Open Papyrus Jazz Festival Ivrea 17-24 marzo 2018, info e dettagli

Torna l’Open Papyrus Jazz Festival d’Ivrea e Canavese, organizzato da IVREA JAZZ CLUB e MUSIC STUDIO, e il tema di quest’edizione è l’Elogio della follia

Dal 17 al 24 marzo arriva la 38esima edizione dell’Open Papyrus Jazz Festival d’Ivrea e Canavese!
Torna l’Open Papyrus Jazz Festival d’Ivrea e Canavese, organizzato da IVREA JAZZ CLUB e MUSIC STUDIO, e il tema di quest’edizione è l’Elogio della follia.
“L’arte in generale, e forse in particolar modo la musica e la danza, è l’anticorpo a quella condanna di una infinita ripetizione che è la vita. Il jazz e l’improvvisazione ne definiscono in assoluto quel processo creativo che esorcizza la morte in una folle danza che ignora il destino e le regole che il mondo (anche quello dell’arte) ci impone quotidianamente. Le scarpette rosse di Andersen; una volta indossate ci obbligheranno a danzare sino alla fine, scelta folle o liberta? Questo tema o riflessione ci ha portato a legare, tra gli ospiti di questa edizione Petrin e Benni in un recital su Theolius Monk, o la Lydian Orchestra nel suo omaggio ai 50 anni dalla scomparsa di Martin Luther King. Un sogno è sempre a suo modo follia, più quel sogno è grande più deve essere folle, e di certo verrà percepito come tale da propri contemporanei. Ma è di quello che si ha bisogno per sopravvivere, di una sana follia perché solo quella ci rende liberi. Liberi di danzare sino alla fine perché quel senso di libertà diventa irrinunciabile, nonostante il prezzo che si dovrà pagare. Da sempre crediamo che la cultura debba avere una responsabilità politica per questo la relazione Monk – King ci è sembrata naturale.” Massimo Barbiero (Music Studio – Ivrea Jazz Club)
PROGRAMMA
Sabato 17 marzo
Ore 19:00 – Museo Garda, anteprima festival ENTEN ELLER ‘Minótauros’ Progetto per quattro musicisti e quattro danzatrici: Alberto Mandarini (tromba), Maurizio Brunod (chitarra), Giovanni Maier (contrabbasso), Massimo Barbiero (batteria). Giulia Ceolin, Roberta Tirassa, Sara Peters, Tommaso Serratore. Il quartetto Enten Eller suonerà in una sala al Museo Garda mentre in altre quattro sale si esibirà una danzatrice relazionandosi ad uno dei musicisti senza potersi vedere. Un filo (Arianna/labirinto) permetterà al pubblico di seguire il concerto attraverso il museo (labirinto).
Quattro musicisti, quattro temi, quattro danzatrici: Teseo – ragione, Arianna – sentimento, Minosse – potere, Minotauro – follia.
Giovedì 22 marzo
Ore 21:30 – Sala Santa Marta, concerto di COMINOLI, DE ALOE, ZANCHI Lorenzo Cominoli (guitar), Max De Aloe (chromatic harmonica, accordion), Attilio Zanchi (doublebass).
Ore 22:15 – Sala Santa Marta, ‘Tre coreografie sulle musiche dal cd di Barbiero, Savoldelli, Zorzi’ Coreografie: Francesca Galardi, Cristina Ruberto, Giulia Ceolin.
Venerdì 23 marzo
Ore 18:00 – Sala Santa Marta, Guido Michelone presenta il libro IL MICHELONE. Coordina Alberto Bazzurro.
Ore 18:30 – Sala Santa Marta, degustazione a cura del CONSORZIO VINI CANAVESE.
Ore 19:00 – Sala Santa Marta, concerto di OBA MUNDO PROJECT Loris Deval (chitarra classica), Anais Drago (violino), Viden Spassov (contrabbasso), Gilson Silveira (percussioni).
Ore 21:30 – Teatro Giacosa, concerto di HELGA PLANKENSTEINER & PLANKTON Helga Plankensteiner (baritone sax, clarinet, voice), Matthias Schriefl (trumpet), Gerhard Gschlössl (trombone), Michael Lösch (hammond organ, piano), Enrico Terragnoli (guitar, banjo), Nelide Bandello (drums).
Ore 22.15 – Teatro Giacosa, concerto di ENRICO RAVA NEW 4ET Enric
Telefono : +39 0125641161
Ivrea
Web: www.music-studio.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here