Torino Fringe Festival 2021, all’Arena della Casa Teatro Ragazzi l’anteprima dello spettacolo “Figli del Big Bang”

Il Torino Fringe Festival, come ulteriore appendice dell'edizione 2021, presenta sabato 25 settembre alle 19, con ingresso gratuito, all'Arena della Casa Teatro Ragazzi e Giovani, corso Galileo Ferraris 226/c, l’anteprima dello spettacolo “Figli del Big Bang” selezionato attraverso la open call “Casa con vista Fringe”

Il Torino Fringe Festival, come ulteriore appendice dell’edizione 2021, presenta sabato 25 settembre alle 19, con ingresso gratuito, all’Arena della Casa Teatro Ragazzi e Giovani, corso Galileo Ferraris 226/c, l’anteprima dello spettacolo “Figli del Big Bang” selezionato attraverso la open call “Casa con vista Fringe”. Si tratta di una chiamata voluta dal Torino Fringe Festival in collaborazione con la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani Onlus, con la Città di Torino e l’Università degli Studi di Torino: l’obiettivo è quello di promuovere, attraverso la formula della residenza artistica, occasioni di confronto, approfondimento e supporto intorno alla creazione di spettacoli dal vivo.
Lo spettacolo
“Figli del Big Bang” racconta di un pianeta immaginario.
Il suo nome è 4181, è abitato da forme geometriche la cui esistenza è puntellata di accadimenti fratelli a quelli del nostro pianeta Terra. Entrambi i pianeti, infatti, sono figli di un’esplosione. Tra i due si possono intravedere simili vicende di innamoramento adolescenziale, di mescolanze impreviste che generano forme mai viste prima, di rivoluzioni socio-culturali, di omicidi, di protesta, di guerra, di schieramenti politici e ideologici, di lutto, di nuova auspicabile speranza collettiva. In breve, di luce, di buio e di quel punto di colore come quando il sole mattutino sbuca fuori dal mare.
“Figli del Big Bang” cerca di mettere in luce la pericolosa facilità con cui la storia di un pianeta variopinta e articolata può divenire uniforme e a tinta unita, quando non addirittura grigia e gettata nel buio delle scelte – più o meno consapevoli – di chi la abita.
Allo stesso modo desidera far riemergere il potere, in senso positivo, che l’azione del singolo può acquisire se inserito all’interno di un respiro collettivo, rievocando i simboli dell’anima rivoluzionaria anni ’60 – ’70. Scegliere quale forma e posizione prendere in un certo contesto, scegliere se agire insieme agli altri o restare a guardare, ha rilevanza fondamentale nella costruzione dell’identità del singolo all’interno della società in cui vive.
Si dice che le nuove generazioni non partecipino alla vita politica e sociale del loro Paese, che non abbiano spirito di iniziativa, forse accade perché non è stato pensato un terreno sul quale coltivare i loro pensieri, i loro ideali da rendere azioni concrete, le loro riflessioni sul passato insieme alle spinte verso il futuro e agli approfondimenti sul presente. Dov’è finita l’acqua che doveva innaffiare il loro terreno?
“Figli del Big Bang” di Valentina Dal Mas
con Matteo Balbo, Valentina Dal Mas
testo originale Valentina Dal Mas
coproduzione La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale, Compagnia Abbondanza/Bertoni
durata 50’
Ingresso libero. Fascia d’età +14 anni
“Quello con il pianeta 4181 è un incontro che mi accompagna da tempo.
Un giorno ho cominciato ad immaginarlo, senza motivo apparente.
È emerso poco a poco da un paesaggio di nebbia:
é il desiderio di andare al di là
di rivestire i panni di un altrove geometrico
di conoscerne ogni sfaccettatura
– appuntita, spensierata, rotonda, innamorata, arrabbiata, quadrata –
per lasciarmi trasfigurare.
Mi lascio trasfigurare, per giocare.
Cambio aspetto, per gettare un amo
che mi conduca lontano da me.
Cerco lontano, su 4181
non per evadere
ma per vedere meglio al di qua, sul pianeta Terra.
Per sentirmi parte
e guardare dal di dentro lo spazio-tempo in cui sono immersa.
Ogni tanto sprofondo, insieme al mondo
annaspo in vista di appigli
che mi facciano tornare a galla.
Da lì, a pelo di realtà
traccio un cerchio attorno.
Per rinascere.”
Valentina Dal Mas
UFFICIO STAMPA TORINO FRINGE FESTIVAL

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here