Controlli Porta Palazzo Torino, sette arresti

Nell’area di Porta Palazzo e del quartiere Aurora la Polizia di Stato ha arrestato sette persone per reati diversi

polizia-4Continua senza sosta l’attività di prevenzione e repressione dei reati legati alla microcriminalità, ma non solo, nell’area di Porta Palazzo e del quartiere Aurora da parte degli investigatori del Commissariato Dora Vanchiglia: negli ultimi 4 giorni, sono infatti state arrestate, per reati diversi, 7 persone.
Secondo quanto spiegato, ieri è stata data esecuzione ad un ordine di carcerazione. Si tratta di un cittadino moldavo di 51 anni, il quale  deve espiare una pena di 10 mesi e 3 giorni per atti persecutori (stalking) nei confronti della ex convivente.  L’uomo è stato arrestato  in esecuzione del provvedimento.
In un altro caso, invece, l’attività di indagine avrebbe condotto alla perquisizione domiciliare dell’abitazione di un cittadino italiano pluripregiudicato per stupefacenti: la perquisizione avrebbe avuto esito positivo, essendo state rinvenute 28 tavolette di hashish, di 100 grammi ciascuna, per un peso complessivo di 2800 grammi, 130 grammi di sostanza da taglio e 10mila euro in contanti. Il conduttore dell’immobile è stato tratto in arresto.
In base a quanto appurato, nelle successive ore, nella zona del tratto pedonale di via Cesare Balbo, sarebbero stati individuati, con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine e del Nucleo Cinofili, 4 soggetti, tutti di provenienza centroafricana, sorpresi a spacciare marijuana.  A loro carico sarebbero stati sequestrati una ventina di grammi fra marijuana e cocaina. Tutti sono stati tratti in arresto per violazione della Legge sugli stupefacenti.
Infine, attorno alle 4 del  mattino della notte scorsa, a seguito di segnalazione pervenuta al 113, personale del Commissariato in servizio di Volante avrebbe individuato ed arrestato un cittadino italiano di 58 anni  sorpreso mentre tentava di trafugare, con un sistema rudimentali di ganci in ferro, l’autoradio di una vettura parcheggiata in corso Regina Margherita.