista attraverso gli occhi dell’allora giovanissima moglie Anne Wiazemsky. Il Sessantotto, il Maoismo, le proteste contro la guerra in Vietnam, ma soprattutto la storia d’amore appassionata e complicata, tra Anne e Jean-Luc.

Lun 7, h. 18.15/Mer 16, h. 16.00

 

Louis Garrel

L’uomo fedele (L’homme fidele)

Marianne lascia Abel perché aspetta un figlio da Paul, il miglior amico di Abel. Il giovane non oppone resistenza e se ne va come fosse niente ma non è niente. Nove anni dopo Paul muore e Abel e Marianne si ritrovano ma Eve, sorella di Paul, è innamorata da sempre di Abel. Nel frattempo, il figlio di Marianne indaga sulla presunta morte per avvelenamento del padre.

Sab 12, h. 20.30/Lun 14, h. 18.15

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here