Coronavirus, le misure introdotte dal nuovo Decreto

Il nuovo decreto emanato dal Governo per limitare la diffusione del contagio fornisce molti poteri ai Sindaci

elezioniIl nuovo decreto emanato dal Governo per limitare la diffusione del contagio fornisce molti poteri ai Sindaci. In dettaglio, i primi cittadini potranno decidere autonomamente la chiusura di alcune zone della città dalle ore 21 in poi (lasciando consentito il transito per i residenti e per coloro che si stanno recando nelle attività commerciali della zona) nel caso in cui dovessero esserci particolari rischi di assembramento. E molti primi cittadini (come quelli di Nichelino e Vinovo) hanno deciso di riaprire il centro operativo comunale, per analizzare la situazione e prendere eventuali provvedimenti.
Nel frattempo, ecco i punti salienti del decreto Conte:
SCUOLE: continueranno IN PRESENZA. Quelle secondarie come licei e istituti professionali potranno avere modalità più flessibili come ingressi scaglionati dalle ore 9,00 e se possibile turni pomeridiani. Le università potranno attuare piani didattici differenti in base al quadro pandemico territoriale.
BAR E RISTORANTI: dovranno chiudere entro le ore 24,00 e riaprire non prima delle ore 5,00. Per ogni tavolo potranno sedersi un massimo di 6 persone. La somministrazione in piedi sarà permessa solo fino alle ore 18,00. La consegna a domicilio potrà avvenire senza vincoli di orario mentre l’asporto sarà possibile fino alle 24,00.
Sarà obbligatorio per tutti i locali, apporre esternamente un foglio che indichi il numero massimo di persone ammesse all’interno.
SPORT: continua il divieto agli sport di contatto praticati a livello amatoriale, stop anche alle competizioni dilettantistiche di base. Permesso ancora lo sport individuale e quello praticato da tutti i professionisti.
PALESTRE E PISCINE: il Governo ha scelto di lasciare una settimana di tempo per verificare, insieme al Comitato Tecnico Scientifico per la verifica del rispetto dei protocolli da parte di tutte le strutture, alla fine di questa settimana verrà comunicato se le attività potranno restare aperte oppure se dovranno chiudere.
SAGRE E FIERE LOCALI sono sospese, verranno invece CONSENTITE le MANIFESTAZIONI FIERISTICHE di carattere nazionale e internazionale.
CONGRESSI verranno permessi solo in modalità a distanza.
SALE DA GIOCO: l’attività resta consentita ma le attività dovranno chiudere entro le ore 21,00.
SMART WORKING verrà incentivato l’utilizzo di questa modalità ove possibile, le riunioni nella Pubblica Amministrazioni dovranno avvenire a distanza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here