Intervista a Chris St. John, l’album “I’m Dreaming” e la storia di una vita avventurosa

Torniamo alla musica con l'album "I'm Dreaming" di Chris St. John. Un esordio di questo musicista americano molto profondo e sincero

Torniamo alla musica con l’album “I’m Dreaming” di Chris St. John. Un esordio di questo musicista americano molto profondo e sincero. Un inizio musicale particolare, specie se si parla di una persona che si è particolarmente distinta nella carriera di Avvocato, Procuratore e Giudice.
Scorrendo si scopre la sua passione per i cavalli e una esperienza anche come cowboy.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Ciao Chris, come stai? Questo virus ha cambiato completamente la nostra vita. Come hai passato questo periodo?

Penso che la pandemia ci abbia sorpresi tutti. Nel mio studio legale mi è dispiaciuto aver dovuto licenziare 6 dipendenti per salvare l’azienda e il lavoro del mio staff. Mi sono assicurato che fossero curati mentre erano fuori mantenendo la loro assicurazione sanitaria in atto, e ora sono tutti tornati. Mi ha spezzato il cuore dover intraprendere un’azione decisiva, ma ha funzionato, salvando l’azienda e tutti i loro posti di lavoro.
Provavo ansia e tristezza in quel periodo, quindi sono andato via da solo per un capriccio a un vero rastrellamento di bestiame. C’erano 5 cavalieri, me compreso, 12 ore al giorno in sella, dormendo in Tee Pee individuali di notte, prendendo a pugni 650 capi di bestiame giù per Big Horn Mountain, nel Wyoming.
Sono rimasto un paio di giorni a Jackson Hole e mi sono innamorato dei cavalli e della vita da cowboy. Ho acquistato il mio cavallo preferito durante il viaggio dall’allevatore e l’ho spedito a New York. Ho scritto la canzone “I Need a Horse” mentre aspettavo che arrivasse il mio cavallo, Reagan. La canzone mi è piaciuta così tanto che l’ho fatta produrre professionalmente, ed ero così felice del risultato che ho deciso di fare un album.
Cosa devono aspettarsi i fan dal tuo album?
Possono aspettarsi di sentire una valutazione aperta e onesta della mia vita. In realtà non trattengo nulla e spero che la mia musica, i testi e la voce esprimano all’ascoltatore le mie gioie e i miei dolori. Guardo attentamente le cose a cui la gente non vuole pensare o parlare, ma sono stato attento a scegliere principalmente accordi maggiori per mantenere l’album allegro.
Ho lavorato duramente per assicurarmi che i testi e la sincerità della mia voce trasmettessero chi sono a persone che non conosco. C’è dolore nelle canzoni, ma continuo a tornare alla speranza e alla perseveranza, perché amo la vita nonostante le cose che tutti noi dobbiamo sopportare. Le mie canzoni in questo album sono autobiografiche, alcune scritte molto tempo fa e 4 scritte mentre l’album era in produzione.
Le mie influenze musicali sono folk, country, soft rock, americana e vanno dagli anni ’50 agli anni ’80. Ho cercato di creare il suono in modo univoco, con un tocco moderno, e penso che il risultato sia quello che immaginavo. Volevo che l’ascoltatore non sapesse mai cosa aspettarsi dopo. Gli stili delle canzoni differiscono un po’, ma stranamente si adattano bene come corpo di lavoro. Ho lavorato molto duramente per farlo accadere, e spero davvero che le persone apprezzino l’album. Così tanti album e canzoni che ho ascoltato crescendo hanno migliorato la mia vita. Spero umilmente che queste canzoni siano di conforto per le persone allo stesso modo.
In che modo il tuo lavoro di avvocato, procuratore e giudice ti ha influenzato?
La mia passione per la musica e l’espressione artistica sono sempre state in me, fin da bambino, e ha preceduto la mia carriera. È difficile negare che la mia capacità di leggere, scrivere e il mio potere di analizzare e persuadere siano migliorati rispetto a ciò che faccio per vivere, ma non credo che queste cose mi aiutino a scrivere una canzone migliore. Cerco di non lasciare che la mia carriera interferisca con ciò che ho da dire nelle mie canzoni, perché il mio stile di scrittura è personale, confessionale e catartico, e i miei testi devono essere fedeli a chi sono sempre stato.
C’è una canzone a cui sei particolarmente legato?
