Presidio alla Procemsa di Nichelino, il Comune porta ai lavoratori le stufette per scaldarsi

Il sindaco Giampiero Tolardo e l'assessore Fiodor Verzola hanno portato cibo caldo e delle stufette elettriche per riscaldare i lavoratori in questi giorni di freddo pungente

Stufette e cibo caldo per rifocillare i dipendenti Spefar che da giorni sono in presidio permanente davanti alla Procemsa di Nichelino, azienda farmaceutica che poche settimane fa ha interrotto il rapporto di collaborazione con Spefar il che ha causato la perdita del lavoro per 35 persone, la maggior parte donne. Il sindaco Giampiero Tolardo e l’assessore Fiodor Verzola hanno portato cibo caldo e delle stufette elettriche per riscaldare i lavoratori in questi giorni di freddo pungente. “Grazie alla gentilezza della ditta accanto alla Procemsa – spiega Verzola -, siamo riusciti con la protezione civile a collegare le stufe alla corrente di quello stabilimento, così da dare un po’ di sollievo ai lavoratori in protesta”. La trattativa per cercare di ridar loro un impiego, nel frattempo continua.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here