Intervista a Dennis Haklar, la bellezza della Trascendenza

Un viaggio mistico tra sensazioni e sentimenti. Questo è l'obiettivo di "Transcendance", il nuovo disco del geniale Dennis Haklar con il maestro percussionista Giovanni Hidalgo e la misteriosa Steffie Moonlady

Un viaggio mistico tra sensazioni e sentimenti. Questo è l’obiettivo di “Transcendance“, il nuovo disco del geniale Dennis Haklar con il maestro percussionista Giovanni Hidalgo e la misteriosa Steffie Moonlady.
A raccontarci qualcosa di questo album è proprio Dennis Haklar che non nasconde il profondo amore verso l’Italia e la sua gente.
Ecco cosa ci ha raccontato:
Buongiorno Dennis, cosa devono aspettarsi i fans da Transcendance?

“Transcendance” è un album che ho realizzato con l’aiuto di Steffie Moonlady e Giovanni Hidalgo. Ha percussioni tribali con parti vocali, musica elettronica, chitarre e trame di world music. Una miscela unica di stili. Si chiama “Transcendance” perché ti trasporta in altri mondi con la musica che ti fa fare un fantastico viaggio.
Abbiamo ascoltato il disco ed è sicuramente un lavoro molto interessante. C’è una canzone a cui sei maggiormente legato?
La canzone a cui sono particolarmente affezionato è “Frames”. Ha varie sezioni su cui ho lavorato parecchio. Ho usato un pedale per la chitarra personalizzato che ho progettato e costruito io.
È una combinazione di overdrive e ring modulator. Ho impiegato molto tempo per ottenere i suoni e le trame giuste per creare le atmosfere interne ed esterne di “Frames”. Ci sono oltre sessantaquattro tracce separate in questo lavoro, inclusi più livelli di voce. Alcuni di loro sono stati elaborati per dare l’impressione di un coro angelico.
Lavoro con Steffie Moonlady da oltre trent’anni in diversi ambienti di studio e insieme abbiamo sviluppato un suono unico con il nostro particolare modo di lavorare. Le parti con le percussioni che Giovanni ha suonato sono state eseguite in una sola ripresa e provengono dalla nostra prima sessione di lavoro. La struttura di “Frames” è stata registrata dal vivo come improvvisazione. Sentivamo che la musica ci guidava… Si è trattato di un qualcosa di molto mistico.
Come è nata la collaborazione con Giovanni Hidalgo?
Siamo stati presentati da un comune amico. Abbiamo iniziato a parlare e Giovanni mi ha invitato nel suo studio. Abbiamo suonato diversi groove e cercato l’atmosfera giusta per creare musica. Nello spirito dell’improvvisazione jazz, non ci ripetiamo mai. Giovanni poi è venuto nel mio studio e abbiamo iniziato a lavorare al nostro album “Transcendance”.
Come crei una canzone? Da dove nasce la tua ispirazione?
Se ti riferisci a “Transcendance”, il mio scopo era creare un’atmosfera con gli strumenti che dovevano quasi “volare”. Il tutto come se tu fluttuassi nello spazio o nuotassi. Insieme a Giovanni Hidalgo, abbiamo scolpito un suono.
L’ispirazione è venuta dal nostro background collettivo e dalla nostra sintonia con la rispettiva fede in ognuno di noi. Il nostro pianeta è malato, vogliamo dare alle persone qualcosa a cui aggrapparsi. Un’offerta di speranza e la consapevolezza che facciamo parte di una frequenza più alta.
La canzone Flamas Azul è pazzesca. Ci racconti come è nata?
Giovanni mi ha chiesto di fare un progetto discografico. Una volta fissata una data per la sessione, abbiamo deciso di creare un qualcosa che fosse di ispirazione e riflessivo. Volevamo creare qualcosa che portasse l’ascoltatore in un viaggio attraverso il mondo sia interiore che esteriore.
Abbiamo iniziato il pezzo “Flamas Azul” come un’improvvisazione. Giovanni Hidalgo ha suonato vari strumenti a percussione accordati tra cui campane e ciotole da meditazione di varie forme e dimensioni. Ho suonato la mia chitarra con corde in nylon sintetizzato Godin. La delicata trama che inizia il pezzo è un’interazione tra noi che ci ascoltiamo attentamente e rispondiamo ai suoni, agli accordi e alle melodie che stavano “venendo fuori”. È stato molto magico, tutto improvvisato. Non siamo entrati in seduta con grafici o nozioni preconcette su nulla. L’unica clausola, per così dire, era di essere noi stessi.