Divertente che tu lo chieda. “I Need a Horse” è stata la prima canzone che ho prodotto. Amo quella canzone. Potrebbe non essere la migliore traccia dell’album per tutti. È come dovrebbe essere: tutti hanno una canzone preferita su un album e spesso cambia più ascolti. “Horse” mi ha avviato in questo viaggio di fare musica professionalmente e mi ha portato un cavallo che mi dà una gioia indescrivibile. Adoro anche “The Winds they Blow” in questo momento.
Come crei di solito una canzone? Da dove viene l’ispirazione?
La maggior parte delle canzoni arriva velocemente e da un luogo interno che non riesco a descrivere adeguatamente. Ho sognato molte canzoni e mi sono svegliato per scrivere parti e registrarle. Se non lo fai, ti svegli la mattina senza avere idea di cosa hai sentito è sparito per sempre. Alcune canzoni che ho scritto durante il giorno nei momenti più strani mi colpiscono. Ero magari in compagnia e mi sono semplicemente diviso con la mia chitarra in un’altra stanza per scrivere abbastanza tranquillamente in modo da poter riprendere più tardi. Tornavo poi nell’altra stanza con l’ospite che si chiedeva dove fossi sparito.
“I’d Send You My Heart” è una canzone davvero molto bella. Ci racconti qualcosa in più su questo pezzo?
Sono felice che ti sia piaciuta. Avevo una melodia salvata sul telefono che ho scritto sulla chitarra. Mentre stavo scrivendo l’album ho deciso che volevo fare qualcosa con questa registrazione. Mio zio era morto e scrivevamo o parlavamo quasi ogni giorno mentre lui invecchiava e viveva da solo.
Ho scritto “Se potessi mandarti un messaggio in paradiso in questo momento, manderei un bacio, un sorriso, pollice in alto, ti manderei il mio cuore…” Ha dato il tono alla seconda strofa e agli strumenti scelti in seguito.
Le parti di violoncello e corde di nylon erano il compagno perfetto per la melodia di chitarra che avevo scritto. Volevo che la musica, i testi e la voce condividessero la canzone in modo che fossero tutti uguali e raccontassero la storia.
Progetti per il prossimo futuro?
L’album “I’m Dreaming” è ancora nuovo di zecca e la promozione è appena iniziata. La risposta è importante per le decisioni da prendere. Stiamo facendo video unplugged delle canzoni, e così facendo la nostra band si sta formando bene. Mi piacerebbe andare in tour con l’attuale ensemble che abbiamo messo insieme. Sono estremamente talentuosi e, come band, andiamo d’accordo e ci godiamo la reciproca compagnia, il che è importante. Sto già scrivendo nuove canzoni per il prossimo album, che penso possa essere realisticamente completato entro 6 mesi o un anno.
C’è un artista con cui ti piacerebbe lavorare?
Se mi fai questa domanda ogni giorno, probabilmente avrò una risposta diversa ogni volta che mi verrà chiesto. Ci sono così tanti artisti che amo. Seduto qui adesso? Vivo: David Gray. Deceduto: George Harrison.
Siamo italiani. Hai dei ricordi riguardanti il ​​nostro Paese?
Ho scoperto di recente di essere italiano al 17% da un test del DNA. La scoperta è stata significativa e abbastanza inaspettata, ed è descritta in “Your Baby Loves You” nell’album. Ero abbastanza felice di questo. Da bambino, abbiamo celebrato molte feste e sagre italiane in famiglia, anche se siamo per lo più di origine irlandese, amiamo la cultura italiana, il meraviglioso cibo che viene dall’Italia, ma soprattutto le persone. Ho trovato gli italiani affettuosi, amorevoli ed estremamente divertenti con cui stare. Ho intenzione di recarmi in Italia non appena il COVID si sarà attenuato. È nella mia lista di viaggi da un po’ di tempo. Per il 50° anniversario di matrimonio dei miei genitori, li abbiamo mandati in Italia e l’hanno adorato. Siamo riusciti a fargli vedere Giovanni Paolo II in Vaticano. Ci sono così tanti posti che mi piacerebbe visitare in Italia. Per qualche ragione, le nostre canzoni stanno andando molto bene a Milano, quindi forse inizieremo il nostro primo tour lì.
Ultima domanda: un messaggio per i tuoi fan italiani.
Grazie per aver ascoltato e apprezzato la mia musica. Vi apprezzo molto e spero di vedervi presto.
(Alessandro Gazzera)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here