Sfruttamento prostituzione Torino, schiavizzata per tre euro al giorno

L’uomo, con minacce verbali e fisiche, avrebbe costretto la donna a prostituirsi per lui e a consegnargli tutto quanto guadagnava

CarabinieriHa vissuto per due mesi con 3 euro al giorno e ha indossato gli stessi vestiti (anche intimi). Sarebbe stata sfruttata e picchiata dal suo uomo, una cittadina romena di 21 anni era arrivata in Italia per lavorare come impiegata ma ha fatto la schiava per tre euro al giorno.
Secondo quanto spiegato, i Carabinieri della Stazione Campidoglio hanno arrestato un cittadino romeno di 26 anni, senza fissa dimora in Italia, poiché ritenuto responsabile di sfruttamento della prostituzione.
L’attività investigativa, scaturita dalla denuncia presentata dalla vittima, ha consentito di dimostrare che dal mese di maggio 2016, l’uomo, con minacce verbali e fisiche, avrebbe costretto la donna a prostituirsi per lui e a consegnargli tutti i soldi. La paga per Irina (nome di fantasia, ndr) era pari a zero, tanto che la donna era costretta a “fare la cresta” sui soldi dei clienti e a togliere tre euro al giorno per mangiare un panino. Viveva nella sporcizia, senza sapone, dentifricio e il minimo per la cura e la pulizia della persona e da due mesi indossava gli stessi vestiti. La donna ha denunciato la sua sottomissione assoluta dopo essere stata picchiata da Daniele perché l’aveva accusata di aver guadagnato poco.

1 COMMENTO

  1. In ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali, per non dire di osservare le stesse professioniste con uno smartphone in mano ed anche un’autovettura a disposizione. La risposta a tutto questo è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa.

Comments are closed.