Qualunque cosa accada in tempo reale è ciò che dovrebbe essere e non abbiamo fatto nessun secondo o terzo tentativo. Si è trattato di una improvvisazione strutturata, nel senso di attingere alla nostra coscienza collettiva e avere la libertà di esprimerla senza alcun giudizio.
Abbiamo continuato a registrare in questo modo e siamo stati molto ispirati. Ciò che era stato originariamente pianificato come una sessione di un giorno, si è trasformato in una maratona di tre giorni di improvvisazioni registrate.
Col passare del tempo, ho iniziato a setacciare la montagna di musica che avevamo creato. Giovanni ha dato a questo pezzo il titolo “Flamas Azul” che si traduce in “Fiamme Blu”. Se chiudi gli occhi mentre ascolti questo pezzo, puoi vederla.
Qualche chance di vedere questo disco dal vivo?
Non ci sono dei piani per un tour anche a causa della pandemia per Covid-19.
Progetti per il prossimo futuro?
Il futuro dipende dal supporto dei nostri fans. Per il download della musica e gli aggiornamenti su qualsiasi attività futura, è possibile trovare informazioni su http://www.dennishaklar.com
Questo virus ci ha costretti a cambiare bruscamente le nostre abitudini. Come sta andando questo periodo?
Questo periodo è stato molto impegnativo. Come musicisti, le esibizioni dal vivo sono sempre state un mezzo significativo per sostenere le nostre famiglie e noi stessi. La pandemia mondiale ci ha però portato via tutto questo. Le sale da concerto sono vuote e le persone non si sentono più a proprio agio a riunirsi per grandi appuntamenti musicali. Tuttavia, abbiamo ancora i nostri strumenti e le nostre capacità di suonarli fintanto che stiamo bene. Continuiamo a produrre opere per il futuro. Ma abbiamo bisogno del supporto dei nostri fan, questo è ovvio.
C’è un musicista con cui ti piacerebbe collaborare?
Ci sono molti artisti con cui vorrei lavorare. Mi viene in mente Jon Anderson. Jon ha cantato nel mio album “Lizard’s Tale“, ma mi piacerebbe fare un intero disco con lui.
È un onore lavorare con il maestro percussionista Giovanni Hidalgo, e spero di continuare a creare musica con lui. Forse un giorno potremo venire a visitare il tuo bel Paese.
Una delle mie più grandi ispirazioni è John McLaughlin, ho sempre ammirato il suo lavoro.
Amo da sempre la musica di Mike Oldfield, Steve Howe, Roger Waters, Peter Gabriel, Brian Eno, Robert Fripp, Edgar Froese. Wow, posso andare avanti e avanti. Tutti questi artisti sono fantastici e hanno avuto un’enorme influenza su di me. Fanno tutti parte del mio subconscio musicale che a volte arriva nelle mie composizioni, suppongo.
Noi siamo italiani. Hai qualche ricordo particolare legato all’Italia?
Io amo l’Italia. Tanta storia, tanta cultura. La mia cucina preferita è ovviamente quella italiana. Bella terra, bella gente.
Ho guardato le notizie su come il popolo italiano ha dovuto lottare durante questa pandemia di Coronavirus. Così tante persone hanno perso la vita ed è così triste.
L’Italia ha tanto da offrire al mondo, soprattutto nella musica. È così bello e stimolante sapere che abbiamo fans italiani. I nostri cuori e le nostre anime sono con Voi.
Ultima domanda: un messaggio per i fans italiani
Grazie per aver dedicato del tempo ad ascoltare la nostra musica. Grazie per il vostro supporto, significa tutto per noi, lo apprezziamo davvero. Amiamo l’Italia e speriamo di suonare dal vivo per voi un giorno.
Questo è un momento difficile per il nostro pianeta. La nostra speranza è che voi troviate qualcosa nella nostra musica per aiutarvi nelle lotte della nostra esistenza mortale. È nostro desiderio che vi uniate a noi in questo viaggio verso la pace interiore e la forza attraverso la “Trascendenza”. (Alessandro Gazzera)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here