“Ei fu”. Volti e voci. La narrazione del mito di Napoleone in una versione inedita dell’ode

In occasione del bicentenario della morte di Napoleone, data che il mondo si appresta a celebrare, purtroppo in forma ridotta a causa della pandemia, l'Associazione culturale "Le vie del tempo" che si occupa di divulgazione e ricostruzione storica, collaborando con enti quali la Fondazione Ordine Mauriziano, i Musei Reali, la Villa Reale di Marlia, la Reggia della Venaria Reale, l'Opera Pia Barolo, fra gli altri, ha voluto ricordare questo avvenimento con un progetto dal titolo "Il 5 maggio"

1821 luglio, Alessandro Manzoni nella sua residenza di Brusuglio, legge sulla Gazzetta di Milano la notizia della morte di Napoleone.
L’Imperatore era morto due mesi prima a Sant’Elena.
Manzoni si ritira nel suo studio e compone, d’impeto, il poema.
In occasione del bicentenario della morte di Napoleone, data che il mondo si appresta a celebrare, purtroppo in forma ridotta a causa della pandemia, l’Associazione culturale “Le vie del tempo” che si occupa di divulgazione e ricostruzione storica, collaborando con enti quali la Fondazione Ordine Mauriziano, i Musei Reali, la Villa Reale di Marlia, la Reggia della Venaria Reale, l’Opera Pia Barolo, fra gli altri, ha voluto ricordare questo avvenimento con un progetto dal titolo “Il 5 maggio” che coniuga il proprio amore per la storia e la rievocazione storica in una dimensione che possa travalicare la situazione attuale.
Il progetto è stato prontamente sposato da Paola Gribaudo, Presidente dell’Accademia Albertina di Belle Arti, ente con cui l’Associazione ha già collaborato in passato, e ha visto come scenario proprio l’edificio che ospita questa importante istituzione e la Pinacoteca Albertina, storicamente il contesto adatto per un’ambientazione del periodo della Restaurazione. Il progetto è stato realizzato grazie al lavoro del Corso di Fotografia del Prof. Fabio Amerio.
Il poema, il cui incipit spetta a Manzoni, appena disturbato dalla sua governante, viene poi, via via, declamato da membri dell’Associazione che rappresentano diversi ” caratteri della società”: dal militare, che dietro alle aquile imperiali aveva percorso mezza Europa, alla donna in lutto, che piange la perdita di chi dal fronte non era più tornato. Personaggi, quasi scaturiti dalla mente di Manzoni, colti in un momento della loro giornata, “quel momento” in cui hanno saputo della morte di Napoleone. Dal sacerdote, intento alla preghiera, a cui fa eco la dama che sgrana il rosario, alla visitatrice di un museo, una lavandaia interrotta nelle sue faccende sino una musicista colta durante i suoi esercizi e in ultimo un gentiluomo che commenta la notizia leggendo la Gazzetta di Milano, come lo stesso Manzoni.
Il tempo si è fermato.. un altro tempo, finalmente, per molti, è iniziato.
Martedì 4 maggio alle ore 15.00 presenteremo il progetto in una diretta streaming
sulla pagina Facebook Eventi Accademia Albertina di Belle Arti di Torino
comunicazione@albertina.academy
Foto e Notizie: Ufficio Stampa Accademia Albertina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here