Controlli Parco del Valentino Torino, la GdF ferma un 30enne

L'uomo, già noto alle Forze dell’Ordine per furti, rapine e violenza sessuale, è stato arrestato e denunciato alla Procura della Repubblica per violenza, resistenza e oltraggio pubblico ufficiale

Ha concluso la sua serata nei migliore dei modi: al Pronto Soccorso dell’ospedale Molinette dove, dopo essere andato in escandescenze, è stato ricoverato.
Secondo quanto spiegato, è quello che è successo nei pressi del parco del Valentino, quando una pattuglia della Guardia di Finanza di Torino, impegnata nei consueti controlli di prevenzione, è stata oggetto di “attenzioni” da parte di un gruppetto di ragazzi. Uno di questi, senza un apparente motivo, si sarebbe “distinto” per una serie di gestacci rivolti ai Finanzieri.
In base a quanto appurato, l’equipaggio dei Baschi di Verdi del Gruppo Torino ha raggiunto i quattro che fin da subito si sono dimostrati poco collaborativi. Un trentenne, in particolare, avrebbe inveito furiosamente nei confronti dei Finanzieri riempendoli di insulti e minacciandoli addirittura di morte.
Vani i tentativi di riportare il giovane alla calma che avrebbe concluso la sua “performance” tentando di aggredire fisicamente i Finanzieri.
Dopo l’arrivo come supporto di altri equipaggi della Guardia di Finanza, l’uomo è stato arrestato dopo aver gettato, nel frattempo, a terra alcune dosi di droga che nascondeva in tasca. Durante il tragitto verso gli uffici del Reparto, l’uomo avrebbe continuato a minacciare pesantemente i Finanzieri che, una volta arrivati in caserma, non hanno potuto fare altro che richiedere l’intervento dei sanitari del 118 per evitare che potesse arrecare danno a sé e ai militari operanti visto l’ormai evidente stato di alterazione; necessario, per i medici, il suo ricovero presso il nosocomio torinese.
L’uomo, già noto alle Forze dell’Ordine per furti, rapine e violenza sessuale, è stato arrestato e denunciato alla Procura della Repubblica per violenza, resistenza e oltraggio pubblico ufficiale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here